Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

SCARDEL

Michele Scardellino, portabandiera nel corso della Messa di ringraziamento per la Liberazione appena avvenuta.

Tenente Michele Balestrieri: presente!

E davvero bisogna che i nostri conterranei che si sono comportati da eroi, sacrificando addirittura la loro stessa giovane vita, siano sempre presenti nei nostri pensieri. Ufficiale, il giovane Michele Balestrieri, ventitreenne appena, all'indomani dell'Armistizio seppe resistere alle lusinghe e alle profferte dei nazisti e non entrò a far parte delle loro schiere assassine. Per di più non cercò, come tanti, scampo nella fuga verso casa, ma di sua iniziativa fondò una brigata partigiana. Dopo pochi mesi fu catturato dai tedeschi ed anche in tale occasione scelse di non tradire i suoi compagni e soprattutto i suoi Valori, consapevole che tale gesto gli sarebbe costato moltissimo. Dopo giorni di torture, infatti, fu messo a morte per fucilazione.

Onore a lui! Che mai sia dimenticato!

 

Soldato Vito Michele Scardellino: presente!

Non fuggì dopo l'Armistizio, ma entrò a far parte, in Carnia dove era di stanza, delle Brigate Partigiane "Osoppo", dopo essere rocambolescamente fuggito dal vagone merci nel quale lo avevano rinchiuso i nazisti con altri disperati per essere condotti al macello nei lager polacchi. Riuscì a salvare, in quella occasione, moltissimi dei suoi compagni di sventura e si diede alla macchia. Si distinse per atti di grande eroismo, al punto che gli fu tributato l'onore di essere uno dei"portabandiera" delle Brigate partigiane a Liberazione avvenuta. Lo Stato italiano, purtroppo, non ebbe mai a riconoscere a Michele Scardellino i suoi grandi meriti e, per quanto decorato, condusse una vita di duro lavoro e di grandi sacrifici che gli "fruttarono" una precoce malattia.

Onore a lui! Che mai sia dimenticato!

A tutti gli eroi d'Irpinia dei quali non ho notizia alcuna. Onore a loro!

BALESTRIERI

Tenente Michele Balestrieri, fondatore di una brigata partigiana, fucilato dai nazisti in giovanissima età!

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia