Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

sf1

A pro dei molti lacedoniesi emigrati, le foto del nostro Santo.

Che san Filippo protegga tutti i lacedoniesi e tutti gli irpini nel mondo!

sf2

sf3

sf4

sf5sf6sf7sf8sf10sf11

Condividi su:

COMPAGNIA MAMMA IERI MI SPOSO 2

Nomi come quello di Sandra Milo e di Marina Suma non credo abbiano bisogno di eccessive presentazioni. Entrambe sono attrici di chiara fama, vere icone del cinema italiano (e parlo dei tempi nei quali l’Italia poteva vantare una cinematografia che ha fatto scuola nel mondo). Con Gino Rivieccio, attore partenopeo bravissimo, che ha già avuto modo di calcare il nostro proscenio, e con Fanny Cadeo, noto volto televisivo e voce radiofonica di grande rilievo, portano in scena una commedia borghese ambientata negli anni settanta. La fabula si ispira alla grande tradizione del teatro comico inglese, ovvero alla commedia degli equivoci, in un intreccio attraversato da situazioni paradossali, scambi di persone, con finale naturalmente a sorpresa.

Un uomo sui 50anni, (Gino Rivieccio) apprensivo e assolutamente sprovveduto, tiene nascosto alla madre (Sandra Milo ) di essersi sposato da alcuni mesi e alla moglie (Marina Suma) di non aver mai detto a sua madre  del suo matrimonio.

Per mantenere l’equilibrio suocera-figlio- nuora si inventa ricorrenti trasferte di lavoro e va invece a rifugiarsi in un villino di campagna, tenuto nascosto alla moglie, dove si incontra una volta al mese con un’altra donna, di cui lui subisce lo straripante amore. Sua madre! …

Naturalmente non sveliamo niente altro.

Domenica 15 aprile 2018, Teatro Comunale di lacedonia, Rione Bianchi, sipario ore 20.45

 

Condividi su:

piano

È stato davvero un evento straordinario, così com’era nelle attese. Un Festival Pianistico Internazionale, che già dalla sua prima edizione ha mostrato le sue enormi potenzialità, anche in ordine alla sua crescita, al punto che reputiamo verosimile che esso sia destinato a restare impresso nell’intelletto latente collettivo. Gli ingredienti di un successo annunciato ci sono stati tutti: grandissima perizia ed estrema eleganza da parte degli artisti che si sono esibiti sul palco del Teatro Comunale di Lacedonia; estrema cura per i dettagli della complessa organizzazione curata, come sempre in maniera magistrale, dal Direttore Artistico Maurizio Giannetta; incredibile versatilità musicale da parte dei pianisti più noti, le cui indescrivibili esecuzioni hanno fatto vivere al pubblico, attento e commosso, un momento di grande trascendenza, quasi di catarsi, effetto che soltanto la vera arte, estroflessa in tutte le sue forme, può produrre.

I pianisti di levatura internazionale hanno saputo connotare, con eccezionale talento, le loro performance e così s’è compiuto un volo etereo dalla musica classica, a quella romantica, fino a giungere alla contemporanea, con una naturalezza che è proprietà soltanto di eventi di altissimo spessore. La Giuria di qualità ha premiato tutti i pianisti presenti e giunti da tutto il mondo con un riconoscimento alla partecipazione, e ha invece consegnato il “Premio Antonio Romano” al vincitore, il compositore milanese Massimo D’Alessio, che ha letteralmente infiammato il teatro e le corde del piano con le dita agili e sicure in volo radente sulla tastiera.

Particolarmente apprezzata dal pubblico, ma anche dalla giuria, l’esibizione di Tomoka Yamane, pianista giunta dal lontano Giappone, che ha sfiorato la vittoria per una manciata di voti.

Applausi scoscianti a fine serata, dopo quattro ore di musica di solo piano, la qual cosa non è di poco conto, e copiosi i complimenti arrivati da ogni dove allo staff della Montecristo Produzioni e della Icorner. Un’altra grande prova di spettacolo, cultura e memoria in Alta Irpinia. Il Premio, come predica la sua intitolazione, è stato organizzato in memoria di Antonio Romano, giovane talento irpino prematuramente scomparso, il quale nell’anno in corso avrebbe compiuto 50 anni di età. Il compianto musicista è stato metaforicamente presente sul proscenio per il tramite del piano sul quale egli era solito suonare, collocato proprio di fronte all’imponente Steiway & Song, il miglior pianoforte mai prodotto al mondo, su cui si sono esibiti tutti gli artisti.

Pensiamo che tale evento si ripeterà nel tempo, perché non poteva cominciare meglio, «con un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro», per parafrasare un passaggio di una celebre canzone.

piano1

Condividi su:

gian

Sarà davvero un evento unico nel suo genere, quello proposto dal Comune di Lacedonia Domenica 01 Aprile 2018 alle ore 21.00. Un Festival Internazionale prodotto dalla Montecristo Produzioni Artistiche e dalla ICorner con Pianisti provenienti da tutto il Mondo per celebrare la Musica universale in tutte le sue forme.

Si proprio quella Musica quale rivelazione più profonda di ogni saggezza che risuonerà nella notte di Pasqua come una grande avventura verso la Luce. E per la prima volta queste terre diventano il punto d’incontro di continenti e talenti. Cile, Ucraina, Cina, Giappone, Usa, e ovviamente anche Italia, tanta Italia sul palco del Teatro Comunale di Lacedonia per ripercorrere un sentiero che parte dal Romanticismo Barocco fino ad arrivare al nostro Pop Contemporaneo. Da Chopin ad Ed Sheeran passando per Giovanni Allevi e Ludovico Einaudi questo il copione della serata che vedrà anche la consegna del Premio “Antonio Romano” un importante riconoscimento musicale in memoria proprio di un giovane e talentuoso pianista irpino che proprio quest’anno avrebbe compiuto cinquant’anni. Un Premio che una apposita giuria di qualità consegnerà ad uno degli artisti presenti sullo stage pasquale dell’Alta Irpinia. Presidente di questa Giuria di Qualità sarà il Conte Claudio Modena mentre i giurati saranno: Il Sindaco di Lacedonia Antonio Di Conza, Il Sindaco di San Nicola Baronia Franco Colella, il Maestro Vincenzo Dianni,il Maestro Octavian Cristea, la pittrice e scultrice Silvana Galeone, la Dott.ssa Dora Costantini e la Prof.ssa Michelina Tenore

Un Premio che nella sua unicità ha voluto sposare anche una importante causa umanitaria. L’intero ricavato di questa serata sarà devoluto in beneficenza alla Fondazione A.V.S.I. per l’acquisto di un pianoforte nel campo profugo siriano di Marjaayoun nel Sud del Libano, dove la fondazione opera già da diverso tempo. La Musica dunque anche come cura alle ferite del corpo e dell’anima, la Musica come mezzo per ritrovare un’identità culturale, un terreno comune su cui i bambini siriani anche attraverso la musicoterapia potranno guardare al futuro con la speranza di un popolo in rinascita.

Nomi di primo piano nel cast messo in piedi magistralmente dal Direttore Artistico Maurizio Giannetta: da Shanghai - Cina LOUYIHENG YANG - Primo Premio assoluto al 3° ZhongSin International Music Competition di Singapore, Primo Premio agli United States Open Music Competition in Cina, Primo premio assoluto e il premio d’oro del 3° Hong Kong International Piano Open Competition. Nato invece a Santiago del Cile e vissuto in California UsaMATTIAS NESTRO CUEVAS - direttamente dall’Europa Season di Craiova al Krasnogorsk Music Festival di Mosca. Dal Giappone inveceTOMOKA YAMANE - Primo Premio al Sanyo Okayama, il premio Espoir al Concorso Internazionale di Osaka, Primo premio al Concorso Internazionale di Musica Tadini, Premi speciali Student Music in Japan E Japan Classical Music. Nata in Russia, ha vissuto e studiato in Ucraina all’università delle arti a Kharkiv è OLGA RUBANOVA - laurea in pianoforte e musicologia ha partecipato a diversi concerti e festival, vincitrice di tanti Festival e concorsi in tutto il Mondo che le hanno valso l’appellativo di: la Pianista dello Zar. E poi ecco la delegazione Italica che sarà a Lacedonia il 01 Aprile prossimo: MASSIMO D’ALESSIO - compositore Milanese con all’attivo già diverse collaborazioni importanti tra cui Tony Bungaro, Mark Harris, Michele Ascolese e Francesco Sole. Da Arezzo GIOVANNI FABIANI - primo premio assoluto e menzione d’onore al concorso di composizione orchestrale Veretti e “Los Angeles Music Award” per miglior disco d’esordio. Si esibirà anche VIVIANA CILANO - giovane e talentuosa pianista irpina nata proprio a Lacedonia che dopo aver vinto numerosi concorsi e premi in tutta Italia torna a casa per proporre la sua arte al suo pubblico. E dulcis in fundo, un vero grande Festival non poteva avere la sua mascotte: ad aprire la serata sarà un giovanissimo, LORENZO PICCOLELLA - di Aquilonia, solo dodici anni, un talento incredibile, al punto da essere stato ammesso al Conservatorio di Foggia, ove davvero è tenuto in grandissima considerazione: per lui è facilissimo preconizzare un futuro luminosissimo.

Insomma un grande evento cosmopolita in Alta Irpinia, nella sera di trascendenza per antonomasia, la location è il gioiellino del comunale di Lacedonia e i protagonisti sono delle vere celebrità, tutte insieme per una volta. Non esserci sarebbe come peccare nel giorno del non peccato universale.

mattias

MATTIAS NESTRO CUEVAS

yamane

TOMOKA YAMANE 

 

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia