Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

santoli

Era un po' di tempo che il LUPO si riproponeva di narrare la storia di Gerardo Santoli, soprattutto per il suo valore esemplare, poiché, senza aiuto alcuno e senza santi in paradiso, ma fidando soltanto su indiscutibili qualità alimentate dagli studi e dall'apprendimento in situazione pratica, sottoponendosi ad un gavetta estenuante, ha visto premiato il proprio impegno ascendendo ai vertici di Confimprenditori, organizzazione della quale è diventato Vicepresidente Nazionale. L'occasione mi è offerta dal fatto che oggi ricorre il compleanno di questo figlio d'Irpinia, rigorosamento a denominazione d'origine controllata ed estremamente amante della sua terra, in considerazione del fatto che, pur vivendo a Roma, opera in maniera costante sul nostro territorio a beneficio dello stesso.

Ebbene sono ormai lontani i tempi in cui in maniera molto precaria e mal retribuita si lavorava fianco a fianco presso Telenostra - Giornale di Avellino, egli sulla cronaca ed io a dirigere la redazione cultura, essendo all'epoca direttore del network Antonio Caggiano, altro grande amico che attualmente dirige il settore comunicazione di RAI 1. Amici, entrambi, che ce l'hanno fatta trascinati dal loro merito e dai sacrifici personali, compagni di strada di un tempo dei quali vado veramente molto fiero. Ricordo, di Gerardo, l'estrema umanità, l'affabilità, una prudenza nel raccontare vicende e soprattutto persone, per tema di danneggiarle, nei suoi articoli di cronaca, in nome di un'etica che ormai sembra essersi perduta in grazia dello sciacallaggio giornalistico, della vollontà egocentrica che ispira molti a ricercare lo scoop a tutti i costi, magari creando, nelle prime pagine, incolpevoli "mostri". Ciò non era nel nostro modus operandi e Gerardo costituiva un esempio di ricerca della verità da fonti certe. Parlava soltanto quando era sicuro di essere nel giusto e condiva i suoi articoli di quella dose di tolleranza umana, nella consapevolezza dei limiti della nostra specie, necessaria al giornalismo d'autore.

Come terminò questa esperienza? Nel modo tipico imposto dalla categoria degli editori, vere "iene" del mondo dell'informazione: con un licenziamento. Fummo fatti fuori in diversi, evidentemente quelli più scomodi, e in diversi momenti, ivi compreso Antonio Caggiano.

Per me non è stata l'ultima volta, perché ho perseverato - errore grossolano - in un lavoro fatto di sfruttamento e di scarne soddisfazioni economiche e spirituali. Ma tant'è: homo faber fortunae suae!

A Gerardo non è toccata la stessa sorte, perché, scottato dal mondo del lavoro, si è dedicato allo stesso, dapprima conseguendo una laurea in Sicurezza sul Lavoro, a testimonianza di quanto egli tenga a tali tematiche, e quindi intraprendendo la carriera in questo mondo molto più appagante.

Ebbene, amico mio, ti auguro veramente tutto il bene possibile, ma soltanto perché è nel tuo pieno diritto ambirvi.

LUPUS IN FABULA è orgolgioso di questo irpino che si è fatto da sè!

santoli1

santoli2santoli3santoli4

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia