Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

MONTEVERDE

Monteverde - Foto di Antonello Pignatiello

 

Indetta a Monteverde una conferenza stampa per chiarire una volta per tutte ogni questione relativa agli insediamenti eolici. L'invito, rivolto agli organi di comunicazione, è stata affidata ad un comunicato che volentieri riportiamo integralmente, così come ci è pervenuto.

MARTEDI’ 12 GENNAIO 2016 ALLE ORE 11,00, PRESSO LA SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI MONTEVERDE, SI TERRA’ UNA CONFERENZA STAMPA DEL SINDACO E DEL GRUPPO DI MAGGIORANZA PER CHIARIMENTI E DELUCIDAZIONI SULL’EOLICO A MONTEVERDE.

SONO INVITATI TUTTI GLI ORGANI DI STAMPA, CARTACEI, TELEVISIVI, WEB E TUTTI I SOGGETTI INTERESSATI ALL’ARGOMENTO.

SI RINGRAZIA ANTICIPATAMENTE QUANTI INTERVERRANNO E SI COGLIE L’OCCASIONE PER PORGERE CORDIALI SALUTI.

 

 

                                                                                                             IL SINDACO

                                                                                              f.to   FRANCESCO RICCIARDI

ricciardi

Il Sindaco Franco Ricciardi - Nostro archivio fotografico

 

Condividi su:

FURTI

BISACCIA - FOTO DI ANTONELLO PIGNATIELLO

 

Il ladrocinio, espresso in tutte le sue forme, è stata sempre un’attività molto praticata nell’ambito del genere umano. Fino a pochi decenni or sono, però, le nostre zone erano isole felici, nel senso che era molto raro che si consumasse un evento del genere. La sostanziale autoreferenzialità delle comunità, infatti, individuava immediatamente qual si voglia elemento estraneo alla stesse, con un esercizio del controllo collettivo che isolava eventuali malintenzionati. Con l’attuale depauperamento antropico, però, le strade soprattutto dei centri storici, che un tempo erano estremamente abitate, sono quasi spopolate e in taluni periodi è possibile passeggiarvi nudi senza che nessuno veda. E questo facilita non poco il compito dei ladri. Da qui sostanzialmente nasce la recrudescenza dei furti in casa posti in essere da ignoti che spesso restano tali, perché di solito agiscono rapidamente, scomparendo con altrettanta celerità.

Secondo una ricerca del Censis, negli ultimi anni i furti in casa sono più che raddoppiati, con un incremento delle case svaligiate pari del 127% da dieci anni a questa parte. È perciò indispensabile proteggersi. Spesso, infatti, bastano poche precauzioni per scongiurare le sgradevoli visite dei ladri.

Ne proponiamo alcune molto semplici.

  • Rinforzare le serrature delle case. Sembra banale, ma, per quanto nessuna serratura o porta blindata sembri riuscire a fermare i mariuoli, almeno può rallentarne notevolmente l’azione, complicandogli la vita ed esponendoli al rischio di essere visti.
  • Non lasciare mai la chiave di casa sotto lo zerbino, sullo stipite della porta o all’interno di vasi di fiori. Questi sono i primi posti nei quali eventuali ladri vanno a controllare.
  • Quando si esce per poco tempo di giorno, lasciare sempre la televisione o la radio accesa, in maniera tale che siano chiaramente udibili dall’esterno. Ciò potrebbe indurre i ladri a pensare che all’interno ci sia qualcuno.
  • Quando si esce di sera, lasciare sempre una luce accesa per lo stesso motivo.
  • Quando ci si allontana magari per andare in vacanza, assicurarsi che tutte le finestre siano ben chiuse e pregare qualche parente di recarsi, almeno saltuariamente, a controllare la situazione. Non postare mai sui social network le date di partenza e di ritorno, perché potrebbero costituire un involontario aiuto ai ladri che saprebbero della vostra assenza.
  • Non fidarsi mai di piazzisti che vengano a bussare alla porta, naturalmente se sconosciuti, perché potrebbero nutrire l’intenzione di controllare se in casa vostra c’è qualcosa da rubare e il modo in cui possono farlo.
  • Se proprietari di villette, apporre sempre un cartello al cancello con la legenda “Si prega di fare attenzione al cane perché è molto aggressivo con gli estranei. I proprietari declinano ogni responsabilità se taluno viene aggredito e ferito o ucciso dal cane all’interno del perimetro nel caso entri di propria iniziativa e senza bussare”. Che il cane lo abbiate oppure no, di fronte alla prospettiva di essere morsi al collo chiunque ci penserebbe un bel po’ prima di provarci.

IN CASO DI DUBBI CONTATTARE IMMEDIATAMENTE LE FORZE DELL’ORDINE, NEI NOSTRI PAESI I CARABINIERI, TELEFONANDO AL 112.

FURTIBISACCIA

Centro storico di Bisaccia - foto di Antonello Pignatiello

FURTIBISACCIA1

Centro storico di Bisaccia - Foto di Antonello Pignatiello

FURTICALITRI

Calitri by night - Foto di Antonello Pignatiello

FURTICALITRI1

Una via del centro storico di Calitri - foto di Antonello Pignatiello

FURTILACEDONIA

Il Magistrale di Lacedonia - Foto di Antonello Pignatiello

FURTIMONTEVERDE

Uno scorcio del centro storico di Monteverde - Foto di Antonello Pignatiello

ca845b c8c552b3a1a24a40b1bb8e30255f1b3d

Aquilonia vecchia - Foto di Antonello Pignatiello

 

N.B. LE FOTO DI ANTONELLO PIGNATIELLO APPARTENGONO ALL'AUTORE E QUINDI E' VIETATA LA LORO RIPRODUZIONE SENZA AVER PRIMA AVUTO IL CONSENSO AUTORALE. lE GALLERIE DI pIGNATIELLO SONO VISIBILI SUL SITO www.antonellopignatiello.com

Condividi su:

Il centro storico di Bisaccia

Un tempo nei paesi dell'Irpinia orientale si poteva tranquillamente lasciare la porta di casa aperta nella certezza che nessuno sarebbe entrato. Sono certamente lontani quei tempi, anche se certamente le proporzioni della fenomenologia criminale, relativa ai furti in casa, non è certamente da compararsi a quella delle grandi città e delle zone del nord. Tuttavia una inusuale recrudescenza di avvenimenti del genere palesatasi negli ultimi tempi ha in qualche maniera creato una certa apprensione tra i cittadini soprattutto bisaccesi. Per la qual cosa la maggioranza consiliare di Bisaccia ha intrapreso una iniziativa affidata ad un comunicato da diffondere. Vi si legge:

PATTUGLIE DI VIGILI URBANI, PROTEZIONE CIVILE E EKOCLUB VIGILERANNO IL NOSTRO TERRITORIO.
I CITTADINI CHE NOTERANNO PRESENZE SOSPETTE POSSONO CONTATTARE I SEGUENTI NUMERI:
112 FORZE DELL'ORDINE
3463931769 VIGILI URBANI

Questo però significa che bisogna aguzzare gli occhi e provocare l'intervento di coloro i quali sono deputati alla salvaguardia della sicurezza pubblica e non di agire di propria iniziativa, perché, peraltro, potrebbe essere rischioso.

Anche a Lacedonia si sono verificati un paio di furti negli ultimi tempi, perpetrati in pieno giorno, con effrazione delle porte. L'Amministrazione locale ha scelto di installare un sistema di sorveglianza con ben 27 telecamere piazzate in punti strategici. Anche questa iniziativa potrebbe costituire ottimo deterrente.

foto 6

Condividi su:

melil

Domenica tre, alle ore 17,00, una solenne processione accompagnerà S. E. il Vescovo Melillo da Santa Maria alla Concattedrale, ove l'alto prelato aprirà la porta Santa giubilare, una delle cinque aperte nella nostra diocesi. Esprimiamo il nostro apprezzamento per la scelta di Mons. Melillo, che suona quale riconoscimento per la plurisecolare storia del nostro paese, antichissima sede di diocesi, presente anche negli Atti del Concilio di Melfi del 1059. va senza dire che alto è anche il valore dell'iniziativa sotto il profilo religioso, in considerazione del fatto che la nostra Chiesa Madre ha visto al suo interno figure come San Gerardo Maiella e Sant'Alfonso Maria De' Liguori, per non dir di molti altri Beati e Servi di Dio.

melil1

melil2

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia