Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

preside1

Non credo che la nuova D. S. dell’IOS “Francesco De Sanctis”, prof.ssa Silvana Rita Solimine, potesse adoperare parole migliori di quelle di don Lorenzo Milani per compendiare, nel suo saluto d’insediamento alla direzione dell’Omnicomprensivo de quo, gli obiettivi di massima che intende perseguire ed il modus operandi che adotterà: «dobbiamo avere voglia di fare bene le cose e di preoccuparci per il bene comune». Tale riferimento alla pedagogia, ma prima ancora all’idea della funzione sociale della scuola contenuta negli scritti del sacerdote di Barbiana, estroflessa nella sua azione pratica in qualità di pedagogo, esprime molto bene la visione di una entità scolastica che non vuole arroccarsi all’interno delle sue mura, nel nome di una anacronistica autoreferenzialità ormai fuori dalla storia, alla stregua di un maniero medievale con il ponte levatoio sollevato e separato dal mondo esterno da un profondo fossato; di contro, invece, si comprende a chiare lettere, dal testo di saluto diffuso sul sito istituzionale scolastico, la volontà di stabilire una benefica interazione con il territorio, nella fattispecie con tutte le componenti la società civile, a cominciare dalle famiglie, per finire alle Istituzioni pubbliche, transitando per le associazioni territoriali d’eterogenea sorta, «nel rispetto delle competenze di ciascuna componente», al fine di «iniziare un nuovo percorso insieme che ci consenta di vivere la scuola come “comunità professionale educante”», perché, come afferma ancora l’ottima D. S., «credo in un’idea di scuola in cui tutte le componenti condividano un progetto comune e lavorino in sinergia».

E come darle torto?

Per quanto sia fin troppo scontato affermare che i giovani costituiscono il futuro e che proprio pertanto una società che tenda ad ignorare la scuola nei fatti non si cura del proprio avvenire ed è quindi destinata all’auto-consunzione, specialmente in zone quali le nostre, soggette ad una costante erosione antropica che, all’atto, sembra dover condurre all’annichilimento totale nell’arco di qualche decennio, tuttavia non è affatto inutile richiamare alla memoria collettiva tale realtà, soprattutto per invertire tale trend negativo.

Dopo aver ringraziato « tutto il personale della scuola e i rappresentanti degli Enti Locali, pubblici ed associativi, per la gentile accoglienza e la disponibilità» dimostrata, la D. S. prof.ssa Solimine esprime con grande chiarezza gli obiettivi specifici da raggiungere: «A scuola i ragazzi impareranno ad acquisire conoscenze, sviluppare abilità e competenze ma soprattutto a confrontarsi in maniera leale e a sviluppare il pensiero critico; il nostro compito sarà quello di accompagnarli in questo percorso di crescita che li porterà ad essere i cittadini del futuro. L’energia e l’entusiasmo, insieme alla professionalità e competenza dei docenti di questa scuola con il prezioso supporto del personale ATA, sono d’auspicio a un percorso di collaborazione che ci consentirà di garantire il successo formativo ai nostri alunni».

Non è mancato, infine, un sentito ringraziamento ai genitori che hanno scelto l’Istituto omnicomprensivo “F. De Sanctis” per la formazione dei loro figli.

LUPUS IN FABULA augura alla prof.ssa Solimine, e nella sua persona all’intera istituzione scolastica, un anno di grandi soddisfazioni.

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia