Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

COLDIRETTI

Che l'agricoltura non viva un momento di particolare prosperità non è un mistero, come riportano le cronache italiane, e che il comparto produttivo corra il serio rischio di cadere in una crisi tra le più disastrose della storia patria è altrettanto innegabile. Sul piatto della bilancia pesano gli alti costi di produzione, cui non corrisponde un prezzo adeguato alla fonte, giacchè i molti passaggi di filiera incamerano la gran parte dei guadagni. A ciò c'è da aggiungere l'improvvida politica comunitaria in materia di agricoltura, la quale, se pone vincoli strettissimi ai produttori italiani, d'altra parte lascia che la concorrenza straniera inondi i mercati nazionali di ogni prodotto, senza peraltro che si proceda ad un controllo di qualità e di certificazione di provenienza adeguati. Insomma un vero disastro, aggravato dai danni prodotti dagli ungulati, dalla pirateria alimentare, che spaccia per italiani prodotti che non lo sono e che magari contengono chissà quali sostanze, l'insufficienza delle politiche anche nazionali per lo sviluppo dell'agricoltura etc. etc.

Nel caso di specie, ad esempio, se il frumento, essendo la cerealicoltura estensiva estremamente diffusa tra i produttori di Lacedonia e dei paesi vicini, costava qualche anno fa oltre 30 euro al quintale, oggi ne costa al malapena 17, a fronte di un aggravio esponenziale dei costi di produzione. E così molte aziende agricole solo in grazia di un mero miracolo possono riuscire a far fronte alle spese, annullando praticamente ogni guadagno. E questo non è affatto giusto, soprattutto se si considera che la zolla è una padrona che non tollera assenze dal lavoro.

E su tali problematiche COLDIRETTI è sempre in prima linea, tanto a livello nazionale, quanto regionale e locale. Mercoledì 20 di luglio l'associazione di categoria condurrà i propri iscritti a Roma per una manifestazione nazionale. Deus ex machina per la Regione Campania è Gerardo Palladino, alto funzionario della Coldiretti, che ha già predisposto un autobus che partirà da Grottaminarda. Ma la Presidente della sezione di Lacedonia, Rosanna Pagliuca, sta in questo periodo raccogliendo adesioni per riempire anche un pullman che parta direttamente da Lacedonia. La forte coesione che caratterizza gli agricoltori di zona, anche in un periodo intenso come quello attuale sotto il profilo dei lavori in campagna, farà sentire, ne siamo certi, la sua voce anche a Roma. E dunque, per aderire occorre contattare la Presidente Pagliuca.

LUPUS IN FABULA esprime la sua vicinanza a COLDIRETTI e, anche se in maniera virtuale, sarà insieme agli associati a Roma per dare una forte sveglia al governo nazionale in materia di politiche agricole.

COLDIRETTI1

Una recente manifestazione della Coldiretti. In primo piano Rosanna Pagliuca e Gerardo Palladino.

COLDIRETTI2

Gerardo Palladino, primo da sinistra, a una manifestazione della Coldiretti

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia