Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

gbvico3

Accade sovente, nel corso di questo anno scolastico, che il viaggio formativo degli studenti dell'IIS "Parzanese" di Ariano Irpino e dell'IOS "F. De Sanctis" di Lacedonia si incontri e, quindi, proceda in parallelo nel segno di eccezionali attività culturali. La qual cosa è naturalmente ascrivibile alla presenza di un comune Dirigente Scolastico, la dott.ssa Alfonsina Manganiello, alla quale, tra gli altri meriti, va attribuito quello di aver preso veramente a cuore le sorti della storica Istituzione scolastica lacedoniese, alla cui guida siede in reggenza, essendo già titolare dell'oneroso ruolo dirigenziale presso l'IIS "Pietro Paolo Parzanese" di Ariano Irpino, con l'ovvio raddoppio della mole lavorativa della quale è costretta a farsi carico, sorretta da una evidente passione, che sola può nascere da un senso del lavoro elevato al rango di missione professionale e all'un tempo esistenziale. Con la stessa franchezza del tutto aliena da "servo encomio" di sempre, dunque, e con l'onestà intellettuale che è stata sempre l'ingrediente neppure tanto segreto del nostro inchiostro, rileviamo con grande piacere i progressi che la nostra scuola va compiendo.

Nel caso di specie, vogliamo rendere nota l'ennesima importante iniziativa che sta vedendo il coinvolgimento dei nostri studenti, per la precisione quelli delle classi IV del Liceo Classico e del Liceo delle Scienze Umane. Accanto ai coetanei frequentanti, presso il "Parzanese", la IV A del Classico, le IV delle sez. A e B dello Scientifico e la IV B del Liceo di Scienze Applicate, stanno partecipando alla settima edizione del concorso filosofico denominato "Premio G. B. Vico", che si tiene presso l'Università Federico II di Napoli. Si tratta di una tre giorni che va dal 17 al 19 del mese corrente. Ieri ed oggi gli studenti hanno potuto attingere conoscenza a sorgenti tra le più limpide del mondo accademico, giacché hanno relazionato sull'argomento esperti di eterogenea provenienza, essendo coinvolti nell'iniziativa gli atenei italiani ed esteri tra i più prestigiosi. Domani, invece, dovranno confrontarsi con l'elaborazione di un testo che riassuma i contenuti appresi. Al di là di tutto, reputiamo che la partecipazione in sè sia già una vittoria, perché non è cosa usuale ascoltare voci che godono di chiarissima fama ed apprendere da persone di così larga e profonda cultura. È da riferire, inoltre, che gli studenti dei Licei partenopei si sono assunti il compito di guidare gli studenti degli altri Istituti Superiori, ivi compresi i nostri, in visita ai principali attrattori di Napoli: la qual cosa testimonia, ove ancora ve ne fosse bisogno, il senso di umanità ed ospitalità che permea la nostra amata cultura meridionale. Una doverosa menzione di merito vada ai docenti accompagnatori, ovvero ai proff. Antonella Cericola, Filomena Andreottola, Luana Venezia e Luciano Masucci per il De Sanctis di Lacedonia e Giulietta D'Amelio, Raffaella Pepe, Giancarlo Maraia e Edmondo Lisena per il Parzanese di Ariano Irpino.

gbvico

gbvico1

gbvico2

gbvico4

 

Condividi su:

premio cerullo

Sarò di parte, ma quando apprendo che gli alunni delle scuole di Lacedonia, nella specie tre studentesse dei Licei, il Classico e quello delle Scienze Umane, si fanno valere, rendendo in tal modo onore all’Istituto nei cui banchi anch’io mi sono formato alcuni lustri or sono (non dico quanti), ebbene, io provo una sensazione di legittimo orgoglio. Al contempo tali notizie mi dicono che le nostre zone, preda di un costante depauperamento antropico dal quale scaturiscono innumerevoli problematiche, esprimono per converso giovani intelletti di tutto rispetto.

Nei fatti la giovanissima Valeria Margotta, che frequenta la classe IV dell’indirizzo Classico dell’Istituto nell’anno in corso guidato in reggenza dall’ottima D. S. dott.ssa Alfonsina Manganiello, è riuscita a portare a casa una menzione speciale partecipando al prestigioso Premio “Pina Cerullo”, organizzato dall’Accademia dei Dogliosi ad Avellino. Le altre due studentesse partecipanti, Roberta Maglione e Alessia Del Grande, che siedono tra i banchi della classe IV del Liceo delle Scienze Umane, hanno entrambe ottenuto un attestato valido per il credito scolastico. Ottimo risultato in definitiva, conseguito in grazia della produzione di un saggio di non facile svolgimento, che abbracciava discipline quali la filosofia e la sociologia.

Un plauso a loro, ma doverosamente anche alle professoresse di italiano Lucia Genovese e Debora Renzulli, che hanno guidato le alunne nel percorso, e alla professoressa Antonella Cericola, che le ha indotte a partecipare.

La premiazione è avvenuta nella giornata odierna presso l’Hotel della Ville di Avellino. A premiare è stato il Preside Giovanni Sasso.

magist

Foto di A. Pignatiello - 2014 - Diritti riservati, vietata la riproduzione senza il consenso dell'autore

Condividi su:

bramante

Stamattina gli studenti del V anno del Liceo Classico "F. De Sanctis" di Lacedonia sono a Roma con l'obiettivo di visitare il Parlamento italiano, dopo essere stati presso il Chiostro del Bramante, ove si tiene una prestigiosa mostra d'arte (come da foto appena giuntaci). L'ottima D. S. dott.ssa Alfonsina Manganiello, che siede, in regime di reggenza, alla direzione dell'IOS "De Sanctis", ma che è titolare della dirigenza del prestigioso Liceo Classico (con annesso Liceo Scientifico) "Pietro Paolo Parzanese" di Ariano Irpino, ha voluto coinvolgere anche i nostri studenti nel viaggio con i coetanei arianesi, a testimonianza della grande attenzione che la Preside riserva alla nostra storica istituzione scolastica. Ad accompagnare i ragazzi la prof.ssa Antonella Cericola.

LUPUS IN FABULA tiene a manifestare tutto il proprio apprezzamento per gli sforzi che il personale scolastico, a cominciare dal corpo docente e da quello amministrativo, va compiendo per restituire prestigio a un Istituto che è sul punto di festeggiare, nei prossimi mesi, il suo centoquarantesimo anno di esistenza. In questi casi l'età veneranda non costituisce un gap, ma un enorme plusvalore.

parzanese

Gli studenti del "Parzanese" di Ariano Irpinino, con una piccola rappresentanza ddel "De Sanctis" di lacedonia, fuori dal Parlamento

parlamento

Gli alunni del "De Sanctis"

Condividi su:

calit3

Quando venimmo a conoscenza del fatto che l'IIS "A. M. Maffucci" di Calitri avrebbe perso la dirigenza e sarebbe entrato in regime di reggenza, considerammo la cosa alla stregua di una vera iattura per l'Alta Irpinia. Reputiamo infatti che non esista scuola migliore per gli indirizzi scolastici quali quello scientifico, artistico, economico e, ultimamente, agrario. Tuttavia devo prendere atto che tale situazione non soltanto non ha arrestato il circolo virtuoso che si è saldamente instaurato sotto la guida del D. S. prof. Gerardo Vespucci, ma semmai si è potenziato, quasi in una sorta di reazione ad una situazione di evidente depauperamento antropico, che costituisce la sola causa di penalizzazione per una istituzione d'eccellenza come la scuola de quo.

Purtroppo la quantità, in Italia, conta molto di più della qualità (idiozia tutta italica), ragion per la quale non sono le buone pratiche a determinare quali scuole siano  degne di avere una dirigenza in sede o non, ma la quantità di studenti, come se questo fosse un fattore di merito. Chiaramente in queste condizioni tutta l'Irpinia interna è a rischio di "estinzione scolastica" e questo, se permettete, al LUPO piace poco.

La cosa che mi conforta è scoprire che, comunque, la voglia di fare, da parte del corpo docente, è rimasta immutata, come la partecipazione attiva degli studenti e come pure lo spirito d'iniziativa, che di recente ha condotto nerll'aula magna dei Licei il prof. Scarano, dell'Università di Salerno, a parlare di valorizzazione del patrimonio culturale di zona attraverso le risorse informatiche. All'incontro, ove si è discusso di percorsi in alternanza scuola - lavoro, hanno partecipato l'ottimo Sindaco di Calitri Michele Di Maio, le prof.sse Marialuisa Giannone, Mirella Ramundo e Cecilia Maria Colombini, oltre, naturalmente, all'inesausto D. S. prof. Gerardo Vespucci, che non pare aver intenzione di smettere i suoi abiti di idealista ed attivista all'un tempo, una sorta di "sognatore pragmatico": ma cosa è l'evoluzione umana se non l'estroflessione di sogni che presto o tardi riescono a vestirsi di forme reali?

calit2

di maio

calit

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia