Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

Lacedonia La Porta di Basso 1953

La Port' R' Pier" - 1953

N.B. Quasi tutte le foto appartengono all'archivio Franciosi, scattate all'inizio degli anno 50 dal celebre Ing. Vincenzo Franciosi. Si ringrazia il figlio Ing. Claudio.

 

Ci fu un tempo nel quale il centro urbano di Lacedonia mostrava con orgoglio il suo "spirito" di pietra nuda, testimone eloquente delle epoche precorse. Le mura esterne delle abitazioni, che parevano reggersi l'un altra ad evitar di cadere, l'una all'altra addossate, ostentavano rughe profonde, come quelle degli anziani contadini che le abitavano. C'era gente, all'epoca, tanta gente avvezza al sacrificio e portatrice di una umanità che spesso latita negli opulenti tempi nostri, nei quali, fatte salve le situazioni di evidente necessità, le persone si palesano al mondo sempre insoddisfatte a prescindere da ciò che possiedono. E come le case, rivestite d'intonaci freschi dagli improbabili colori a partire dagli anni ottanta, così gli esseri umani non portano più abiti sdruciti e logori, eppur forieri di una eleganza derivante dal senso di dignità di coloro che li indossavano. Ma il futuro di certo non si può arrestare, come pure il progresso, né è pensabile un ritorno tout court all'antico, alla comune cultura tipica di qualche decennio fa, pertanto non è questo che intendiamo quando paventiamo un possibile "ritorno al futuro". Parliamo in sostanza di recupero tanto degli elementi urbani quanto di una cultura fondata su valori solidaristici, entrambe le cose strettamente connesse, perché è pur vero che l'esteriorità, se non dice tutto dell'interiorità, quanto meno offre indizi abbastanza eloquenti. E dunque ci sembrerebbe bello se la pietra tornasse in luce o vestisse, con poca spesa, anche le abitazioni costruite in cemento armato: si può fare e non costa poi tanto. E sarebbe meraviglioso se si pensasse di offrire una idea di rifioritura sociale attraverso l'abbellimento delle stradine del centro con fioriere curate dagli stessi abitanti: si potrebbe ad esempio incentivarli istituendo un concorso per la "strada più bella". Le idee sono molte e vertono tutte sul recupero di un'estetica che da sola potrebbe costituire un eccezionale attrattore turistico.

LUPUS IN FABULA non pretende di ergersi ad arbiter elegantiae, né di dettare il gusto, che naturalmente è e resta soggettivo. Ma amiamo parlare di  bellezza, proprio così, perchè non aveva certamente torto Fëdor Michajlovič Dostoevskij, quando, nel romanzo "L'idiota", affermava che «La bellezza salverà il mondo!».

Intanto speriamo di indurre tutti alla riflessione e alla proposta, poi quel che sarà, sarà!

lacedonia1954 0016

Vico De sanctis - Il mulino di Mastro Mosè - 1954

Lacedonia C.so del Sole 1953

Via del Corso del Sole alla confluenza con il Corso Augustale - anno 1953

Franciosi Porta di basso 10x15

La Port' R' Pier' - Anno 1953

santa maria anni 30

Santa Maria negli anni trenta

pza s modificato 1

Oggi - Una casa di Piazzetta S. Gerardo alla quale è stata riportata in luce la pietra nuda

g.b modificato 1

Oggi - Una casa di C.so G. B. Vico alla quale è stata riportata in luce la pietra nuda

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia