Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

disabili1

 

Quasi cinque milioni di euro in arrivo a Monteverde per la realizzazione di una progettualità unica nel suo genere e che non trova riscontri in tutta Europa. “Un paese e un territorio accessibile”: questo l’eloquente titolo del progetto approvato dalla Regione Campania, come da pubblicazione nel BURC. In sostanza verrà costruito un villaggio a misura di diverse abilità, con venti unità abitative, una struttura destinata ai servizi, quali la mensa comune, una dedicata ad attività di laboratorio ed oltre quattro chilometri di percorso guidato per il tramite di un sistema satellitare, in maniera tale che gli ospiti possano muoversi, volendo, anche i autonomia e senza pericoli di sorta. Destinatari del progetto non soltanto i portatori di svantaggi motori, ma anche non vedenti e non udenti, ovvero tutto quel variegato mondo della disabilità per la quale il Comune di Monteverde, e con esso tutta la comunità civile, nutre una sensibilità particolare, al punto che organizza giornate di accoglienza e di permanenza nel corso di ogni estate, quando le strade dell’antico borgo ed i sentieri rurali si animano di varia umanità in condizioni di forte disagio: persone inchiodate alle carrozzelle, paraplegici, tetraplegici, portatori della Sindrome di Down, persone deprivate degli arti inferiori o superiori, qualche ammalato di sclerosi multipla e di sclerosi laterale amiotrofica. Ma non si tratta di una permanenza inattiva, perché ogni anno vengono organizzate gite in canoa sul lago San Pietro, eventi ludico – culturali di varia sorta, interazione diretta con i cittadini, visite alle realtà produttive artigianali e contadine, visite a fattorie agricole “accessibili”, con contatto diretto con gli animali e con mungitura delle mucche e “cagliata” del latte, in un crescendo di attività cui solo un diversamente abile, affamato di vita, può stare dietro. L’approvazione del progetto de quo segna dunque un importantissimo passo in avanti sulla strada di un turismo solidale che porterà vantaggi agli utenti, ma anche alla società monteverdese, con l’inevitabile creazione di innumerevoli, anche se all’atto non quantificabili, posti di lavoro. Pare quasi che si debba dare ragione alle parole del Vangelo laddove recita che a chi opera il bene sarà reso il centuplo!

 

disabili2

 

disabili3

 

disabili4

 

disabili5

 

disabili6

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia