Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

OSENTO

FIUME OSENTO - FOTO DI ANTONELLO PIGNATIELLO

 

Talvolta occorre sfoderare la sciabola e tirare qualche fendente ben assestato qualora ci si trovi di fronte a problematiche che potrebbero porre a serio rischio la sopravvivenza dell'umanità. Parliamo di un elemento naturale necessario alla vita, l'acqua, che troppo spesso diamo per scontata e che è un bene soggetto ad attacchi della più eterogenea sorta. Già Talete di Mileto, il primo dei filosofi presocratici ed uno dei "Sette Savi" dell'antichità, individuava nell'acqua l'archè, ovvero il principio primo di ogni cosa esistente. Ebbene oggi, in nome del dio denaro, così come l'aria anche l'acqua è oggetto di comportamenti a rischio, primo tra i quali l'inquinamento. Anche per questo consigliamo di votare SI al referendum contro la proliferazione delle trivelle.

Ma LUPUS IN FABULA e OSENTO LO SENTO vanno ben oltre.

L'acqua non è di nessuno e quindi è di tutti: no alla privatizzazione!

L'avidità umana non sembra avere confini se anche un bene come l'acqua lo si paga a caro prezzo. Questo è uno dei diritti che a nostro parere lo Stato dovrebbe garantire in gratuità a tutti.

Le massicce migrazioni dall'Africa dipendono anche dalla carenza di acqua!

A nostro parere, dopo che le multinazionali mondiali hanno di fatto spogliato il continente africano, quello potenzialmente più ricco, delle loro risorse, potrebbero almeno in parte risarcire quei popoli delle ruberie perpetrate nei loro confronti investendo per creare reti idriche efficienti. Certamente molta parte del flusso migratorio in atto si arresterebbe.

I bacini idrici dell'Irpinia, compreso quella orientale, vanno protetti e curati!

Soltanto nell'Irpinia orientale ci sono bacini idrici di grande rilevanza: quello dell'Ofanto, quello dell'Osento che origina il lago San Pietro, la diga di Conza della Campania. Essi non possono nè debbono essere lasciati nell'incuria, perché in tal modo rischiamo di perdere un patrimonio preziosissimo. Anzi, occorre investire perché diventino attrattore turistico.

Questi sono soltanto alcuni spunti di riflessione, che però riteniamo molto importanti.

Pensiamo che tutti possano condividere tali posizioni, che ci sembrano più che legittime.

E dunque oggi si brinda con acqua pura. Buona Giornata Mondiale dell'Acqua a tutti!

OSENTO1

LE SORGENTI DELL'OSENTO. (LA FIGURA UMANA SULLO SFONDO È IL BARONE). FOTO DI ANTONELLO PIGNATIELLO

LAGO SAN PIETRO

IL LAGO SAN PIETRO - FOTO DI ANTONELLO PIGNATIELLO

DIGA DI CONZA

LA DIGA DI CONZA - FOTO DI ANTONELLO PIGNATIELLO

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia