Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

certamen

Un momento della premiazione, mentre prende la parola il D.S. Gerardo Vespucci

Tra le cause del conclamato successo formativo espresso dall'IIS "A. M. Maffucci" di Calitri a me sembra ci sia la predisposizione a tenere il passo con le rapidissime innovazioni sociali e tecnologiche che caratterizzano la nostra epoca, nella quale in un attimo si rischia di cadere nell'azione anacronistica e pertanto inefficace, soprattutto quando essa si fondi su una didattica sorpassata perché non più in linea con le richieste e le istanze promananti dal reale. Se moltissime istituzioni scolastiche sono ridotte al ruolo di parcheggi per studenti in attesa di un pezzo di carta privo di contenuti sostanziali, la scuola calitrana, di contro, bada soprattutto a porre i giovani in condizione di confrontarsi e competere, con le armi della conoscenza avanzata, nell'ambito di una giungla sociale estremamente selettiva e nella quale si fa presto a soccombere e a sprofondare tra le melme della mancata autorealizzazione. Il merito va attribuito, a mio giudizio, ad un insieme di fattori concomitanti. Innanzitutto la presenza di una dirigenza di lungo corso e quindi illuminata da un bagaglio empirico pluridecennale, a cui va aggiunta una sensibilità affinatissima ed un sincero interesse per il futuro dei giovani. Di tali qualità è portatore il D. S. prof. Gerardo Vespucci. Quindi la presenza di un corpo docente veramente collaborativo ed altrettanto appassionato tanto nell'azione progettuale quanto in quella didattica. Ed ancora un comparto amministrativo che funziona benissimo sotto la direzione del D.S.G.A. dott. Mario Cipriano.

Non mi sorprende affatto, dunque, che il "Maffucci" raccolga soddisfazioni un po' dappertutto, ultima delle quali, in ordine di tempo, la vittoria al Certamen nazionale denominato «Paesaggio: Cultura e Storia 2017», organizzato dall'IIS "G. Fortunato" di Rionero In Vulture. Il concorso ha visto la partecipazione di moltissime scuole superiori ubicate in tutta l'Italia, tanto è vero che il secondo ed il terzo posto sono stati assegnati a due istituzioni scolastiche della lontana Catania. Grande prova, dunque, quella sostenuta dalla classe V del Liceo Artistico, che ha visto quale capogruppo lo studente Perna Vitale e nella qualità di tutor i prof. Francesco Custode, Lino Iorlano ed Emiliano Stella, mentre un apporto sognificativo è stato fornito dal prof. Antonio Vella ed un ruolo propulsivo è stato giocato dai prof. Pietro Cerreta e Rosa Galgano. Il tema sul quale si concorreva era la progettazione di un Totem Interattivo Indoor e quello concepito dagli alunni del "Maffucci" ha guadagnato il gradino del podio più alto e un consistente premio in denaro, con la seguente motivazione: «L'elaborato risulta ben sviluppato sotto l'aspetto ideativo e tecnico. L'idea estremamente originale prende spunto da elementi naturalistici e si presta bene per essere collocato sia in ambienti museali che naturalistici». E scusate se è poco!

certamen1

La sala dove è avvenuta la premiazione

certamen2

Il progetto del Totem Interattivo Indoor

 

Condividi su:

dorso

Da sinistra il prof. Giuliano Minichiello, il prof. Gerardo Vespucci e il prof. Giovanni Sasso

Guido Dorso: uno dei grandi "sconosciuti" d'Irpinia. Se pure taluno ne conosce il nome grazie alla presenza di un Centro Studi a lui dedicato ad Avellino, mi chiedo chi mai sappia, al di là di una ristretta cerchia di studiosi, chi fosse e soprattutto quale sia stato il suo pensiero filosofico e politico. Probabilmente anche la sua figura abita nel largo ventre dell'oblio nostrano: l'intelletto latente collettivo irpino non è mai stato molto propenso a valorizzare il suo territorio e soprattutto i suoi figli. Come  mi ha detto mestamente, pur privatamente, il prof. Giuliano Minichiello, docente presso l'Università degli Studi di Salerno, che stamane ha relazionato presso l'Auditorium dei Licei sull'argomento espresso nel titolo, «Dorso non gode della fama che meriterebbe soltanto perché è nato e vissuto ad Avellino». E con questo ha espresso, a mio giudizio, una grandissima verità. 

Al di là di ciò, dirò soltanto che la cifra essenziale della sua ideologia, la pietra miliare del suo impegno intellettuale e politico è stato un meridionalismo alieno da qual si voglia compromesso, tanto è vero che egli, nel 1945, si allontanò dal Partito d'Azione proprio per l'affievolirsi dell'impegno meridionalistico da parte di quella compagine . Egli considerava l'unificazione d'Italia niente altro che una conquista regia operata dai Savoia e stigmatizzava pesantemente l'acquiescenza delle classi dirigenti meridionali, che avevano stipulato una sorta di alleanza con la monarchia conquistatrice soltanto per gestire il potere a livello locale e portare avanti i propri interessi. 

Al di là di tutto, quel che mi preme rilevare è il fatto che un uomo apprezzatissimo da Gramsci, ma soprattutto da Gobetti, sia ormai caduto nel dimenticatoio nella sua patria, in quella Avellino che gli ha dato i natali. E non è affatto consolante che una nicchia ristretta di tanto in tanto ne rievochi la storia: a me piacerebbe che tutti ne conoscessero il pensiero e le opere, almeno quanto conoscono le cronache delle partite di calcio. Bella utopia? Forse!

A fare gli onori di casa, stamane, l'ottimo D. S. Gerardo Vespucci, che ha portato i suoi saluti insieme al prof. Giovanni Sasso, Presidente della Sezione di Avellino della Società Filosofica Italiana. La manifestazione è stata tenuta nell'ambito dell'organizzazione degli Incontri di Arte, Economia e Scienza, che l'IIS "A. M. Maffucci" organizza ormai da nove anni. A curare l'incontro odierno l'ottimo prof. Maurizio Cianci.

dorso1  

Condividi su:

carabinierilacedonia

Si è tenuto stamattina un proficuo incontro tra i Carabinieri e gli alunni d'Irpinia, nell’ambito del ciclo di appuntamenti che il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino ha pianificato con gli istituti scolastici di ogni ordine e grado disseminati nel vasto territorio della provincia.

A continuare l’ormai nota e consolidata serie di appuntamenti sono stati gli studenti dell’Istituto Omnicomprensivo “F. De Sanctis” di Lacedonia.

Le classi intervenute, per un totale complessivo di circa 80 alunni, hanno ascoltato dalle voci del Comandante della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi, Capitano Ugo Mancini, e del Maresciallo Capo Andrea Casadei, Comandante della locale Stazione Carabinieri, argomenti inerenti alle attività dell’Arma e, chiaramente, all’educazione alla legalità, con particolare riguardo alle tematiche di più stringente attualità e che di più producono  preoccupazione sociale.

I Carabinieri hanno quindi dialogato con i ragazzi sulle principali problematiche concernenti la circolazione stradale, i vari fenomeni di bullismo e cyber-bullismo, il vandalismo, l'uso e l'abuso di alcool ed il corretto uso di internet.

L’incontro, durato come di consueto quasi un paio d’ore e costellato dalle molte domande rivolte dagli studenti, si è concluso positivamente da entrambe le parti, con un rafforzato sentimento di vicinanza tra l’Arma dei Carabinieri e i giovani irpini di Lacedonia.

carabinierilacedonia1

Condividi su:

CLERICUZIO

CONCORDIAMO! LA SALUTE OCCORRE TUTELARLA FIN DALLA PIÙ VERDE ETÀ!

Contrasto alle patologie tiroidee e promozione della iodoprofilassi: l’Ameir coinvolge ancora gli studenti delle scuole dell’obbligo. E così, in vari istituti scolastici della provincia, l’Associazione malati endocrini irpina, presieduta dal dottor Felice Leone, continua a promuovere iniziative e appuntamenti rivolti alla prevenzione e alla corretta informazione sanitaria sulle malattie della tiroide. Nel mese di marzo e di aprile,l’organismo irpino onlus di volontariato, che è anche componente del Cape, il Comitato associazioni pazienti endocrini, ha già programmato una serie di incontri da realizzare nei plessi dell’Istituto Comprensivo “Mercogliano”, con la preziosa collaborazione della dirigente scolastica, la professoressa Alessandra Tarantino, coadiuvata dalla referente del progetto, la professoressa Filomena Giacobbe.

Così come è avvenuto in altre scuole d’Irpinia, i referenti scientifici e i volontari dell’Ameir, coordinati dal dottor Fiore Carpenito, esperto e noto endocrinologo, incontreranno insegnanti e alunni per trattare e approfondire le tematiche riguardanti l’importanza di un corretto apporto di iodio a tutte le età per un regolare funzionamento della tiroide.

Si tratta di un mirato programma di educazione alla salute e di prevenzione sanitaria per la diffusione della iodoprofilassi, che l’Ameir realizza sul territorio irpino in base alle linee guida previste da un progetto nazionale promosso dal Ministero dell’Istruzione, con l’Associazione Italiana della Tiroide, la Società Italiana di Endocrinologia, l’Associazione Medici Endocrinologi e il Comitato Associazioni Pazienti Endocrini, e in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. La prima iniziativa si è svolta lo scorso 14 marzo presso il plesso scolastico di Torelli di Mercogliano e il programma di incontri si svilupperà secondo questo calendario, sempre a partire dalle ore 9.00: il 21 marzo presso la sede centrale di Mercogliano; il 28 marzo presso il plesso “Amatucci” e il plesso “San Modestino”; il 4 aprile presso l’istituto scolastico di Ospedaletto d’Alpinolo.

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia