Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

danza

Sono di Lacedonia, sono giovanissime e sono guidate dal maestro di danza Michele Francavilla. Sono in sei ed hanno creato un gruppo veramente molto affiatato che va raccogliendo allori dovunque partecipi alle competizioni. Ultima soddisfazione, in ordine di tempo, quella di ieri presso il Palasport di Ariano Irpino, ove sono riuscite a salire sul gradino più alto del podio vincendo nelle competizioni di ballo latino e latin pop. In verità avevano stravinto anche a Gaeta il 27 novembre dello scorso anno, ma il plusvalore di questa gara è consistito soprattutto nella qualità del "giudice" che ha decretato il loro successo: si tratta infatti della celebre ballerina russa, naturalizzata italiana, Natalia Titova. E scusate se è poco. Brave, dunque, le ragazze, sopra ritratte in foto con Iris, titolare dell'associazione Pantera Dance, e Michele Francavilla. I loro nomi sono: Debora Damiano, Marianna Franciosi, Alda Rizzi, Giulia Gargano, Alice Megliola e Maria Protano.

I paesi dell'Irpinia orientale, ma in verità quelli di tutto l'osso appenninico, soltanto in apparenza non offrono stimoli esistenziali, ovverossia non li offrono a coloro i quali non li cercano, perché in sostanza è possibile praticare molte delle attività alle quali è possibile accedere nelle grandi città, con il vantaggio di potercisi dedicare con maggior impegno, perché meno distratti da altre cose. Nella danza perenne della vita, anche Lacedonia balla e, a quel che sembra, ad alti livelli.

danza1

 

Condividi su:

coldir2

A 16 - Area di serizio Irpinia nei pressi di Avellino

Che cosa ha contribuito a costruire la grandezza degli antichi Romani? Essenzialmente l'aver compreso l'importanza delle strade per i commerci e per le conquiste, che all'epoca erano reali ed oggi possono e devono essere metaforiche. Ebbene, quando ho appreso dell'ennesima iniziativa di Coldiretti, il mio pensiero si è proiettato in epoche remotissime, quando la nostra Irpinia era attraversata dall'Appia, la principale arteria stradale del meridione per molti secoli. Nei fatti quale migliore luogo per "vendere" i propri prodotti, ovverossia per pubblicizzarli a livello internazionele, se non le principali arterie viarie che oggi sono le autostrade? Proprio in questo consiste l'intesa stipulata da Coldiretti e Società Autostrade per l'Italia che presenta la significativa legenda di «Il Mercato di Campagna Amica». Nei fatti talune aree di servizio da Frosinone a scendere in giù sono diventate per due giorni, ieri e oggi, un vero e proprio punto per il commercio della frutta e delle verdure. Naturalmente anche la Coldiretti di Avellino ha fatto la sua parte, conducendo nell'area di servizio "Irpinia" l'azienda di Venticano, che opera nel comparto ortofrutticolo,  denominata Le Colline del Sole.

Estremamente eloquente il commento del Vicedirettore della Coldiretti di Avellino, dott. Gerardo Palladino, il quale ha affermato: «Romani, toscani, liguri, pugliesi, spagnoli, napoletani. Eh si, ci riconoscono al volo. Sanno tutti che comprare direttamente dai nostri produttori è garanzia di freschezza e sicurezza alimentare». Come non concordare? LUPUS IN FABULA si batte da sempre per il commercio agricolo a chilometro zero, soprattutto se le produzioni sono certificate da un'Associazione di Categoria, la più imponente ed attiva in Italia per il settore agricolo, con il suo milione e mezzo di associati, quale è Coldiretti.

L'idea di portare i prodotti della nostra verde Irpinia in autostrada, poi, mi è davvero piaciuta subito: si tratta di un'ottima iniziativa promozionale della quale beneficeranno, a livello di marketing, tutte le produzioni nostrane.

coldir5

Dott. Gerardo Palladino, Vicedirettore di Coldiretti Provinciale di Avellino

Condividi su:

miscia

Dott. Michele Filippo Miscia, nuovo Delegato Regionale dell'UNLA

Posso garantirvi, cari amici, che è cosa ben strana e senza dubbio non molto elegante parlare di se stessi in prima persona, ma è inevitabile quando si è parte integrante della notizia da dare. Da stasera sono il nuovo Delegato Regionale della Campania dell'Unione Nazionale per la Lotta all'Analfabetismo (in verità si tratta di lotta serrata ad ogni forma di ignoranza, che è piaga abbastanza purulenta nei tempi nostri), e quindi la nuova sede della Delegazione è Lacedonia. Tutto questo avviene nel settantesimo anniversario della fondazione di quello che è uno degli Enti morali più prestigiosi e datati d'Italia, fondato nel 1947 dal grande meridionalista Francesco Saverio Nitti. In verità io avevo premuto per la riconferma nella carica del carissimo amico Prof. Pietro Guglielmo, il quale ha operato benissimo ma che, dopo due mandati triennali, ha deciso di passare il testimone, anche perché è comunque membro del Direttivo Nazionale dell'Ente.

La progettualità sottesa a creare opportunità formative, anche finalizzate all'acquisizione di competenze per l'entrata rapida nel mondo del lavoro, troverà dunque da domani il suo centro proprio a Lacedonia per quel che concerne l'intera Regione Campania. Resteranno comunque inalterate le attività consuete del Centro Culturale per l'Educazione Permanente UNLA lacedoniese, ovverossia la conduzione della Scuola permanente di italiano e legalità di base per stranieri, il volontariato a pro delle fasce della popolazione portatrici di disagio, i corsi di aggiornamento e formazione per il personale della scuola pubblica, essendo l'UNLA Ente accreditato presso il MIUR, le ricerche storiche, antropologiche etc. che hanno caratterizzato l'azione in questi anni, la consulenza formativa per gli studenti di ogni ordine e grado, l'organizzazione di eventi culturali di eterogenea sorta etc.

pietro guglielmo

Prof. Pietro Guglielmo, membro del Direttivo Nazionale dell'UNLA

Condividi su:

VALLE

 

Non ricordo più da quanti anni predico ai quattro venti la necessità di tornare ad innamorarci dei nostri paesi per riuscire ad invertire il pericoloso trend di decrescita antropica che sta letteralmente svuotando gli agglomerati urbani dell’Irpinia montana, nessuno escluso. Devo dunque rendere merito alla Pro Loco di Vallesaccarda perché ha compreso, come l’Alchimista di Paolo Coelho, che, per quanto possiamo sognare meraviglie molto distanti nello spazio da noi e tentare di raggiungerle, alla fin fine il vero tesoro si trova sotto i nostri piedi. È la terra d’Irpinia, quella che calpestiamo tutti i giorni, lo scrigno che conserva meravigliosi vestigi di storia plurimillenaria, visibili soltanto a chi possiede occhi per guardarli. E dunque un nutrito gruppo che fa capo alla Pro Loco di Vallesaccarda, paese celebre soprattutto per la sua gastronomia, per tappe sta visitando tutti gli attrattori turistici dell’Irpinia interna. Quella odierna è stata la settima tappa. Stamattina l’attenzione si è incentrata su Lacedonia, ove il gruppo è stato accolto dal sindaco Antonio Di Conza. Quindi si è diretto presso la Chiesa Concattedrale e nel Museo “San Gerardo Maiella”, ove insiste il celeberrimo Pozzo del Miracolo, sul quale i visitatori si sono a lungo soffermati. È stata poi la volta del MAVI, il Museo Antropologico Visivo Irpino, che narra la storia della cultura contadina attraverso le immagini scattate nel 1957 dal noto studioso americano Frank Cancian.Oggi pomeriggio, invece, dopo aver pranzato presso l’Antica Ostaria del Valtuscano, la comitiva sarà a Monteverde, ove avrà modo di visitare il Castello Baronale, ricchissimo di suggestioni, altri rilevanti attrattori culturali e ambientali, con una puntata finale, a quel che pare, presso la birreria irpina per eccellenza, il luogo ove si produce l’ottima birra artigianale Serro Croce.

Una iniziativa, quella della Pro Loco di Vallesaccarda, pionieristica e veramente encomiabile, protesa a conoscere il nostro comune territorio d’origine e a superare stupidi ed anacronistici campanilismi, che oltre a non giovare a nessuno sono anche estremamente deleteri.

LUPUS IN FABULA si augura che la popolazione d’Irpinia si decida, una buona volta, ad emulare simili iniziative, con interscambi tra gli eterogenei comuni, solo e unico antidoto alla completa decadenza culturale.

VALLE1

La Pro Loco di Vallesaccarda presso Il MAVI

VALLE2

Il Pozzo del Miracolo operato da San Gerardo Maiella a Lacedonia

valle6

A pranzo presso l'Antica Ostaria del Valtuscano a Lacedonia

valle7

A pranzo presso l'Antica Ostaria del Valtuscano a Lacedonia

valle4

Monteverde - Foto T. Rorro

valle5

Monteverde - Foto A. Pignatiello

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia