Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

Elisabetta

Cara Lucia, la sorte non è stata affatto benevola con te, avendo caricato le tue spalle di tragedie, eppure non hai mai ceduto, fin quando il destino non ha deciso che tu dovessi sperimentare il dolore sulla tua stessa pelle, inchiodandoti per anni su una sedia a rotelle.

Ricordo con grande commozione i tuoi sorrisi e le attenzioni che riservavi a tutti, quasi tutti fossero tuoi figli e nipoti. Quello stesso sorriso che fino a qualche giorno fa era Elisabetta ad elargire in nome e per tuo conto alla tantissima gente che si avvicinava per salutarti, per carezzarti il volto reso venerando dal tempo e dalle intemperie del'esistenza.

Le parole, scritte sull'acqua e conservate nel vento, sono inefficaci a descrivere ciò che sei stata per la tua famiglia e per quella che era la "tua famiglia allargata", la comunità di Lacedonia. E sicuro di interpretare il sentire comune voglio soltanto dirti, con grande semplicità e senza troppi fronzoli: ciao, carissima Lucia, e che la terra sia lieve al tuo corpo e che il tuo spirito bruchi eterna felicità nei verdi pascoli del Cielo. Credo che tu lo abbia meritato in pieno!

Lucia

LUCIA LIBERTAZZI (NATA CARENZA) ALL'EPOCA DELLA SUA PRIMA COMUNIONE!

Condividi su:

PARORAMALACEDONIA

È pervenuto sulla nostra e-mail un ricordo di Michelangelo Franciosi da parte del suo amico e compagno di classe alle elementari, Rocco Di Stefano. Abbiamo immaginato che fosse implicita la richiesta di pubblicarlo, la qual cosa facciamo con grande piacere, giacché LUPUS IN FABULA è di tutti e non soltanto di pochi. Ecco il testo:

 

«E ancora uno della classe di Michele Caggiano è venuto a mancare. Va da sé, il primissimo della classe, ma che non aveva problemi a passarci i compiti o suggerirci le risposte del maestro che, complice, faceva finta di non accorgersi dei suggerimenti. Erano gli anni dal 62 al 67.Ci siamo divisi alle medie. Tu alla sezione B perché alla A insegnava il tuo illustre genitore. Dopo ci siamo persi di vista. Ma quelle rare volte che in seguito ci siamo incontrati disarmava la tua semplicità pur nel grande genio che tutti ti riconoscevamo. E pure ti piaceva ricordare gli anni di scuola assieme e di quando ti assentavi io ero addetto a portarti i compiti assegnati a scuola dal maestro. Non so come chiudere ne' mi vanno le solite frasi ad effetto. Ti rimprovero solo che la tua genialità avresti dovuto metterla al servizio del nostro paese. Ciao Michelangelo. Rocco Di Stefano».

 

Una partenza improvvisa ed inattesa, quanto prematura, giacché egli non raggiungeva neppure i sessanta anni di età, quella di Michelangelo Franciosi, che a nostro giudizio è stato un grandissimo umanista, studioso instancabile, un vero genio che non si è mai curato di dimostrarlo. La tragedia si è consumata per via di un infarto fulminante che lo ha colpito mentre egli era alla sua scrivania, la testa china sui libri, compagni dell'intera sua esistenza. Confesso che sono particolarmente toccato da questo evento infausto: lo avevo incontrato un paio di giorni or sono al Calaggio, egli proveniente da Napoli, ove insegnava, e ci eravamo dati appuntamento a casa sua per discutere di alcune questioni storiche. Ci sono stato questa mattina, ma soltanto per recitare, di fronte al suo feretro, l'eterno riposo nella grazia di Dio che egli ha certamente meritato in vita.

Era figlio del compianto prof. Carlo ed apparteneva per via diretta alla famiglia più volte citata dal De Sanctis nel suo "Viaggio Elettorale". Quando tornava a Lacedonia, ove trascorreva tutti i fine settimana, egli abitava con la madre, essendo figlio unico, nella casa ove fu ospitato a Lacedonia il grande critico.

«Vegliate dunque, perché non sapete nè il giorno nè l'ora!», scrive Matteo nel suo Vangelo, e nulla di più vero per quel che concerne questa inattesa dipartita. Fatto è che quando giunge il nostro treno è obbligatorio prenderlo e con biglietto di sola andata.

Domani, 11 luglio, alle ore 15.30, nella Chiesa Concattedrale di Lacedonia, le esequie.

LUPUS IN FABULA non può che esprimere profondo cordoglio per questa perdita che coinvolge l'intera comunità e, in via più generale, tutto l'ambiente culturale della Campania.

NASTRO LUTTO 55887744

Condividi su:

logo USB 1e8fa0

Nicola D'Amelio ci ha lasciato.

Colpito da un'ischemia cerebrale mentre stava per terminare il suo intervento all'’assemblea nazionale della logistica in corso a Bologna domenica scorsa e trasportato in ospedale, le sue condizioni erano apparse subito gravissime.
Nicola non è riuscito a vincere quest'ultima battaglia, ed è deceduto.
Da alcuni mesi si era buttato con tutta la sua energia nella lotta per rivendicare quei diritti che altrove sono la naturale applicazione di norme e contratti, non così ad Avellino dove  in un clima di omertà, di ricatti, di desolante e criminale non curanza delle istituzioni, i padroni della logistica fanno il bello ed il cattivo tempo. Per la sua attività era stato sottoposto ad attacchi infami con trasferimenti e pressioni di ogni tipo, ma questo non gli aveva impedito di continuare nella sua attività di responsabile aziendale USB alla SVA, contro i soprusi e per la conquista di dignitose condizioni di lavoro, di salario e di sicurezza.

Appassionato sostenitore della sua squadra, l'Avellino, con lo stesso entusiasmo si era dedicato all'attività sindacale.

La sua morte ci lascia sgomenti e addolorati, ma non dimenticheremo il suo coraggio, la sua totale disponibilità, il suo sorriso.

Alla famiglia, ai suoi compagni di lavoro, ai suoi amici va tutta la nostra più forte solidarietà.
Ciao Nicola, non ti dimenticheremo.

I compagni e le compagne dell'USB - ’Unione Sindacale di Base

damelio1

 

 

Condividi su:

vincenzo

VINCENZO CON I NIPOTI DANA (ORMAI RISTABILUTASI) E OLIVER

 

Domenica scorsa gli amici e i nipoti italiani di Vincenzo Zichella si sono ritrovati nella Chiesa Concattedrale di Lacedonia per partecipare ad una messa in suffragio celebrata da don Roberto Di Chiara e ad un ricordo del nostro compianto conterraneo. Presenti il Sindaco Antonio Di Conza e l'assessore al lavoro Michele Ruberti, è stata letta dallo scrivente una lettera di ringraziamento alla popolazione di Lacedonia pervenuta da parte della figlia Serafina Johnston Zichella ed una dei nipoti che abitano in Italia, a Reggio Calabria. Il sindaco a breve invierà una missiva alla famiglia di Vincenzo ribadendo che possono trascorrere anche decenni, ma il legame che lega chi è nato a lacedonia alla sua terra e alla sua comunità è impossibile da recidere. I funerali di Vincenzo si terranno domani in Inghilterra alle ore 10.00 orario di Greenwich e sarà possibile seguirli il diretta su internet cliccando sul seguente link:

http://vincenzozichellalive.com/content/view.php

Ci è inoltre stato proposto un video, girato nello scorso maggio, che raffigura Vincenzo intento a ritirare un uleteriore premio dalla Federazione Nazionale dei Maestri del lavoro d'Italia prima che le sue condizioni si aggravassero e il cancro contro il quale combatteva con grande forza se lo portasse via. Sappiamo di fare cosa gradita proponendolo nella nostra pagina.

 

Stamattina è squillato il telefono. All'altro capo era Pinuccio Bianco, meglio conosciuto come Carletto, mitico portierone della grande Folgore degli anni '70. «Vincenzo se ne è andato, Michè! Vieni che dobbiamo scrivere un manifesto». In tal modo ho appreso della dipartita di un carissimo amico, mio e di moltissimi lacedoniesi. Vincenzo Zichella, conosciuto in gioventù  a Lacedonia come "Vincenzo La Roma", essendo il solo tifoso romanista del paese, ha concluso la sua esistenza terrena a causa di un male incurabile che lo ha bruciato in un anno di sofferenze atroci. Stando a quanto racconta chi è andato a trovarlo, però, egli ha sopportato il dolore con il sorriso sulle labbra, essendone peraltro abituato. Da decenni risiedeva in Inghilterra, ove era stato costretto ad emigrare, come tanti, a causa della miseria, ed ivi aveva consumato la sua intera esistenza nella cura degli ammalati, in qualità di infermiere, guadagnandosi l'affetto e la stima soprattutto dei degenti, specialmente dei bambini ricoverati nei reparti oncologici, e la gratitudine dei loro familiari, perché egli li accudiva come se fossero tutti figli suoi. E tali meriti gli sono stati riconosciuti ufficialmente con l'attribuzione, in età avanzata, del Cavalierato al Merito della Repubblica Italiana e con la nomina a Maestro del Lavoro d'Italia, organizzazione nel cui ambito da un paio di anni rivestiva il ruolo di Viceconsole in Gran Bretagna.

Ma l'autentico "capolavoro" della sua vita è consistito nel ruolo che ha avuto nella salvezza della sua nipotina, sulla cui storia è stato scritto un libro da un autore londinese, poiché certi tipi di narrazioni colpiscono molto nel mondo anglosassone.

Infatti una delle grandi felicità della sua vita, la nascita della sua nipotina Dana, coincise con il massimo dei dispiaceri. In grazia di un errore medico, la neonata rischiò il soffocamento all’atto del parto: il suo cervello restò per lunghi attimi senza il necessario apporto di ossigeno, ragion per la quale, per circa dodici anni, pur non essendone state lese le facoltà mentali, la bimba subì la paralisi totale degli arti inferiori, costretta su una sedia a rotelle. Ma Vincenzo, forgiato nella fucina del sacrificio, portatore di sentimenti forti, trasmessi alla prole, non si è affatto perso d’animo. Accanto alla figlia e alla nipote ha girato prima l’Europa, per poi approdare negli USA, nel solo luogo e dal solo medico in grado di effettuare un’operazione chirurgica difficilissima, un primario di origine cinese, il dr. Palk. Circa ottantamila euro il costo del solo intervento, senza considerare quelli sostenuti per la permanenza e per i precedenti “viaggi della speranza, molta parte dei quali coperti proprio dai risparmi di una vita di Vincenzo, senza chiedere nulla a nessuno. L’amore di un nonno questi miracoli li compie: da un paio di anni circa sua nipote Dana ha cominciato a tenersi in piedi e quindi, pur con fatica, a deambulare autonomamente.

Da amici, abituati a vederlo ogni agosto seduto in Piazza De Sanctis, nel posto consueto dal quale salutava tutti, avremmo desiderato che fosse seppellito nella sua Lacedonia, ma forse è giusto che le sue spoglie permangano vicino alla sua Dana, in Inghilterra.

Addio Vincenzo, vero LUPO d’Alta Irpinia, indomito di fronte alle disgrazie e sempre pronto a lanciarsi nella mischia delle difficoltà proprie ed altrui!

VINCE2

VINCENZO "LA ROMA" ALL'EPOCA DELLA SUA EMIGRAZIONE IN INGHILTERRA

 

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia