Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

BISACCIA

Quello dei LUPI d’Alta Irpinia è un popolo che la sorte ha voluto si stanziasse in una zona altamente sismica, nel cui sottosuolo, parafrasando Galileo, qualcosa «pur si muove», a fronte della nostra percezione di immobilità territoriale derivante dal limitato sistema sensoriale umano (in questo, ma anche in molte altre cose, gli animali ci sopravanzano di molto). E quel che è peggio, almeno in una prospettiva storica, è nel fatto che la terra si agita troppo spesso, con cadenze temporali misurabili in decenni (nella ovvia speranza che siano molti). La sola certezza è però nell’incontestabile verità scientifica che viviamo su una faglia instabile e che quindi la tettonica delle placche non ci avvantaggia per nulla.

Pertanto riteniamo sia importantissimo prendere le giuste precauzioni, innanzitutto costruendo con sistemi antisismici, come quelli giapponesi, ad esempio, che riescono sempre e comunque a limitare in danni. Impensabile che a Tokyo crollino edifici, anche altissimi, in cemento armato, come invece accadde nel 1980 dalle nostre parti (serbo un ricordo vividissimo di come si accartocciò su se stesso l’Ospedale di Sant’Angelo Dei Lombardi. Accanto a questo, però, occorre che le popolazioni si dotino di un essenziale strumento come il Piano di Protezione Civile, la qual cosa è stata fatta proprio nei nostri Comuni, quali Lacedonia, Bisaccia etc. È inoltre da dire che gli amiti di inferenza di un Gruppo di Protezione civile sono estremamente variegati: basti pensare, ad esempio, ai problemi che provocano le abbondanti nevicate o gli incendi o quant'altro di nefasto possa toccare una comunità a livello tanto individuale quanto collettivo.

E proprio a Bisaccia, domani 5 agosto, a partire dalle ore 10.00, presso il Centro Polifunzionale (Piano Regolatore) si terranno per l’intera giornata una serie di eventi che troveranno il loro fulcro nella presentazione del Piano Comunale e del Gruppo Volontari della Protezione Civile di Bisaccia.

Al Sindaco Marcello Arminio, come è consuetudine, toccherà il compito di salutare gli intervenuti e quindi sarà la dott.ssa Serafina Camarca, nella sua qualità di Assessore cion delega alla Protezione Civile, ad introdurre le tematiche.Indi prederanno la parola il Cap. Michele Caponigro (RUP del Progetto), l’ing. Leonardo Chiauzzi, redattore del PUC, il geom. Antonio Soriano (Global Mapper Italia), l’arch. Concetta Mattia, Responsabile Nazionale dell’ANPAS, Francesco Giacobbe, Presidente dell’Ass. “La Flumerese”, il dott. Enrico Freda,  responsabile post emergenza della Unità Operativa Dirigenziale Regione Campania. A concludere gli interventi sarà il dott. Berardino Iuorio - Responsabile del Volontariato e Protezione Civile della Regione Campania. Marta Scotece presenterà invece il Gruppo Volontari della Protezione Covile di Bisaccia, l’arch. Giovanni Maggino presenterà la “Guida al Cittadino” e Antonio Troiano comunicherà le attività programmate dal Gruppo.

A moderare i lavori è stato chiamato il LUPO, ovvero lo scrivente.

Locandina GCVPC BISACCIA WEB

Locandina BAMBINI GCVPC BISACCIA

Condividi su:

ORATORIO

Ha aperto i suoi cancelli ieri l'Oratorio estivo dell'ANSPI, meritoria Associazione che pone in essere continue iniziative a favore dei fanciulli nell'arco di tutto l'anno solare. E così in agosto l'ANSPI diventa imprescindibile punto di riferimento anche per i bambini che giungono in loco per le vacanze estive al seguito dei genitori, in maniera tale che possano contrarre o rafforzare i rapporti di amicizia tra coetanei che sono tanto importanti in età infantile. A dire il vero il divertimento non manca affatto: molte le attività previste e poste in essere con l'aiuto dei bravi giovanissimi animatori. Come per l'anno scorso, anche per questo è da registrare la presenza, per aiutare a porre in essere l'animazione, dei giovani rifugiati minori non accompagnati ospiti del centro di prima accoglienza di Lacedonia, per i quali questa è una occasione di integrazione nella società locale, oltre che di responsabilizzazione.

ORATORIO1

ORATORIO2

ORATORIO3

GIOVANISSIME ANIMATRICI DELL'ANSPI

ORATORIO4

I GIOVANI RIFUGIATI CHE PRESTANO OPERA DI ANIMAZIONE

ORATORIO5

GIOVANI ANIMATORI

Condividi su:

COLDIRETTI

Che l'agricoltura non viva un momento di particolare prosperità non è un mistero, come riportano le cronache italiane, e che il comparto produttivo corra il serio rischio di cadere in una crisi tra le più disastrose della storia patria è altrettanto innegabile. Sul piatto della bilancia pesano gli alti costi di produzione, cui non corrisponde un prezzo adeguato alla fonte, giacchè i molti passaggi di filiera incamerano la gran parte dei guadagni. A ciò c'è da aggiungere l'improvvida politica comunitaria in materia di agricoltura, la quale, se pone vincoli strettissimi ai produttori italiani, d'altra parte lascia che la concorrenza straniera inondi i mercati nazionali di ogni prodotto, senza peraltro che si proceda ad un controllo di qualità e di certificazione di provenienza adeguati. Insomma un vero disastro, aggravato dai danni prodotti dagli ungulati, dalla pirateria alimentare, che spaccia per italiani prodotti che non lo sono e che magari contengono chissà quali sostanze, l'insufficienza delle politiche anche nazionali per lo sviluppo dell'agricoltura etc. etc.

Nel caso di specie, ad esempio, se il frumento, essendo la cerealicoltura estensiva estremamente diffusa tra i produttori di Lacedonia e dei paesi vicini, costava qualche anno fa oltre 30 euro al quintale, oggi ne costa al malapena 17, a fronte di un aggravio esponenziale dei costi di produzione. E così molte aziende agricole solo in grazia di un mero miracolo possono riuscire a far fronte alle spese, annullando praticamente ogni guadagno. E questo non è affatto giusto, soprattutto se si considera che la zolla è una padrona che non tollera assenze dal lavoro.

E su tali problematiche COLDIRETTI è sempre in prima linea, tanto a livello nazionale, quanto regionale e locale. Mercoledì 20 di luglio l'associazione di categoria condurrà i propri iscritti a Roma per una manifestazione nazionale. Deus ex machina per la Regione Campania è Gerardo Palladino, alto funzionario della Coldiretti, che ha già predisposto un autobus che partirà da Grottaminarda. Ma la Presidente della sezione di Lacedonia, Rosanna Pagliuca, sta in questo periodo raccogliendo adesioni per riempire anche un pullman che parta direttamente da Lacedonia. La forte coesione che caratterizza gli agricoltori di zona, anche in un periodo intenso come quello attuale sotto il profilo dei lavori in campagna, farà sentire, ne siamo certi, la sua voce anche a Roma. E dunque, per aderire occorre contattare la Presidente Pagliuca.

LUPUS IN FABULA esprime la sua vicinanza a COLDIRETTI e, anche se in maniera virtuale, sarà insieme agli associati a Roma per dare una forte sveglia al governo nazionale in materia di politiche agricole.

COLDIRETTI1

Una recente manifestazione della Coldiretti. In primo piano Rosanna Pagliuca e Gerardo Palladino.

COLDIRETTI2

Gerardo Palladino, primo da sinistra, a una manifestazione della Coldiretti

Condividi su:

PIANTAGIONI

"Piantagioni" - Foto di A. Pignatiello - Vietata la riproduzione perché coperta da copyright.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il comunicato del Comitato V.O.R.I.A., alla cui presidenza siede l'avv. Nicola Cicchetti.

Nell’Aula Consiliare del Comune di Vallata si è svolto nel pomeriggio di ieri il -FOCUS GROUP - organizzato dal Consorzio GAL Irpinia relativo alla misura 19 -LEADER-: Sezione delle Strategie di Sviluppo Locale (SSL) sul tema: FILIERA DELL’ENERGIA RINNOVABILE E RETI DI COMUNITA’ INTELLIGENTI - QUALI AZIONI DI INCLUSIONE SOCIALE IN IRPINA

Il presidente del consorzio, Vanni Chieffo, ha presentato i programmi di sviluppo diretti alla valorizzazione del territorio rurale. È seguito un dibattito molto partecipato con il contributo di Sindaci, tecnici, associazioni e operatori del settore che hanno segnalato le criticità e proposto possibili soluzioni.

Il comitato V.O.R.I.A. è intervenuto nel dibattito segnalando criticità e formulando proposte, alla fine dell’intervento ha consegnato alla presidenza il seguente documento:

«Ad oggi i GAL e le Comunità Montane, non hanno fatto poco o nulla per tutelare il nostro paesaggio e preservarlo dall’insediamento di impianti eolici che oltre a devastare i nostri crinali arrecano danno all’immagine complessiva di quella che una volta era la “verde Irpinia”.

Il ricorso all’utilizzo di energia prodotta da fonti rinnovabili nel settore agricolo-zootecnico va sostenuto ed incentivato a condizione che l’utilizzo non comporti ulteriore “consumazione di suolo”.

In tale ottica le aziende agricole devono, anche ai fini di fregiarsi di certificazione attestante che i prodotti sono realizzati utilizzando solo energia prodotta da fonti rinnovabili, dotarsi di impianti per la produzione da fonti rinnovabili.

Al fine di evitare che tale “nobile” principio possa essere trasformato in attività “speculativa” non compatibile con le finalità di “valorizzazione” del nostro territorio, dei nostri prodotti e delle bellezze paesaggistiche presenti occorre fissare alcuni inderogabili criteri/parametri:

1. Possono realizzare impianti da fonti rinnovabili e beneficiare di incentivi: gli imprenditori agricoli di cui all’art. 2135 c.c. e gli operatori agrituristici in possesso dell’iscrizione all’Elenco Regionale

2.   La realizzazione di piccoli impianti con potenza massima 20 kwe

3. Non meno del 60% dell’energia prodotta deve essere destinata al bisogno dell’azienda

4. Gli impianti non devono comportare il “consumo ulteriore suolo

Crediamo in un modo nuovo di governare ambiente e istituzioni».

                                            

                                                                                                                    Il presidente

                                                                                                     Vito Nicola Cicchetti

Vallata, 15.07.2016

ELETTROSHOCK

"Elettroshock" - Foto di A. Pignatiello - Vietata la riproduzione perché coperta da copyright.

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia