Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

sica

Avvocato di professione, Emanuela Sica è una raffinata scrittrice e una pittrice di tutto rispetto. Invitiamo gli amici a seguire il suo blog personale all'indirizzo http://emanuelasica.blogspot.it/

Nel giorno del suo compleanno LUPUS IN FABULA le augura tutto il bene possibile in termini di soddisfazioni personali, di tranquillità e soprattutto di salute!

AUGURONI DA TUTTO LO STAFF DI LUPUS IN FABULA

CARISSIMA EMANUELA!

Condividi su:

san fil1

L'interno della storica Chiesa di San Filippo dopo il restauro e le pulizie dei volontari del gruppo parrocchiale.

 

Alcun tempo è trascorso da quando, discutendo di festività e tradizioni locali, qualcuno mi pose accademicamente un paio di domande che smascherarono una mia imbarazzata ignoranza: chi è San Filippo Neri? Che attinenza ha la figura di questo santo con un paese, e di più, con una zona nella quale egli sicuramente non è mai stato?

A dire il vero il suo nome lo conoscevo fin dalla più tenera età, essendo egli uno dei santi più venerati a Lacedonia, al punto da esserne considerato il Protettore, oltre che Compatrono, la cui festa, che cade in maggio, è tradizionalmente una delle più sentite dalla popolazione, accanto a quella della Madonna delle Grazie. Sinceramente, però, della sua vicenda umana e spirituale io non sapevo assolutamente nulla. Le mie conoscenze giungevano a identificare la sua epoca con quella della “riforma luterana” e della “controriforma” e quindi, a senso, riuscivo a collocarlo nel secolo sedicesimo: supposi che molti compaesani fossero nella mia medesima situazione, per quanto, ovviamente, si possa presumere che esistano numerosissime eccezioni.

Mi balenò pertanto qualche dubbio: molti di noi hanno venerato, per tanto tempo, un perfetto sconosciuto? O, forse, l’elemento religioso è alquanto irrilevante, nei festeggiamenti, rispetto a quello laico? È, per caso, San Filippo soltanto il pretesto per una due giorni di affollato “struscio” in piazza sotto abbaglianti luminarie ad arco, tra corti di colorate bancarelle, bombardati dai decibel dei concerti o a naso per aria, a rimirare la cellulite di improbabili ballerine, qualcuna in stato di avanzata decomposizione, che sgraziatamente si agitano sul palco al ritmo dei fiati delle “orchestre spettacolo”? Ben vengano i festeggiamenti laici, magari con qualche cantante di grido, ma non bisogna trascurare quella che è la più intima ragione storica e sociale di un culto.

Ora, a proposito del culto di San Filippo a Lacedonia è da dire che costituisce consuetudine, nella maggioranza delle città italiane, assumere al rango di Patroni e Protettori santi che abbiano una qualche attinenza con la popolazione, ovvero che siano nati in quel luogo o che comunque vi abbiano operato. Quale sarebbe, dunque, il legame intercorrente tra la città di Lacedonia ed un santo che sicuramente non è mai stato da queste parti?

Non è stato agevole rispondere a questa domanda.

Innanzitutto si è trattato di verificare se tale scelta non fosse ricaduta su san Filippo Neri in virtù di un particolare carisma attribuitogli: si sa, ad esempio, che in qualche zona colpita da fenomeni naturali di particolare virulenza, tipo terremoti, mareggiate, grandine e così via, esiste il culto dei santi invocati specificamente contro questi flagelli, pur senza che essi abbiamo mai poggiato il piede sui rispettivi territori.

Forse è in una particolare virtù taumaturgica, in un potere miracoloso rispetto a certi eventi, l’origine del culto filippino nel nostro paese?

Per quanto plausibile, tale ipotesi si è subito mostrata palesemente incongruente: impossibile dimostrarla. Al massimo si sarebbe dovuto procedere per via di ipotesi più o meno verosimili.

L’enigma mi è sembrato senza soluzione, ma non di meno ho proseguito nelle ricerche. In tal modo, frugando nelle pieghe biografiche e storiche di un santo, ho finito per scoprirne un altro, sia pure soltanto potenziale, perché non elevato agli onori degli altari per un caso fortuito: Giacomo Candido, Vescovo di Lacedonia tra la fine del sedicesimo e gli inizi del diciassettesimo secolo. Siciliano di nascita, della città di Siracusa, per quanto altri riferisca erroneamente Ragusa, egli compì i suoi studi ecclesiastici a Roma, divenendo figlio spirituale di San Filippo Neri, essendo assiduo frequentatore dell’Oratorio, nel cui ambito non di rado era invitato a predicare. Fu lui, una volta nominato Vescovo della diocesi di Lacedonia dal Papa coevo Paolo V, a spargere la fama di San Filippo Neri tra il clero e tra tutta la popolazione, mostrando nei confronti del suo degnissimo maestro una venerazione, ancorché egli non fosse stato ancora dichiarato santo, che sarebbe rimasta indelebile nella memoria collettiva, al punto da provocare la sua adozione a Compatrono e Protettore una volta che la sua santità fu riconosciuta ufficialmente dalla Chiesa al termine del processo di canonizzazione.

La qual cosa fu facilitata dal fatto che lo stesso Giacomo Candido morì in concetto di santità e che soltanto per una serie di circostanze imprevedibili non fu dichiarato beato. Infatti l’incartamento del “Processus super Sanctitate et Miraculis Servi Dei Jacobi Candidi Olim Episcopus Lacedoniae” fu smarrito durante la trasmissione dalla S. Congregazione delle Cause dei Santi all’Illustrissimo Cardinale S. Clemente, avvenuta il 20 maggio 1628. Nondimeno la tradizione orale, suffragata da testimonianze coeve, portava viva memoria di eventi miracolosi attribuiti al Vescovo, il cui corpo fu tumulato in Santa Maria della Cancellata in Lacedonia, antica cattedrale sorta sulle rovine di un tempio romano dedicato ad Iside, ove permane la pietra tombale del suo sepolcro: specialmente nei primi decenni dopo la sua morte, il nostro popolo ne venerava la figura e ne impetrava l’aiuto taumaturgico.

Giacomo Candido era dunque l’anello mancante di congiunzione tra San Filippo e Lacedonia: il grande santo, infatti, come albero fiorito al vento, aveva affidato il suo benefico polline ai suoi figli spirituali, i quali non hanno mancato di spargerlo dovunque in una Europa cattolica che reagiva, moralizzando i costumi e ritornando all’essenza del cristianesimo, alla riforma protestante.

Non era dunque affatto vero che San Filippo non fosse mai stato nel nostro paese: egli ci era venuto nella parola e nelle opere, nell’esempio soprattutto, del suo discepolo e nostro Vescovo Giacomo Candido.

san fil2

Lo spettacolare affresco della volta della Chiesa di San Filippo

san fil3

Una splendida statua di San Michele Arcangelo, in marmo, ritrovata durante i lavori di restauro della Chiesa.

san fil

La venerata statua del Santo.

Condividi su:

Mori

“Eventi Lette-Rari” si avvia alla conclusione. E come sempre, la chiusura sarà di quelle col botto. Dopo la presentazione di “Un vuoto dove passa ogni cosa”, libro di Antonella Soldo su Mariateresa Di Lascia, e il tavolo sulle politiche internazionali con Mimosa Martini, Laura Silvia Battaglia e Andrea Covotta, arriva ad Ariano Irpino il generale Mario Mori, per l’ultimo degli appuntamenti organizzati dalla Divisione Cultura di X5G, società di comunicazione della città del Tricolle.

Domani, 21 maggio, infatti, con inizio alle 18, si terrà la presentazione del libro “Servizi e Segreti. Introduzione allo studio dell’intelligence” (G-Risk Edizioni, 2015), scritto da Mori, fondatore e comandante del Ros dei Carabinieri e direttore del Sisde. La presentazione è affidata a Domenico Bonaventura, collaboratore de Il Mattino. Un libro che affronta l’immagine e il ruolo dei servizi, dal loro concepimento a oggi, passando per il Ventennio fascista e arrivando alla fondamentale funzione di deterrenza che ricoprono nello scenario attuale. Un’immagine divenuta molto popolare per via di film e romanzi che spesso però non trovano rispondenza nella realtà. Lo scritto di Mori vuole quindi offrire al lettore un contributo alla crescita di una corretta cultura del “secondo mestiere più antico del mondo”.

Ufficio Stampa

La Voce Scarl

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Condividi su:

b

Foto. A. Pignatiello

 

Nel variegato argipelago della rete leggo, talvolta, che qualche studioso ancora insiste sulla ubicazione dell'arce sannitica denominata Akudumniad, con i vici ch'erano parte del coronimo, ovverossia la Aquilonia della battaglia del 293 a. C., nell'alto Sannio, in Molise. Tengo a dire che tali zone hanno rivestito una importanza grandissima nel divenire storico dei Sanniti, essendo peraltro esso territorio eccezionalmente ricco di vestigi archeologici (sicuramente da visitare), ma al contempo occorre ribadire che l'identificazione de quo è del tutto forzata ed alquanto inverosimile. Al di là delle prove già pubblicate da eminenti studiosi, i quali fondano su argomentazioni precise e sulla scorta di ritrovamenti non lontani nel tempo la tesi della identificazione di Akudumniad/Aquilonia con Lacedonia, in Alta Irpinia, è da riferire che una ulteriore prova risolutiva è affiorata dalle zolle dell'ager lacedoniese soltanto nel 2008, per la qual cosa probabilmente non è a tutti nota. In Molise non è stata mai ritrovata alcuna epigrafe, osca o romana, che riporti nella sua legenda il nome del luogo oggetto di una contesa che ormai dura da secoli. Di contro vorrei porre all'attenzione di tutti il testo di una epigrafe sciolta dal prof. Camodeca, docente di Storia Romana e di Epigrafia presso l'Università "Federico II" di Napoli.

Nell'agosto del 2007 il Camodeca espletò un sopralluogo epigrafico nel Museo Diocesano di Lacedonia, ove la sua attenzione si soffermò su un blocco di calcare, spezzato a destra, che presentava al centro dello specchio epigrafico un foro rettangolare perché reimpiegato in epoca moderna quale base per una cancellata.

A dire il vero nessuno, me compreso, si era mai preso il disturbo di studiare l’iscrizione che vi si intravedeva, soprattutto in grazia della difficoltà di lettura dovuta all’erosione operata dagli agenti atmosferici cui la pietra era stata esposta, per quanto le lettere misurassero in altezza ben cinque centimetri.

Nell’agosto del 2008 giunse il responso del prof. Camodeca, che aveva letto l’epigrafe nel modo che segue (con integrazione intervenuta dopo un'attenta ripulitura della parte che risultava coperta da sedimenti):

 

L(VCI) DOMITI FORTV[nati]

VETERA(ni) AVGG(ustorum) N[n(ostorum), qui]

MILITAV[it] COH(orte) III [praetoria --- ]

M(unicipium) AQVILONIAE E(x) A(uctoritate) PU(blica)

DOMITI S(enatu) C(onsulto) AE(re) P(ublico) M(onumentum) D(edicavit))

C(larissimo) V(iro)

 

A Lucio Domizio Fortunato

Veterano dei nostri Augusti, che

Militò nella terza Coorte Pretoria

Il Municipio di Aquilonia per il prestigio pubblico

Di Domizio, su deliberazione del Senato, con denaro pubblico, dedicò il monumento

All’illustrissimo uomo.

 

Ritengo che a questo punto l'ago della bilancia penda nettamente a favore della identificazione di Akudumniad/Aquilonia con Lacedonia, nel rispetto, naturalmente, di opinioni diverse, alle quali, però, crederemo quando ci mostreranno una qualche prova risolutiva come quella riemersa dalle nebbie della storia antica di Lacedonia in Alta Irpinia.

b2

Foto. A. Pignatiello

b3

Foto A. Pignatiello

b4

Foto A. Pignatiello

 

Le foto si riferiscono alla rievocazione storica della Battaglia di Aquilonia tenutasi nell'agosto del 2014 a Lacedonia.

 


Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia