Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

matt

Bella famigliola quella composta dai piccoli Matt, Mark, Linda e dalla mamma Becky, candida come il loro carattere. Sono tutti in cerca di una casa. Chi non ha mai condiviso il suo tetto con un amico a quattro zampe non può conoscere quale intimo rapporto possa nascere e quanta familiarità promani da un amico "parlante", sia pure in un diverso linguaggio, che si offre senza chiedere in cambio niente altro se non affetto.

Per informazioni

Francesca CELL. 349 6648136

Condividi su:

FILLY

Filly , femminuccia, due mesi circa, futura taglia medio/ piccola in cerca di casa. Per info 3496648136 - Francesca

 

Con quello sguardo non dubitiamo che troverà immediatamente famiglia.

Segnalateci amici a quattro zampe in cerca di adozione: veicoleremo volentieri le vostre segnalzioni.

Perchè lo facciamo? Mica per nulla ci chiamiamo LUPUS IN FABULA: siamo molto affini alla razza canina!

FILLY1

 filly2 modificato 1

 

Condividi su:

pietro guglielmo

A scendere apertamente in campo contro quella che viene definita una vera invasione eolica dei territori dell'Alta Irpinia è tutta l'UNLA (Unione Nazionale per la Lotta all'Analfabetismo) della campania. Tale posizione è stata apertamente espressa da Pietro Guglielmo, il delegato regionale dell'Ente fondato nel 1947 da Francesco Saverio Nitti e che tanta parte ha avuto nello sviluppo dei piccoli paesi dal dopoguerra in poi. Il prof Guglielmo, il cui CCEP si trova ad Andretta, si è espresso in questo modo sulla scorta di incontri protratti con gli altri dirigenti campani, in primo luogo Michele Miscia (mi si perdoni la terza persona) che dirige a Lacedonia.

Egli, in prima linea nelle recenti proteste scatenatesi proprio ad Andretta, non lesina critiche a tale modo di concepire uno sviluppo energetico che condurrà al sottosviluppo sociale ed antropico, oltre che economico, delle aree interne, in considerazione dell'impatto nullo degli insediamenti sulle tasche della popolazione. Insomma, i "parchi", e chiamarli in questo modo sembra quasi una presa in giro, non portano lavoro, non portano ad un sostanzioso abbassamento delle tasse per coloro i quali sono costretti a conviverci, alterano il paesaggio a detrimento del maggior attrattore turistico di zona, ovverossia l'ambiente, e quindi costituiscono una sorta di de profundis territoriale per una zona che già vive situazioni di depauperamento umano a causa dell'emigrazione.

Pertanto l'UNLA preannuncia concrete azioni sulla questione che non mancheranno di essere portate a conoscenza di tutti.

ELETTROSCHOK

Foto di Antonello Pignatiello.

Condividi su:

bis

La delegazione più numerosa, nell’ambito della presentazione del Piano Territoriale di Protezione Civile, stamani a Lacedonia, era senza dubbio quella composta dai volontari di Bisaccia, tutti facenti parte di un gruppo di GCVPC che oggi vanta un corposo numero di iscritti tutti attivi e propositivi, ognuno con specifiche competenze tecniche, sanitarie, gestionali e di segreteria messe a disposizione della cittadinanza nel segno del volontariato più assoluto. Ad accompagnare la delegazione due assessori, dott. ssa Serafina Camarca e dott. Giuseppe Ciani

Il Gruppo è attualmente coordinato da Marta Ira Scotece, nel ruolo di coordinatore, e Antonio Troiano, quale vice coordinatore; altre figure preziose sono Giovanni Maggino, Francesco Cremona, la segretaria Isabella Sena, Pasquale Gallicchio, lavoratore d'industria, Antonio Panno, Rocco Pignatiello, Giuseppe Ciani, Alfio Castelluccio, Angelo Magliano, Mitrione Franco Almonte, Elisa Casarella, Donato Cela, Rosanna Bonavitacola, Rosanna Mitrione, Francesco Antonio Mitrione, Donato Spatola, Michele De Guglielmo, Vito La Penna, Nicola Balascio.

A spiegare lo stato dell’arte in cui si trova il gruppo della Protezione Civile, le attività fin qui poste in essere e quelle in fieri, è l’assessore Camarca, la quale spiega che: «Il gruppo ha svolto fino ad ora un gran lavoro di organizzazione interna, dandosi un regolamento, definendo un organigramma e un funzionigramma, sulla cui scorta ha iniziato ad operare in simbiosi con i responsabili di funzione designati nel Piano di Protezione Civile (redatto nell'ambito del progetto del COM - 10). Dall'approvazione del Piano di PC - continua la dott.ssa Camarca - l'amministrazione ha programmato e già tenuto due corsi di formazione, uno riguardante il piano stesso e rivolto ad amministratori, responsabili di funzione e Volontari del Gruppo Comunale, l'altro un corso base per i volontari. Attualmente la nostra amministrazione è in contatto diretto con il Direttore Regionale  della Scuola di Protezione Civile per proseguire il percorso di formazione dei volontari. Completata l'impiantistica per il funzionamento di strumentazione hardware e software (a supporto parziale dell'attività di monitoraggio dei rischi sul nostro territorio, in particolare del rischio idrogeologico), stiamo operando per potenziare il sistema di radiocomunicazioni presso la nuova   sede del COC, che è anche sede del GCVPC, e che inaugureremo a fine maggio con un incontro pubblico durante il quale presenteremo anche il piano di Protezione civile alla cittadinanza, come fatto oggi a Lacedonia. Sarà quella l'occasione per iniziare a far comprendere alla cittadinanza bisaccese che la fase attiva di PC (volta alla preparazione alla gestione dell'emergenza) è essenziale per poter essere in grado di minimizzare rischi e danni alla popolazione e per far capire che a Bisaccia esiste ed è attivo il volontariato nell'ambito della PC. Insieme al gruppo abbiamo elaborato un programma di attività che riguarda la formazione e l'informazione alla popolazione dei contenuti del piano di PC ed esercitazioni di PC e di soccorso a tutti i livelli, ritenendo che informazione ed esercitazioni siano essenziali affinché il cittadino conosca sia il tipo di rischio cui è soggetto il proprio territorio e sia come comportarsi durante e dopo un evento. Per cui oltre alla presentazione pubblica del piano di PC, entreremo nelle famiglie anche attraverso la pubblicazione sul sito web del GCVPC di Bisaccia di un estratto del piano e la distribuzione di opuscoli informativi ed entreremo nelle scuole non solo con simulazioni di evacuazione, ma anche con un "Progetto di Educazione e Sensibilizzazione alla Cultura della Protezione Civile.

È intento di questa amministrazione - conclude l’assessore - far crescere il gruppo dal punto di vista operativo trovando i canali per la dotazione di attrezzature e mezzi idonei a fronteggiare situazioni di rischio quantomeno a livello locale». 

cropped cropped intestazione sito web GCVPC 300x300

www.protezionecivilebisaccia.it

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia