cronaca 1

Le divergenze tra condomini possono spesso inasprirsi così tanto da degenerare in vendette violente.

Anche questa notte i Carabinieri della Compagnia di Ariano Irpino, attivati dalla segnalazione di un vicino, sono intervenuti in Grottaminarda  presso un’abitazione popolare dove era in atto una lite tra condomini proprio sulla rampa di scale del palazzo.
Un trentunenne rincasando veniva atteso dalle vicine, madre e figlia, con le quali altre volte aveva avuto aspri alterchi, ed a seguito dell’ennesimo “sguardo di troppo” si innescava nelle due donne una vera e propria follia omicida. Queste infatti si munivano rispettivamente di un grosso coltello da cucina e di un martello e, accerchiato l’uomo, iniziavano a colpirlo ripetutamente. Al malcapitato, per mettersi in salvo, non restava altro che fuggire rapidamente in strada e chiedere aiuto.
I militari della Stazione Carabinieri di Grottaminarda, giunti immediatamente sul posto, dopo aver allertato il personale del 118 e fornito le prime cure al ferito, si ponevano alla ricerca delle assalitrici, che nel frattempo erano tranquillamente rincasate, non prima di aver chiesto a loro volta aiuto per dissimulare l’accaduto.
A seguito della perquisizione domiciliare i carabinieri rinvenivano nell’abitazione delle signore sia il martello e sia il coltello da cucina, ben occultato tra la biancheria, che, sebbene pulito, presentava ancora utili tracce individuate dagli investigatori. Tutto veniva sottoposto a sequestro.
Per quanto accertato e ricostruito, per le donne scattavano le manette ai polsi a causa dell’aggressione perpetrata all’uomo che, per fortuna, ancorché ricoverato in osservazione all’ospedale, ha riportato lesioni guaribili in un paio di settimane.

Condividi su: