Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

carletto

Provate a pensare ad una corporatura possente, ad un’agilità felina e al ruggito del leone, mescolate tali ingredienti ed avrete l’immagine del portiere che più di ogni altro è rimasto nell’immaginario collettivo degli sportivi lacedoniesi: Giuseppe Bianco, meglio conosciuto come “Pinuccio Carletto”.

Celebre il suo urlo, quel “LASCIA” che costituiva all’un tempo un ordine perentorio per i difensori e un grido di guerra per gli attaccanti avversari, colpiti nei timpani dalla miriade di decibel promananti dall’ugola possente di Pinuccio.

Celebri sono rimasti i suoi voli acrobatici e le sue uscite: sicuramente è stato uno dei simboli dell’epoca d’oro della folgore.

carletto 1

Condividi su:

zac1

Il suo nome è Antonio Tortorella, ma a Lacedonia tutti lo conoscono con l'affettuoso nomignolo di "Zaccarelli", essendo egli stato negli anni settanta ottimo calciatore della Nazional di "Ciro Il Grande" detto "Scatozza", ma anche della prestigiosa Folgore. Da molti anni una delle sue grandi passioni è il ciclismo. Non c'è altura, a cominciare dalla Dolomiti, che egli non abbia scalato in Italia. Lo si vede spesso inerpicarsi lungo i ripidi pendii appenninici della nostra Irpinia a bordo della sua due ruote, spesso da solo ma a volte anche in gruppo, coprendo centinaia di chilometri. Si racconta che una volta partirono da Lacedonia, giunsero a Lioni e quindi risalirono per Calitri, ove si fermarono a dissetarsi presso una fonte. Vi era seduto un vecchio il quale chiese loro: "Rand'ù n' vnit wuagliù?" (Da dove venite ragazzi?). E Tonino pronto illustrò tutto il giro che avevano fatto. Al che il vecchio scosse la testa e gli sussurrò: "Wagliù, r' coss r' tnit' bon, ma la cap v' fac' propj mal!" (Ragazzi, avete buone gambe, ma la testa vi fà proprio male!), a dire, con ciò, che non comprendeva per quale motivo avessero fatto tanta fatica. Una fatica che Tonino, instancabile, si sobbarca molte volte a settimana e con qualsiasi tempo: del resto, la passione è passione!

zac2

Condividi su:

vece2

LUPUS IN FABULA augura tutto il bene possibile ad Antonio Vece, che oggi varca la soglia dei quaranta anni di età, peraltro portati benissimo. Con encomiabile spirito volontaristico, Antonio si è assunto l’onere di presiedere la U. S. Lacedonia, accanto alle persone che ne compongono il direttivo, ai tecnici che la seguono e ai giovani che ci giocano con passione, onde scongiurare l’evenienza infausta che la tradizione calcistica lacedoniese, che trova i suoi antecedenti illustri nella mitica Folgore, giunga alla sua foce definitiva. Egli stesso è stato appassionato calciatore nelle compagini locali. Un lacedoniese d.o.c., insomma, che si adopera, nel settore sportivo, per la ripresa di Lacedonia. Ultima delle sue iniziative la partita amichevole, giocata sabato scorso, con la Paganese, squadra di Lega Pro (ex serie C), sul campo Tonino Arminio di Lacedonia. Molto benvoluto dalla popolazione, per la sua indole estremamente gioviale, pensiamo che l’intera cittadinanza si unirà a noi nel porgere ad Antonio i migliori auguri.

vece1

vece

FOTO 1 - ANTONIO CON MICHELE, MICHELE E LUCIANO, GLI AMICI DI SEMPRE

FOTO 2 - A TAVOLA CON LO STAFF DIRIGENTE DELLA PAGANESE PRESSO IL RISTORANTE LA CICOGNA

FOTO 3 - CON LA U. S. LACEDONIA

 

Condividi su:

vsol

Oggi Lino Sollazzo compie quaranta anni di età e Lupus In Fabula gli esterna i suoi migliori auguri. La sua è la storia di un ragazzo che si è realizzato fidando sulle sole sue forze, lavorando sodo e senza mai cedere, fino a tentare la strada dell’imprenditoria commerciale, con eccezionali risultati. Sin da ragazzino ha lavorato col padre e col fratello come imbianchino, finché nel 1996 non intraprende l'avventura che gli ha segnato la vita in positivo: ha dato vita ad una delle ferramenta più fornite e attive dell'Alta Irpinia. La sua vita  si è basata su tre pilastri quali famiglia, amici e lavoro, sacrificando anche le sue passioni come la batteria che amava suonare nella "stanza della musica" che il papà Tonino, grande suonatore d’organetto, ha attrezzato in casa. Anche oggi che varca la soglia degli "anta", lo possiamo trovare nella sua ferramenta a dispensare consigli pratici e battute dettate dal suo spirito da eterno fanciullo. I sacrifici fatti nel periodo in cui ogni ragazzo pensa a divertirsi e vestirsi alla moda oggi gli stanno regalando grosse soddisfazioni, ma lui non dimentica certo le chiacchiere sincere ed infinite con gli amici per chiudere le serate, serate magari arrangiate con pochi spiccioli (i nostalgici della lira sanno che era possibile) per avere la possibilità di investire nella sua attività senza pesare sulla famiglia.

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia