Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

La violenza sulle donne trova epifania in moltissimi modi, da quelli più estremi, quali il femminicidio, lo stupro, lo stalking, a quelli più occulti e subdoli, che si manifestano nella violenza di carattere psicologico in una società ancora fortemente attraversata dalla misoginia. Nel civilissimo “2022” i numeri sono impietosi. La media delle donne vittime di reati di genere che denunciano violenze in Italia ogni santo giorno arriva a novanta. Questo vuol dire che ogni anno le denuncianti raggiungono un’astronomica cifra che si attesta a ben oltre trentamila unità. Assolutamente aberrante. E viene da chiedersi quante siano invece quelle che sopportano in silenzio e tacciono: di sicuro sono molte di più. Secondo dati ufficiali relativi all’anno 2021, la maggior parte delle denunce giornaliere si registra in Sicilia con 172 casi, segue la Campania con 152. Questo dato smentisce il luogo comune che al Sud ci sia una scarsa propensione da parte delle vittime nel denunciare gli abusi. La terza regione dove si registrano più reati di genere è la Lombardia (132) seguita dal Lazio (124) e dal Veneto (112). La situazione ha dunque raggiunto una gravità inaccettabile. Parte dell’universo maschile sembra non voler comprendere che la parità di genere è uno stato di natura che risponde, peraltro, ad ogni principio morale anche di natura religiosa. Soprattutto nella nostra etica, quella che trova le sue radici nel cristianesimo, il rispetto nei confronti della donna costituisce un imperativo categorico.

Naturalmente la situazione non muterà laddove non cambi la cultura e in questo può intervenire con efficacia la scuola.

In prima linea, per amore di verità, c’è sempre l’IOS “Francesco De Sanctis” di Lacedonia, guidato dalla D. S. Silvana Rita Solimine, un Istituto che, a tutti i livelli, promuove la parità e il rispetto tra i generi nella pratica quotidiana, non mancando mai di far udire la propria voce con gesti concreti.  

In  tale ottica si è tenuta anche la manifestazione del 25 novembre, in occasione  della giornata nazionale contro la violenza sulle donne. Una serie di flash mob tenutisi in luoghi emblematici del paese (di fonte al municipio, in piazza “De Sanctis”, di fronte allo storico magistrale e nel piazzale antistante la sede dell’IOS. Le classi partecipanti sono state quelle della secondaria di primo grado e le classi quinte degli eterogenei indirizzi della secondaria di secondo grado. Ad animare gli ottimi docenti, qui nominati in ordine alfabetico: Maddalena Bovenzi, Antonella Cericola, Stafania Cuozzo, Massimo D’Alesio, Massimo D’Alessandro, Rosa Fastiggi, Irene Megliola.

Condividi su:

 

Il 2 di giugno del 1878, nella qualità di Ministro della Pubblica Istruzione del Regno d’Italia, Francesco De Sanctis telegrafò il testo che segue al coevo sindaco di Lacedonia: «In questo giorno di festa nazionale annunzio istituzione costà di Scuola Governativa Rurale Magistrale Maschile. Confido che non manchi energico concorso cittadino senza il quale le migliori istituzioni inaridiscono».

 

Il messaggio del grandissimo letterato e politico segnò l’incipit di una magnifica storia, quella della scolarizzazione di larghe fasce della popolazione d’Irpinia e del Meridione e di un dualismo simbiotico tra scuola e territorio che ha segnato tutto il Secolo breve e che ancora oggi produce effetti benefici.

 

La continuità orizzontale tra istituzione scolastica e società civile è stata, nei precorsi decenni, punto di grande forza degli Istituti Superiori di Lacedonia, la cui comunità ha seguito alla lettera l’ammonimento di Francesco De Sanctis, al punto che per un lunghissimo periodo si è ingenerata una sorta di anomala sinonimia tra il vocabolo “scuole” e il nome del paese: Lacedonia significava essenzialmente “scuola”.

 

Tale passato è ben lungi dall’essere stato cancellato dalle concrezioni del tempo, perché esso vive nella mentalità e soprattutto in una prassi, didattica e pedagogica, che pone al centro lo studente, la cui crescita complessiva costituisce il solo obiettivo da sempre perseguito.

 

E dunque perché mai al giorno d’oggi uno studente dovrebbe scegliere gli indirizzi scolastici proposti dall’IOS “F. De Sanctis” di Lacedonia?

 

 

 

·        Per esperienza diretta posso affermare che la scuola vanta una dirigenza e un corpo docente forieri di grande preparazione, di notevole spirito di servizio e, caratteristica non affatto secondaria, di reale interesse rispetto alla evoluzione culturale e umana di ogni studente nel segno dell’empatia estroflessa in ogni rapporto intersoggettivo.

 

·        Lo studente, laddove lo voglia, è messo in condizione di essere protagonista attivo della sua formazione e non soltanto fruitore passivo dell’insegnamento curricolare, che pure viene impartito nelle forme più adatte alla irripetibile singolarità costituita da ogni essere umano, soprattutto in una fase delicata quale quella del passaggio dalla prima adolescenza alla giovinezza.

 

·        La scuola, soprattutto per gli indirizzi di carattere tecnico, favorisce l’apprendimento in situazione, che pure si fonda su solide basi teoriche. L’Istituto non perde occasione per acquisire nuovi strumenti tecnologici che facilitino l’acquisizione di conoscenza teorico-pratica.

 

·        Lungi dall’essere un “castello con il ponte levatoio sollevato”, l’IOS lacedoniese è invece una istituzione aperta al territorio e sempre pronta a cogliere le opportunità offerte dalla società civile in termini di collaborazione positiva nell’interesse degli studenti.

 

·        L’IOS “De Sanctis” è una scuola “dialogante”, in perenne ascolto delle istanze promananti dagli studenti e dalle famiglie.

 

E queste non sono che alcune delle caratteristiche che trasformano queste aule in luoghi di costruzione personale. Molti saranno i chiarimenti offerti nel corso dell’OPEN DAY on line che si terrà domani, 11 dicembre, dalle ore 16.00 alle 18.00. Il link di accesso è il seguente: htpps:/meet.googlm/cmr-wrsr-dhh

 

 

Condividi su:

 

Il terremoto del 1980, per l’Irpinia, è stato uno degli eventi più funesti dell’intera storia del territorio, pari, probabilmente, a quello verificatosi mezzo secolo prima, nel 1930, ed inferiore soltanto al cataclisma che devastò la quasi totalità del Meridione d’Italia nel 1456. Ricordare è importante non soltanto per rivolgere un pensiero commosso alle vittime e a quanti, in quelle circostanze, sperimentarono una sofferenza reale, di quelle che tolgono il respiro e sembrano fermare il cuore, ma anche per spiegare alle nuove generazioni la fragilità di un territorio a perenne rischio perché situato su faglie attive, nel nostro caso tanto orizzontali quanto verticali, come mostrano le mappe dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Il solo modo per prevenire catastrofi come quella de qua è ricorrere a modalità costruttive antisismiche, avvalendosi di materiali idonei e non di scarto, come avveniva sovente nel passato, per motivi di risparmio economico. I giovani vanno resi edotti dei rischi e preparati adeguatamente soprattutto ad alimentare, in futuro, una società consapevole e votata a buone pratiche che tengano in non cale il profitto a fronte del diritto alla sicurezza. La scuola, in tale contesto, assume un ruolo di importanza primaria, chiamata com’è a forgiare i cittadini che dovranno muovere i propri passi esistenziali sul filo teso del domani. Forte di tale consapevolezza, la dirigente scolastica prof.ssa Silvana Rita Solimine, che guida da titolare l’IIS “E. Fermi” di Vallata e, in regime di reggenza, l’IOS “F. De Sanctis” di Lacedonia, ha accolto l’invito promanante dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sede di Grottaminarda, che domani si collegherà da remoto con gli studenti delle scuole sopra citate in occasione del quarantunesimo anniversario del terremoto che il 23 novembre del 1980 sconvolse gran parte del territorio d’Irpinia provocando molte migliaia di morti, oltre alla completa distruzione di interi paesi. L’incontro virtuale troverà attuazione a partire dalle 10.00 sulla piattaforma Google MEET e troverà estroflessione in diversi momenti. Gli esperti dell’INGV illustreranno, innanzitutto, gli eventi del 1980, con approfondimenti, per poi lasciare spazio alle domande degli studenti. Quindi porranno in essere alcune attività “esperienziali”, perché nulla è efficace quanto l’apprendimento in situazione. Vedere con i propri occhi rafforza enormemente la conoscenza meramente teorica. Pertanto sarà effettuato un esperimento consistente nella simulazione della rottura delle faglie, quindi i ragazzi saranno guidati in una visita virtuale alla sala di monitoraggio sismico e per finire sarà testata, attraverso un questionario, la percezione del rischio da parte degli studenti.

 

Reputo l’iniziativa di cui sopra meritevole di grandissimi elogi perché esula abbondantemente dalle consuete celebrazioni condite con una retorica usata ed abusata da oltre quattro decenni, trasformandosi in una occasione di autentica sensibilizzazione e di notevole accrescimento culturale, ovverossia in un importante momento formativo che coinciderà, ne sono certo, con una presa di coscienza, da parte dei giovani interessati, dello status quo ambientale.  

Condividi su:

La D. S. dell'IOS "F. De sanctis" di Lacedonia, dott.ssa Alfonsina Manganiello (foto scattata due anni or sono)

 

Un open day del tutto inusuale, quello dell’IOS “F. De Sanctis” di Lacedonia in questo 2021, perché le porte dell’Istituto si apriranno alla giovanissima utenza in fieri e alle famiglie della stessa in maniera virtuale, per il tramite della rete, la sola strada, ancorché soltanto informatica, che ci è concesso di percorrere in tempi di pandemia. Personalmente penso che, per quanto il contatto diretto conservi tutto il suo alto valore, la situazione di attuale impedimento dell’incontro in presenza possa, in qualche maniera, essere foriera anche di fattori positivi quanto ad evoluzione nel modus gerendi le istituzioni tutte, a cominciare dalla scuola, accelerando l’attitudine e l’abitudine all’uso dello strumento informatico senza, però, pervenire ad una sostituzione della didattica in presenza, ma a rinforzo della stessa. Che attraverso il web passerà, in futuro, molta parte delle comunicazioni è fatto facilmente prevedibile, come pure è certo che l’intelligenza artificiale occuperà un ruolo non affatto secondario in tutti i  comparti lavorativi: non è un caso se l’IOS “De Sanctis” di Lacedonia ha aperto un indirizzo di studi informatici, la cui frequenza potrà senza dubbio costituire, nell’immediato futuro, un accesso per i giovani quasi subitaneo al mercato del lavoro.

 

Di questo e degli altri indirizzi di studio si parlerà nel corso dei collegamenti virtuali che la scuola ha attivato, come da locandina.

 

Particolarmente importante sarà l’open day virtuale che sarà possibile seguire giovedì 21 gennaio, dalle ore 17.00 alle ore 19.00, in diretta streaming su Youtube cliccando sul link

 

https://www.youtube.com/channel/UCEfJ_HyNcYq4JOEwAC6kWtA

 

Sarà la Dirigente Scolastica, dottoressa Alfonsina Manganiello, con gli studenti e i docenti dei vari indirizzi, ad illustrare la rilevante ed ottima offerta formativa per il prossimo anno scolastico.

 

Da sottolineare l’erogazione di un bonus economico, agli studenti che si iscriveranno, da utilizzare, a scelta, per l’acquisto di computer, di libri di testo o quale contributo alle spese di viaggio.

 

 

Condividi su:

logo miscia

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia