Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

BISOGNA ESSERCI

Bisogna esserci in questo letto, avvolti e stravolti dal contatto con lenzuola infeltrite, coperte sempre più corte e indifferenza che sa di pulito. 

Bisogna esserci per poggiare la testa, pesante gabbia di pensieri inquieti, su cuscini sempre più scomodi e sottili. 

Bisogna esserci per sentire la pelle tirare, le braccia agonizzare perché bucate, senza sosta, da aghi avidi di sangue, dove le vene, sconvolte ed inondate dalle flebo, non hanno alcuna tregua se non quella naturale della rottura. 

Bisogna esserci in questo mondo disinfettato ed asettico, dove l’odore di malattia e sofferenza depone l’anima in preghiera perenne anche colui che non crede in niente. 

Mondo che sembra sincronicamente perfetto, quasi automatico. 

La pillola all'ora giusta, l’infermiera che controlla la flebo, le donne delle pulizie, la colazione, il pranzo e la cena, i dottori che fanno il giro dei letti. 

Momenti, gesti, azioni, routine. Tempo che passa spocchioso e laconico come sempre. Ogni giorno che sembra uguale a ieri con una sola eccezione: lo scambio dei letti. Pazienti dimessi e pazienti che entrano. Chi si riveste e torna a casa, chi non può farlo perché destinato a scendere nel silenzio della camera mortuaria. Chi passa in quelle stanze, da visitatore, non sa cosa vuol dire essere completamente nudo. 

L’essere umano non ha più un privato da contenere negli argini del proprio corpo, è spogliato dal pudore, indifeso, una roccaforte con le entrate aperte alla folla. Scoperto alle palpazioni ed alle indagini dell’uomo e delle macchine. 

Anche il mio corpo, in questi giorni, non è più mio ma in balia degli eventi. Sottomesso a gesti meccanici, quasi robotici, in quest’azienda ospedaliera dove il nome ha spersonalizzato il concetto, paradossalmente romantico, della casa del sollievo, dell’accoglienza dei malati, del dolore che viene curato non solo con le medicine. L’etimologia sovvertita e con essa la gestione “amministrativa” del paziente che diventa un numero di protocollo, una cartella clinica traboccante di dati, quasi sempre intellegibili ai più. E quando capita di non comprendere cosa ti sta succedendo, quando vedi solo il nero della notte che risale dalle coperte del letto e ti rapisce la vista, quando chiedi aiuto e vorresti o dovresti essere difesa da chi dovrebbe prima di tutto essere un uomo e poi un dottore, ti senti rispondere, con freddezza inaudita, che la medicina non è una filosofia. Che la medicina non attiene all’intimo sentire, non è fatta per i deboli di cuore, ma è una scienza che si fonda sugli strumenti, sulle macchine e quando una macchina referta un responso di terrore da quello puoi essere completamente risucchiato senza la benché minima partecipazione emotiva di chi ti sta dicendo se vivrai anche domani. 

Sento pronunciare parole di nera ingiustizia a quell’anima che soffre nel letto accanto al mio. Riconosco la voce ed il ruolo da Primario. Sembra scostante, quasi insensibile, davanti a quei respiri così carichi di perché. Risucchiata dalla paura sprofondo nel letto, la prossima sono io. Aspetto di sentire ma...resto sospesa, in attesa di una diagnosi. Quello che più umilia il malato è rimanere nudo ed indifeso davanti a quel mondo. Chi ha firmato una cambiale in bianco alla Banca della vita, non saprà quando e come sarà messa all’incasso, eppure vuole essere sostenuto prima col cuore, poi con la scienza. 

Vorrei fissare la parete che tanti occhi hanno fissato, nel reparto dove la gioia ha poco o mai avuto ingresso, ma gli occhi sono disconnessi, senza più collegamenti col cervello. Chi è malato è sottomesso al destino ed alla fortuna di scovare, tra tanto agonismo clinico, un uomo, un dottore che si svesta di quel camice e lo accarezzi. Alla dolcezza di una parola di conforto equivale una defibrillazione emotiva. 

Tanti dottori questo lo sanno e mettono in pratica, ogni giorno, le esortazioni di S. Giuseppe Moscati: “Il dolore va trattato non come un guizzo o una contrazione muscolare, ma come il grido di un'anima, a cui un altro fratello, il medico, accorre con l'ardore dell'amore, la carità. Il medico si trova in una posizione di privilegio, perché si trova tanto spesso a cospetto di anime che, malgrado i loro passati errori, stanno per li li per capitolare. Beato quel medico che sa comprendere il mistero di questi cuori e infiammarli di nuovo.” 

Ci vuole una grande dose di umiltà per infiammare di nuovo un corpo malato perché una malattia entrerà, prima o poi, nella vita di tutti … forse anche in quella di chi ha fatto del ruolo di Primario solo una medaglia … ed allora sarà ripagato “con la stessa dose di sensibilità” che lui ha dato ai malati: praticamente una miseria.

ema2

 

Condividi su:

cal1

Provate a pensare al deserto del Nevada. All’occhio della mente apparirà una distesa di argille e di calcare pugnalata dal sole, che vi ha impresso ferite superficiali, crepe entro le quali si rifugiano serpi e lucertole. Nella torrida estate lo scirocco spira potente, portando con sé arbusti che disegnano geometrie ellittiche e agitando la sabbia in danze vorticose, ad invadere gli occhi.

Ebbene, se tale immagine vi si è palesata, ora sapete come era il campo sportivo di Lacedonia negli anni settanta.

Una distesa d’argilla rotta, di tanto in tanto, da dislivelli e pietrisco, sul quale facilmente i calciatori scivolavano battendovi muso, ginocchia e braccia.

Eppure quelle zolle di creta non producevano “cretini”, ma grandi calciatori, veri campioni che, se avessero avuto delle possibilità, avrebbero potuto aspirare a ben altre posizioni ed anche, perché no!, alle serie maggiori.

Figure indimenticabili e indimenticate calcavano quel palcoscenico argilloso.

Chi se lo scorda il “Bomber”, il grande Peppino Palladino, indimenticabile e indimenticato, criniera nera arruffata e barba incolta, una sorta di Sandokan che si muoveva con rapidità felina e si prendeva gioco dei difensori, aiutato anche dalla sua fisicità snella ma muscolosa e nervosa.

E certo oggi mi capita di rivedere molti di quei calciatori, anche se solo in periodo di vacanza, e costruisco nella mente le immagini delle competizioni che vedevano scendere in campo la mitica “Folgore”, la Seleção lacedoniese.

Il nome era quanto mai appropriato.

Ricordo il Presidentissimo di tutte le epoche calcistiche, Vincenzo Saponiero, che passeggiava nervosamente lungo il bordo campo. Occorre dire a suo merito che senza di lui il calcio a Lacedonia sarebbe morto da decenni.

Mitica Folgore, che aveva visto militare tra le sue fila generazioni diverse e che ancora negli anni settanta annoverava figure storiche del calcio lacedoniese, come Leonardo Quatrale e la premiata ditta “Fratelli Pio”, Tonino e Nicola, l’articolo “il” essenziale alla grammatica calcistica di Lacedonia.

Molte le figure che si sono impresse nel ricordo indelebile dei lacedoniesi.

Rocco Pagnotta, ad esempio, che aveva un tiro talmente potente che, quando calciava una punizione, il pallone ritornava per posta con il timbro di Lugano.

Grandissimo spessore aveva il duo Ferrante, l’elegante Leonardo e Gino, estremamente prolifico di goal. Io ero un loro tifoso, come pure di Nicola Bianco, anch’egli un cesellatore della palla, dotato di un tocco di estrema classe.

Come non citare il Che Guevara, il guerrigliero delle fasce laterali, Franco Pasciuti, che all’epoca portava i baffi alla Vallanzasca e seminava il terrore lungo le ali del campo.

Il grande difensore Gerardo, diventato talmente famoso che gli hanno intitolato l’aeroporto di Foggia, il “G. Lisa”.

E lo “spillo” della situazione, Lannunziata, e l’attivissimo Peppino Chiauzzi (attivissimo di notte, s’intende: come voleva stare in piedi di giorno sul campo?).

cal2

cal3

cal4

cal5

cal6

 

cal9

cal11

cal12

 

cal13

cal14

cal15

 

Condividi su:

P4020434

Le immagini concernono due Vie Crucis Viventi di anni passati. Anche per l'anno in corso si vuole organizzare l'evento. Pertanto chiunque sia interessato lo manifesti, perché non dobbiamo lasciare che nessuna tradizione a Lacedonia finisca. L'appuntamento è fissato presso la sala pastorale (di fronte alla farmacia) per domenica 22 marzo alle ore 18,30. Per Lacedonia, per una rinascita sociale sempre più rapida!

P4020515

via crucis vivente 004

via crucis vivente 010

via crucis vivente 023

via crucis vivente 030

BARABBA

P4020491

 

Condividi su:

caponigrof modificato 1

Porgiamo i nostri più sentiti auguri al giovanissimo Francesco Caponigro, che oggi compie diciotto anni di età, una occasione estremamente importante per i giovani che, legalmente, entrano a far parte attiva della cittadinanza. Gli auguri vanno raddoppiati perché Francesco è stato convocato nella rappresentativa provinciale di calcio. Sarà suo compito, dunque, difendere l'orgoglio irpino con artigli affilati di lupo verace.

caponigrof1

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia