Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

diritti umani

Molti non serbano memoria delle atrocità delle quali la storia umana trabocca, ultime in ordine di tempo la continua strage di migranti che muoiono in mare, o ancora la tragedia di quelli che sono trattati alla stregua di bestie specialmente dai trafficanti umani libici, e poi il dramma dei tanti bambini che vivono sotto il costante terrore delle bombe e di quelli letteralmente deportati, specialmente se di sesso femminile, per essere avviati alla prostituzione o squartati per il commercio degli organi umani.

E tanti ignorano, o fingono di non accorgersi, che il pianeta Terra, la nostra casa, è solo per pochi un paradiso, essendo per la maggioranza dei suoi abitanti un vero inferno.

Francamente una sensazione amara di impotenza attraversa la mia mente, consapevole del fatto che non sono in condizione di cambiare il mondo. Ma, a ben riflettere, forse, ognuno di noi può mutare in meglio quella piccola parte di mondo nel quale si trova a vivere. Probabilmente è proprio questa la risposta giusta: una positiva reazione individuale che, posta in essere da molti individui, diviene collettiva. E alla luce di tale considerazione cade ogni alibi: noi possiamo offrire il nostro contributo, pur piccolo, perché il nostro diventi un mondo migliore, più accogliente, più solidale.

È in questo il senso profondo dell'iniziativa che ha visto partecipe l'artista Luca Pugliese, musicista, pittore, scultore, il quale ha guidato i giovani rifugiati, minori non accompagnati ospiti nella casa famiglia "Figli di Dio" di Lacedonia, nell'allestimento di un "albero di Natale" particolare: l'ulivo di Largo Tribuni, addobbato con le bandiere delle rispettive nazionalità, dipinte da essi stessi. Un "albero della fratellanza" tra diverse etnie, insomma, ivi compresa la nostra, perché ciò che ci affratella è la sofferenza che colpisce tutti indistintamente. Non per caso quella di olivo è la pianta portatrice dei significati archetipici che richiamano alla pace, alla concordia, alla comune prosperità. Un atto sombolico, dunque, a Lacedonia, ma foriero di grandi significati.

diritti umani1

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia