Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

bis

La delegazione più numerosa, nell’ambito della presentazione del Piano Territoriale di Protezione Civile, stamani a Lacedonia, era senza dubbio quella composta dai volontari di Bisaccia, tutti facenti parte di un gruppo di GCVPC che oggi vanta un corposo numero di iscritti tutti attivi e propositivi, ognuno con specifiche competenze tecniche, sanitarie, gestionali e di segreteria messe a disposizione della cittadinanza nel segno del volontariato più assoluto. Ad accompagnare la delegazione due assessori, dott. ssa Serafina Camarca e dott. Giuseppe Ciani

Il Gruppo è attualmente coordinato da Marta Ira Scotece, nel ruolo di coordinatore, e Antonio Troiano, quale vice coordinatore; altre figure preziose sono Giovanni Maggino, Francesco Cremona, la segretaria Isabella Sena, Pasquale Gallicchio, lavoratore d'industria, Antonio Panno, Rocco Pignatiello, Giuseppe Ciani, Alfio Castelluccio, Angelo Magliano, Mitrione Franco Almonte, Elisa Casarella, Donato Cela, Rosanna Bonavitacola, Rosanna Mitrione, Francesco Antonio Mitrione, Donato Spatola, Michele De Guglielmo, Vito La Penna, Nicola Balascio.

A spiegare lo stato dell’arte in cui si trova il gruppo della Protezione Civile, le attività fin qui poste in essere e quelle in fieri, è l’assessore Camarca, la quale spiega che: «Il gruppo ha svolto fino ad ora un gran lavoro di organizzazione interna, dandosi un regolamento, definendo un organigramma e un funzionigramma, sulla cui scorta ha iniziato ad operare in simbiosi con i responsabili di funzione designati nel Piano di Protezione Civile (redatto nell'ambito del progetto del COM - 10). Dall'approvazione del Piano di PC - continua la dott.ssa Camarca - l'amministrazione ha programmato e già tenuto due corsi di formazione, uno riguardante il piano stesso e rivolto ad amministratori, responsabili di funzione e Volontari del Gruppo Comunale, l'altro un corso base per i volontari. Attualmente la nostra amministrazione è in contatto diretto con il Direttore Regionale  della Scuola di Protezione Civile per proseguire il percorso di formazione dei volontari. Completata l'impiantistica per il funzionamento di strumentazione hardware e software (a supporto parziale dell'attività di monitoraggio dei rischi sul nostro territorio, in particolare del rischio idrogeologico), stiamo operando per potenziare il sistema di radiocomunicazioni presso la nuova   sede del COC, che è anche sede del GCVPC, e che inaugureremo a fine maggio con un incontro pubblico durante il quale presenteremo anche il piano di Protezione civile alla cittadinanza, come fatto oggi a Lacedonia. Sarà quella l'occasione per iniziare a far comprendere alla cittadinanza bisaccese che la fase attiva di PC (volta alla preparazione alla gestione dell'emergenza) è essenziale per poter essere in grado di minimizzare rischi e danni alla popolazione e per far capire che a Bisaccia esiste ed è attivo il volontariato nell'ambito della PC. Insieme al gruppo abbiamo elaborato un programma di attività che riguarda la formazione e l'informazione alla popolazione dei contenuti del piano di PC ed esercitazioni di PC e di soccorso a tutti i livelli, ritenendo che informazione ed esercitazioni siano essenziali affinché il cittadino conosca sia il tipo di rischio cui è soggetto il proprio territorio e sia come comportarsi durante e dopo un evento. Per cui oltre alla presentazione pubblica del piano di PC, entreremo nelle famiglie anche attraverso la pubblicazione sul sito web del GCVPC di Bisaccia di un estratto del piano e la distribuzione di opuscoli informativi ed entreremo nelle scuole non solo con simulazioni di evacuazione, ma anche con un "Progetto di Educazione e Sensibilizzazione alla Cultura della Protezione Civile.

È intento di questa amministrazione - conclude l’assessore - far crescere il gruppo dal punto di vista operativo trovando i canali per la dotazione di attrezzature e mezzi idonei a fronteggiare situazioni di rischio quantomeno a livello locale». 

cropped cropped intestazione sito web GCVPC 300x300

www.protezionecivilebisaccia.it

Condividi su:

fratres

La prevenzione del tumore al seno può fare la differenza tra la vita e la morte. Una diagnosi precoce è fondamentale per sconfiggere la malattia con poche conseguenze per le donne che ne vengono colpite. Per questo LUPUS IN FABULA sente il bisogno di complimentarsi con due Associazioni che operano a Lacedonia, i Fratres e l'ANSPI. La prima opera ben oltre i ristretti limiti, pur importantissimi, della donazione di sangue, rivelandosi di contro attentissima a tutte le attività di prevenzione delle patologie o a quelle di supporto alle raccolte fondi organizzate da innumerevoli enti di ricerca nazionali; la seconda offre il proprio supporto generoso in ogni evento o manifestazione di Lacedonia.

Nella fattispecie è da dire che le prenotazioni, per domani, sono fioccate in maniera veramente massiccia e avranno un bel da fare i medici dott. Carlo Iannace e dott. Danilo Palmieri, entrambi volontari dell'AMDOS, che riceveranno a partire dalle 16.00 di domani, e fino alle 20.00, presso il Museo della Religiosità Popolare.

12963866 1194873473863809 4594156430521864365 n

Condividi su:

ROS

Mai, nella sua pluridecennale storia, la sezione di Lacedonia della Coldiretti aveva avuto alla sua guida un Presidente donna. Da qualche giorno Rosanna Pagliuca occupa tale ruolo, in seguito alla sua elezione. La qual cosa, a nostro giudizio, rappresenta un grosso passo avanti nella mentalità sociale. Persona estremamente in gamba e competente, ella ama il suo lavoro di coltivatrice, essendo peraltro impegnata nel ruolo faticoso e non certo agevole di moglie e di madre. Nonostante questo ella non ha mai fatto mancare il suo apporto alla più grande organizzazione italiana che si occupa di agricoltura ed anzi è stata sempre in prima linea tanto nelle organizzazioni di eventi, quanto in quella di convegni e di azioni pratiche a sostegno del comparto agricolo.

LUPUS IN FABULA esprime la sua soddisfazione per questa elezione ed augura buon lavoro alla neoeletta Presidente.

ros1

ROSANNA PAGLIUCA ALLA GUIDA DEL SUO TRATTORE DURANTE LA FESTA DEL RINGRAZIAMENTO

ros2

ROSANNA PAGLIUCA MENTRE RACCOGLIE L'OTTIMO MIELE DEI SUOI ALVEARI

Condividi su:

di1

 

Il territorio dell’Appennino è sottoposto, già da tempo, ad una proliferazione indiscriminata di impianti di produzione di energia elettrica, cosiddetta “pulita”, in primo luogo l’eolico e gli impianti di distribuzione ad esso finalizzati. Il paesaggio agricolo collinare ha subito e sta ancora subendo stravolgimenti causati dalla loro sempre maggiore invasività. I segni dell’agricoltura e dell’attività rurale, che modellano il paesaggio collinare durante l’alternarsi delle stagioni, stanno lasciando il passo a segni “alieni” che ne stravolgono la bellezza originaria. Ben pochi hanno dato il giusto valore al nostro paesaggio e nessuna attenzione è stata rivolta alla sua salvaguardia. Da non trascurare, inoltre, l’aumento esponenziale della presenza sul territorio delle sorgenti di campo elettromagnetico, causa di un notevole aumento dei limite di esposizione e del conseguente pericolo per la salute umana.

Nel voler divulgare la consapevolezza riguardo i danni per l’ambiente e per la salute, il gruppo fotoamatoriale di “FotOfficine” ha pensato di assegnare il compito di raccontare il nostro paesaggio alla potenza delle immagini fotografiche, capaci di immortalare sia il paesaggio “contaminato” dagli impianti eolici (e non solo) sia quello (ancora) immune da tale invasione.

Con questa iniziativa viene chiesto agli amanti della fotografia di dare uno sguardo critico su quanto è avvenuto e sta avvenendo, al paesaggio agricolo “compromesso”; andrà contrapposta, invece, la ricerca e la rappresentazione di angoli “incontaminati” che ne riproducano tutto il fascino e la bellezza originaria.

Le fotografie dovranno essere scattate nel territorio dell’Appennino, con l’indicazione del luogo di scatto e con una breve didascalia. Le stesse dovranno essere spedite all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro la data del 13.06.2016. Tutti i dettagli della partecipazione all’iniziativa sono contenuti nel regolamento pubblicato sul sito www.sinergiebisaccia.it/fotofficine.

Il materiale fotografico sarà divulgato, ai fini documentali, su canali pubblici a tema, nonché per eventuali manifestazioni pubbliche (mostre, convegni, etc.).

Chi è FotOfficine?

FotOfficine ha già organizzato, nel corso dello scorso anno, diverse iniziative in campo fotografico, da menzionare, in particolare il concorso fotografico “aria - terra – acqua - fuoco”….una foto da calendario, nell’ambito del riuscitissimo evento APPENNINO FUTURO, organizzato da Slow Food Alta Irpinia, e la serata “Fotografie sotto le stelle” tenutasi ad agosto 2015 nel Castello Ducale di Bisaccia. Nell’ambito del gruppo di fotoamatori, vengono organizzate periodiche “escursioni fotografiche” nel territorio dell’Appenino centromeridonale.

REGOLAMENTO COMPLETO e DETTAGLI su www.sinergiebisaccia.it/fotofficine

maggino

maggino1

maggino2

maggino3

 

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia