Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

ROSSA

Mi chiedo come mai si serbi memoria degli estensori della Déclaration des droits de l'homme et du citoyen (Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino) e si sia persa quella di Olympe De Gouge, la rivoluzionaria francese che stilò la Déclaration des droits de la famme et de la citoyenne (Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina), che per le sue posizioni libertarie, nel pieno della Rivoluzione francese, finì addirittura per perdere la testa ... sulla ghigliottina, purtroppo! Fatto sta che ella era troppo "femminista" per quei tempi e, ancora, ebbe persino il coraggio di chiedere l'abolizione della schiavitù. Con inaudita violenza, Olympe è stata scaraventata fuori dalla storia, quella ufficiale come è ovvio, uccisa per questo due volte, quasi che il divenire dell'umanità sia stato determinato esclusivamente dalle azioni della sua parte maschile. Nessuno ci pensa mai, ma la discriminazione che da sempre colpisce le donne è una peculiarità profondamente radicata nella cultura soprattutto mediterranea e trova i suoi immancabili echi persino nei testi scolastici. Non esiste comparto della vita sociale o lavorativa che non veda la donna costretta a competere partendo da una posizione di netto svantaggio nella nostra Italia, nella quale, se pure la differenza di genere si va lentissimamente attenuando, pur permangono disparità di trattamento economico e carrieristico estremamente rilevanti. E questa non è forse violenza? Non è violenza, dunque, pretendere dalla donna comportamenti standardizzati, appiattiti su una visione della donna stereotipata, figlia di banalissimi luoghi comuni, colpevolizzandola laddove ella eserciti il suo legittimo e sacrosanto diritto a vivere la propria esistenza come meglio le aggrada? A mio giudizio siamo ancora all'anno zero per quel che concerne l'evoluzione della società in senso paritario. Non mi meraviglia affatto, dunque, che l'epifania di episodi brutali si mantenga costante, in linea, forse, con le epoche pregresse, che pure giudichiamo arretrate. Ce ne sarebbe da dire e da scrivere circa una condizione femminile veramente difficile, paradossalmente non soltanto laddove ci si attende che la brutalità di genere si manifesti, nelle periferie urbane degradate, abitate in prevalenza da persone che non hanno avuto accesso, e non per colpa loro, all'istruzione e che sono cresciute in una placenta ricca di nutrienti "virilisti", per usare un neologismo di nuovo conio, ma che a me pare proprio appropriato se adoperato in senso negativo. La violenza sulle donne è trasversale e non conosce caste o ceti, perché essa affonda le sue radici nella sfera inconscia dell'individuo di sesso maschile, evolutosi (o involutosi) in migliaia di anni di temperie culturale prettamente patriarcale, che non è proprio possibile spazzare via dai comportamenti istintivi tout court, con un semplice colpo di spugna. Occorre dunque insistere in un'opera di capillare ed inesausta sensibilizzazione, in ambito familiare,  in quello scolastico, in quello più largamente associativo, perché la società del domani possa finalmente liberarsi da queste gravi tare, che pesano sulla nostra progenie alla stregua di macigni.

Proprio in tale direzione sono orientate le inziative prese da un gruppo di donne, portatrici delle migliori intenzioni di creare una Consulta femminile a Lacedonia, che ha trovato quale primo atto, quasi una sorta di battesimo, l'installazione di una panchina rossa, che nell'immaginario collettivo ha ormai assunto profonde valenze simboliche in ordine alla lotta contro la violenza perpetrata sulle donne. Da sottolineare innanzitutto la numerosa presenza studentesca e la partecipazione attiva di alunne dei licei che hanno letto alcuni brani estremamente significativi. L'inaugurazione vera e propria è stata preceduta da un convegno che ha visto gli interventi di innumerevoli relatori, in grazia del gran numero di Enti ed associazioni che hanno offerto il proprio sostegno: Comune di Lacedonia, IOS "Francesco De Sanctis", Consorzio "Alta Irpinia", ASL, Parrocchie di Lacedonia, Progetto ASL "Di Donna", Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne, Consiglio regionale e Consiglio provinciale di parità, Pro Loco Lacedonia, MAVI e infine UNLA. Hanno portato i saluti il sindaco avv. Antonio Di Conza, l'assessore (altri preferisce dire assessora) dott.ssa Marilinda Donatiello, il presidente del Consorzio dott. Stefano Farina, la D. S dell'IOS "De Sanctis" prof.ssa Silvana Rita Solimine, il parroco don Sabino Scolamiero. Sono quindi intervenute la dott.ssa Rosaria Bruno, presidente dell'Osservatorio sopra citato, le dott.sse Michelina Iuliano e Pasqualina Chirico del Consorzio, la dott.ssa Patrizia Delli Gatti referente dell'ASL "Progetto Di Donna" ed infine la Consigliera provinciale di parità avv. Antonietta De Angelis.

Chi scrive tiene soprattutto a sottolineare l'alto valore simbolico, ma anche pratico, dell'iniziativa, impreziosita dalla presenza, come già detto, dei giovani, senza i quali ogni cosa perde molto dei suo senso profondo. Pertanto mi viene facile invitare caldamente le persone, soprattutto quelle in età verde, a presenziare in maniera attiva, auspicando, al contempo, che la nascente Consulta veda l'auspicata partecipazione della fronda più verde della società (soprattutto al femminile, naturalmente).

ROSSA1

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia