Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

carnevale2015 8

E' stato diffuso il programma di Carnevale per l'anno corrente, materialmente organizzato dalla Pro Loco "Gino Chicone" e dall'ANPI.

Alle ore 17.00 di domenica 7 febbraio, presso il centro polifunzionale, situato in Rione Bianchi, "Il Carnevale dei Piccoli", una festa in maschera con animazione.

Alle ore 16.00 di martedì 9 febbraio, corteo di carri e maschere con partenza dall'Istituto Magistrale, luogo d'incontro.

Alle ore 16.00 di domenica 14 febbraio la più classica delle feste lacedoniesi, la Rottura della Pignata in Piazza De Sanctis.

 

LE FOTO SI RIFERISCONO ALLE ATTIVITà DEL CARNEVALE DELLO SCORSO ANNO.

CARNEV2

CARNEV3

CARNEV

Condividi su:

el3

In caso di malori cardiovascolari improvvisi, come l’infarto, la tempestività dell’intervento di rianimazione può fare la differenza tra la vita e la morte. Infatti sono alte le possibilità di sopravvivenza soltanto nei primi dieci minuti dall’evento infausto, dopo di che esse diminuiscono progressivamente e inesorabilmente, fino ad annullarsi rapidamente. Ben si comprende, quindi, l’importanza di poter disporre di competenze nell’uso degli strumenti di rianimazione, quali i defibrillatori, in territori quali il nostro, alquanto lontano dalle sedi di primo intervento sanitario. Importantissima è pure, a tal fine, la capacità di porre in essere le corrette procedure di primo intervento, anche in caso di traumi, onde limitare i danni ed evitare, con la propria azione, di farne di peggiori.

Ciò è vero soprattutto per quanti operano in ambienti sportivi, ma anche scolastici o sociali in genere.

Pertanto LUPUS IN FABULA accoglie con grande favore l’iniziativa presa da Elena Palmisano, laureata in scienze motorie e fondatrice della scuola di danza Passion Dance, che si è rivolta all’ASL di Avellino al fine di porre in essere, a Lacedonia, i corsi de quibus. Nei fatti non è la prima volta, perché mesi or sono ci pensò l’Ente comunale, nella specie il Comm. Michele Caponigro, ad organizzare un corso per l’uso del defibrillatore semiautomatico, che il Comune ha provveduto ad acquistare e che è riposto nella bacheca al suo ingresso, a disposizione in caso di bisogno.

Per le informazioni relative al corso in oggetto occorre rivolgersi direttamente ad Elena Palmisano, telefonando al n. 3401687583.

el2

el

el1

Condividi su:

condotta2

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO IL COMUNICATO STAMPA DELLA CONDOTTA "ALTA IRPINIA" DI SLOW FOOD

 

31 gennaio 2016, Caposele, presso il ristorante 7Bello dei fratelli Malanga, in corso Sant’Alfonso 46

Si incontrano gli abitanti dell’Appennino: cittadini, agricoltori, artigiani, imprenditori, ricercatori, amministratori, anziani, giovani, bambini, donne e uomini, soci, fiduciari, amici, conoscenti, per parlare di Appennino, per fare il punto sui vari modelli di sviluppo proposti e sulle azioni intraprese dalla popolazione dell’Appennino per la popolazione dell’Appennino.  Si incontrano per narrare luoghi che, come ha ricordato Gaetano Pascale, nella giornata di chiusura lavori degli Stati generali dell’Appennino, lo scorso ottobre, «Non sono aree svantaggiate, ma danneggiate da politiche miopi, nonostante abbiano tutte le potenzialità per garantire un alto livello di benessere». Si parlerà del Manifesto dell’Appennino, redatto da Slow Food, e di come lo si può coniugare sul territorio. Il futuro degli Appennini deve passare dall’agricoltura perché lo sviluppo delle zone montane è consentito, a tutti i livelli, dallo sviluppo o dal mantenimento del settore primario. Se l’agricoltura funziona, il settore secondario si attiverà, determinando bisogni per il terziario. In questo modo si mantiene l’identità e si sviluppa cultura. Una strada possibile è l’alleanza tra operatori, costruire una rete tra le aziende e i poli sociali.

Sarà un'occasione di riflessione e di convivialità; cui seguirà una visita guidata alle Sorgenti del Sele, al Museo delle Acque e alle Macchine di Leonardo.​

condotta1

condotta

Condividi su:

FIL

La socializzazione, in un'epoca segnata da rapporti interpersonali quasi del tutto "virtuali", può veramente fare la differenza in ordine alla qualità della vita e soprattutto alla creazione di stimoli esistenziali. E dunque la vita associativa è qualcosa di molto prezioso, da salvaguardare ed incentivare. lo scorso anno un gruppo di signore e signorine di Lacedonia ha dato vita ad un laboratorio creativo proteso a recuperare le antiche abilità in ordine all'arte sartoriale, al ricamo e così via. A mano a mano moltissime sono state le adesioni. Da registrare soprattutto il successo ottenuto la scorsa estate dalla manifestazione concernente le "spose", a dimostrazione della capacità anche logistica della quale le innumerevoli associate sono portatrici. Ieri Filamenti ha compiuto un anno: una ulteriore occasione offerta alle socie per ritrovarsi.

FIL1

FIL2

FIL3

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia