Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

BAIANO

Di solito quando all’attenzione delle cronache balza un sequestro di armi i media tendono a sottovalutare tali notizie, ovvero a non offrire ad esse il giusto rilievo. La qual cosa a noi pare quanto meno poco lungimirante, poiché, fedeli alla nostra “mission” che trova nell’educazione alla legalità uno dei suoi punti fermi, reputiamo di contro che si tratti di fattispecie di reato di gravità estrema. Nessuno detiene una o più armi da fuoco senza dichiararle, con una nutrita scorta di munizioni, laddove non intenda compiere qualche atto violento. Il modo migliore per contrastare il dilagare della criminalità è senza dubbio nella prevenzione, ferma restando l’estrema importanza della repressione di ogni fattispecie criminosa.
In tale ottica muove l’azione investigativa della Compagnia Carabinieri di Baiano, agli ordini del Capitano Ianniello, i cui militari, a seguito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore dott. Rosario Cantelmo, ad Avella hanno tratto in arresto un cinquantunenne autoctono colto in flagranza del reato di detenzione illegale di armi e munizioni.
In particolare i militari della Stazione di Avella in seguito ad articolata attività investigativa, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione e di alcuni locali pertinenti alla stessa, di proprietà del pregiudicato in questione, rinvenendo una pistola calibro 6,35 con caricatore inserito e rispettivi proiettili introdotti nello stesso, una pistola calibro 9 corto, con caricatore inserito e proiettili introdotti nello stesso, entrambe ben lubrificate e perfettamente funzionanti, oltre a circa 500 cartucce per pistola di diverso calibro e marca.
Quanto scoperto era stato ben occultato, in modo da eludere eventuali controlli da parte delle Forze di Polizia, cautele che non sono però servite ad evitare che l’uomo fosse incriminato e le armi, con i munizionamenti, fossero sottoposte a sequestro penale come per legge.
La persona arrestata, dopo le formalità di rito, è stata condotta in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Tale azione procede nel senso delle disposizioni impartite dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino, che si sta dimostrando veramente molto attento sul fronte della sorveglianza del territorio in funzione preventiva.

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia