Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

SCUOLA MAFFU

L'italiano medio, in genere, non ama le innovazioni ed anzi sembra temerle. Si lega di contro alla routine, per quanto molto spesso affermi di deprecarla, e guarda con sospetto a qual si voglia cosa sembri in qualche maniera incrinare le abitudini consolidate. «Abbiamo sempre fatto così; andava tutto bene: perchè cambiare»: queste le riflessioni più profonde che parte, spero esigua, dell'italico intelletto è in grado di partorire. Non costituisce spesso eccezione il comparto scolastico, anche se, come dirò, esistono eccellenze come il "Mafucci" che l'innovazione, laddove non esista, la cercano e, ove non la trovino all'esterno, la creano. Al di là di ciò, comunque, la metafora più eloquente per definire una parte del mondo scolastico italiano, poco incline alle novità, è quella dello "stagno": tutto va bene fino a quando le acque sono immote e "limpidamente" torbide, in maniera tale che all'esterno sia preclusa la vista di quanto accade all'interno. Laddove però qualcuno - poniamo il caso di un legislatore qual che sia - vi getti un sasso qualunque, immediatamente si diffonde nell'aria un diffuso gracidio di protesta che palesa la presenza di vita in un laghetto autoreferenziale che sembrava disabitato. A mia memoria non c'è stata riforma scolastica che non abbia suscitato dubbi, perplessità e spesso feroci proteste. Naturalmente anche l'introduzione dei percorsi di alternanza "scuola - lavoro all'interno del sistema didattico ha scatenato più di un vespaio e sulla cosa non ho nulla da ridire, perché è nel pieno diritto di chiunque manifestare, anche in maniera aspra, le proprie convinzioni. Anch'io, da ossevatore esterno, in prima istanza sono stato colto da più di qualche perplessità a fronte di iniziative che in altri Paesi europei sono consuetudinarie da decenni, ma per le quali non ritenevo che l'Italia fosse pronta. Riflettendo meglio, però, alla luce di esperienze personalmente fatte in talune scuole, mi sono dovuto ricredere, almeno parzialmente, dovendo riconoscere l'estrema validità dell'apprendimento in situazione, in prima istanza, e l'occasione di interazione in continuità orizzontale tra scuola e territorio dall'altra, con indiscutibile reciproco vantaggio.

Su tali due assunti credo si fondi la "politica" dell'IIS "A. M. Maffucci" in ordine ai percorsi di alternanza, che li rendono utilissimi ed estremamente vantaggiosi tanto per gli studenti quanto per la società nel suo complesso.

«La creazione collaborativa di Open Data per la riscoperta del patrimonio culturale dell'Alta Irpinia»: questo il titolo del progetto che sarà presentato domani, 10 novembre, presso l'Auditorium dei Licei, in Via Pittoli, con inizio alle ore 10.30.

A fare gli onori di casa per la scuola l'ottimo D. S. Prof. Gerardo Vespucci, mentre per la società civile l'attivissimo Sindaco Michele Di Maio. Il Prof. Vittorio Scarano, del Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Salerno presenterà il «Progetto Hetor: gli Open Data per il patrimonio culturale della Campania». Prima però prenderanno la parola i tutor interni dei progetti de quibus, referenti degli eterogenei indirizzi coinvolti: le Prof.sse Marialuisa Giannone, Mirella Ramundo e Cecilia Maria Colombini. I particolari nella locandina allegata all'articolo.

locandina open data 01 1

 

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia