Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

scacchi1

Si ripropone, nello splendido scenario del Castello Ducale, il Festival Internazionale di Scacchi denominato “Torre di Bisaccia”, che già negli scorsi anni ha registrato una massiccia partecipazione di scacchisti professionisti provenienti non soltanto dall’Italia, ma anche da molti Paesi europei, come ci dimostra l’Albo d’Oro della Manifestazione. A partire da oggi, 11 di settembre, alle ore 15.00, termine ultimo per le iscrizioni, e fino a domenica prossima, si sfideranno praticanti di chiara fama, suddivisi in due eterogenei tornei:  un Open A e u Torneo B.

La competizione si svolgerà sotto l’egida della FSI e della FIDE, oltre che del Comitato Regionale Campano Scacchi, a dimostrazione della sua importanza. Materialmente l'organizzazione è stata posta in essere dalla A. S. D. Circolo Scacchistico Montella e dall'A. D. S. "Avellino Scacchi". Inoltre gode del patrocinio del Comune di Bisaccia e del Northern Power Systems, un’azienda che si occupa di energia rinnovabile.

Naturalmente quello degli scacchi è un gioco estremamente antico, diremmo quasi una forma d’arte, arte della guerra, in particolare, ove mai si tenga conto delle sue origini che pare risalgano, sulla scorta di innumerevoli leggende, ad un monarca persiano che lo inventò per erudire i suoi generali sulle strategie da adottare sul campo di battaglia. Nei fatti è in assoluto il gioco da tavolo che richiede la maggiore concentrazione ed eccezionale capacità tattica, tanto è vero che, a norma di regolamenti, il tempo minimo di riflessione è calcolato in novanta minuti a mossa.

È da dire che il Castello Ducale di Bisaccia costituisce già di per se stesso un attrattore turistico eccezionale, tanto è vero che ospita l’ormai Museo Civico Archeologico, con reperti di eccezionale importanza che datano all’VIII – VII sec. a.C., ovvero all’epoca della cosiddetta “Fossacultur”. Non a caso le ampie sala ospitano, tra le altre cose, la cosiddetta Tomba della Principessa, ovvero un corredo funerario tra i più ricchi, riferibili all’epoca in oggetto, ritrovati tra i monti dell’osso appeninico d’Irpinia. Pertanto i visitatori, che sulla scorta delle pregresse esperienze si prevedono molto numerosi, potranno accedere anche a bellezze culturali di non comune valore.

scacchi2

scacchi3

scacchi 4

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia