Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

ZAND

TRE GENERAZIONI DI LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE - LA FAMIGLIA ZANDOLINO

 

Mi chiedo spesso come sarebbe stata Lacedonia se molti dei nostri concittadini non fossero stati costretti dalle circostanze della vita a crearsi un futuro altrove, portando con sè i propri talenti. Quanti e quanti amici, soltanto della mia generazione, non vedo più da anni, per quanto io sappia con certezza che si sono creati, con mia grande soddisfazione, una posizione nelle zone di residenza. Certamente non è questo il caso dei fratelli Nicola e Gerardo Zandolino, i quali, anche in grazia della vicinanza della Lucania a Lacedonia, hanno mantenuto con la loro comunità d'origine un legame strettissimo, orgogliosi di aver trovato qui le loro radici.

Fatto è che da tre decenni ed oltre, ovvero da quando, insegnanti di educazione fisica nelle scuole pubbliche, decisero di aprire una palestra a Rionero In Vulture, ove risiedono, essi sono diventati il rifermineto più pregnante dell'attività sportiva del luogo, tanto a livello amatoriale quanto a quello aginistico. Impossibile enumerare tutti gli eventi che hanno organizzato negli anni, conquistandosi una credibilità fondata soprattutto sulle loro indiscutibili competenze, che, trasmesse al lavoro fisico, producono nell'utenza del loro Club, il Mistral, un benessere psicofisico che ha garantito loro di portare avanti in un crescendo di adesioni la loro attività.

E non si tratta di certo di una struttura piccola, essendo invece la palestra costruita su due livelli, nei quali si offre la più eterogenea sorta di servizi, lunghissima da enumerare.

A Lacedonia vedo spessissimo Nicola e vedo Gerardo, almeno in occasione degli spettacoli teatrali. Non ho mai però avuto l'opportunità di complimentarmi personalmente, perché quando ci si incontra si parla d'altro. E, dunque, LUPUS IN FABULA vuole porgere i suoi complimenti a due lacedoniesi a denominazione d'origine controllata che portano alto il nome di Lacedonia dove vivono.

ZAND1

ZAND2

ZAND3

Condividi su:

CARN

Sarebbe veramente bello, di quando in quando, se gli adulti riuscissero ad osservare il mondo con gli occhi candidi dei bambini, vivendo l'istante immersi in un'atmofìsfera carica di suggestioni, abbandonando anche solo per un attimo preoccupazioni, affanni e problemi della sorta più eterogenea. Io stesso pagherei non so che cifra per risvegliare l'infante che sonnecchia dentro di me. Occasioni come il carnevale sono ideali per abbandonare a se stesso l'ego indurito dalla vita, con un ritorno all'amore per se stessi e per quanti ci circondano, persone comprese. È solo una bella utopia? Per molti, ma certamente non per tutti, ovvero per coloro i quali vivono a stetto contatto con i pargoli, condividendo con loro i momenti di gioia e attenuando le loro ansie, le paure tipiche dell'infanzia. Un doveroso ringraziamento, dunque, LUPUS IN FABULA lo rivolge alle ottime volontarie e ai solerti volontari sell'ANSPI, che si occupa dell'infanzia a Lacedonia animandola con le più eterogenee attività ludiche, ricreative e formative. Queste le foto della festa, con i bambini mascherati, tenutasi ieri presso il polifunzionale, con giochi di società e animazione.

CARN1

CARN2

CARN3

CARN4

CARN5

CARN6

CARN7

CARN8

CARN9CARN10

CARN11

Condividi su:

pietro guglielmo modificato 1

PROF PIETRO GUGLIELMO, DELEGATO REGIONALE UNLA

 

Che siano tempi di crisi è fuori di discussione. E se lo sono per le classi medie figuriamoci per quelle che vivono al di sotto della soglia di povertà. La domanda dunque è questa. Possiamo fare qualcosa? Poco, forse, ma pur qualcosa. E al proposito vorrei citare un aneddoto che penso derivi dalla tradizione orientale.

Uno tsunami scagliò sulla spiaggia molte migliaia di stelle mare che al sole sarebbero morte in poco tempo. Una bambina, camminando sulla battigia, le raccoglieva e le rigettava in mare ove avrebbero ripreso a vivere. Un vecchio scosse la testa e le disse: «Ma che cosa fai? Non vedi quante sono? Pensi forse di riuscire a salvarle tutte? Tu sei pazza!». La bambina ne raccolse una, la guardò e rispose al vecchio: «Intanto questa è salva!».

Con tale spirito l’UNLA (Unione Nazionale per la Lotta all’Analfabetismo), sezioni dell’Irpinia orientale, si apprestano a lanciare una iniziativa di contrasto all’indigenza.

“UN LIBRO PER I POVERI”. In che cosa consiste? Porremo in vendita libri di nostra produzione in giacenza, da spedire anche per posta ai concittadini lontani, e destineremo il 50% per offrire il pranzo di Pasqua o Pasquetta a famiglie che non posseggono nulla ed il 50% a porre in essere corsi gratuiti per giovani, e meno giovani, italiani ed immigrati per il recupero di antichi mestieri che potrebbero offrire risposte alla disoccupazione.

Questo ultimo punto ci sembra più importante.

Pensiamo ad esempio di offrire un corso per “calzolai”, che nei nostri paesi sono quasi ormai scomparsi del tutto e dei quali, in verità, c’è notevole richiesta. Inoltre abbiamo in programma un corso gratuito per “ceramisti d’arte” e per “ceramisti della tradizione”, coloro i quali, lavorando la nostra argilla, fabbricavano boccali, pentole in cui cuocere i legumi e tantissimi oggetti di uso quotidiano in terracotta. Tali iniziative le abbiamo concordate con la Federazione Nazionale dei Maestri del Lavoro d’Italia. Inoltre, con Slow Food, rappresentato nelle nostre zone da Gerardo Vece, vogliamo impiantare un orto didattico, a Lacedonia, per la coltivazione di piante officinali, per fornire a chi è interessato le competenze necessarie per intraprendere in tale settore produttivo.

Insomma, come recita un antico proverbio cinese, «se incontri un povero puoi anche offrirgli un pesce, ma fai meglio se gli insegni a pescarlo». Siamo consapevoli del fatto che la nostra azione è una goccia nel mare: ma il mare è fatto appunto di gocce. Il nostro vuole essere all’un tempo un piccolo contributo e un momento di riflessione sulla situazione di povertà materiale che affligge molti italiani, oltre che gli stranieri.

PER INFORMAZIONI

MICHELE MISCIA - CELL. 3386831696 - E-MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IMPORTANTE - A TUTTI COLORO CHE PARTECIPERANNO AL PORGETTO SARÀ SPEDITA PUNTUALE RENDICONDAZIONE VIA E-MAIL

 

DI SEGUITO I LIBRI DE QUIBUS. SE L'OPERAZIONE SOLIDARISTICA AVRÀ SUCCESSO NE PORREMO A DISPOSIZIONE ALTRI.

 

IND modificato 1

Primo volume di una ricostruzione storica precisa e puntuale che concerne la Lacedonia dell'epoca sannitica e romana. Il prossimo riguarderà il medioevo. Notevole quantità di copie a disposizione.

 

IND1 modificato 1

Le esperienze di guerra di un centenario di Bisaccia, il caro Zio Vito. Un vero inno alla pace raccontato da un giovane che all'epoca pensava solo a salvare la pelle sua e dei suoi soldati e a tornare a casa. Disponibilità: soltanto due copie.

IND2 modificato 1

Il ritratto di un'epoca nella quale la politica ancora contava. Poche copie disponibili.

IND3 modificato 1

La nascita del Movimento Comunista nell'Irpinia orientale attraverso i ricordi di Tonino Di Ninno, un comunista irriducibile. Due copie soltanto a disposizione.

IND5 modificato 1

Il ruolo della donna nell'ambito della famiglia contadina documentata nelle foto di Francesco Russo, con commenti poetici di Pietro Guglielmo e saggi di Carmine Ziccardi e Michele Miscia. Buona disponibilità di copie.

IND7 modificato 1

I segreti della reliquia più importante della cristianità nella ricostruzione scientifica e storica della Prof.ssa Marinelli e con un saggio satirico dello scrivente. Poche copie.

IND4 modificato 1

La storia di un reduce irpino fortunosamente salvatosi da uno stammlager nazista. Due copie soltanto a disposizione.

 

E' inoltre disponibile un libro su Don Leone Iorio, esorcista di fama internazionale che esercitava il suo ministero ad Andretta.

 

SI RINGRAZIANO SENTITAMENTE TUTTE LE PERSONE CHE PARTECIPERANNO AL NOSTRO PROGETTO SOLIDARISTICO!

 

PER INFORMAZIONI

MICHELE MISCIA - CELL. 3386831696 - E-MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Condividi su:

carnevale2015 8

E' stato diffuso il programma di Carnevale per l'anno corrente, materialmente organizzato dalla Pro Loco "Gino Chicone" e dall'ANPI.

Alle ore 17.00 di domenica 7 febbraio, presso il centro polifunzionale, situato in Rione Bianchi, "Il Carnevale dei Piccoli", una festa in maschera con animazione.

Alle ore 16.00 di martedì 9 febbraio, corteo di carri e maschere con partenza dall'Istituto Magistrale, luogo d'incontro.

Alle ore 16.00 di domenica 14 febbraio la più classica delle feste lacedoniesi, la Rottura della Pignata in Piazza De Sanctis.

 

LE FOTO SI RIFERISCONO ALLE ATTIVITà DEL CARNEVALE DELLO SCORSO ANNO.

CARNEV2

CARNEV3

CARNEV

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia