Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

romania3

Quando è la passione, quella autentica, a motivare le azioni delle persone in qual si voglia campo, i risultati non tardano mai a giungere, anche quando si tratti di cimentarsi in una attività agonistica che richiede impegno e sacrificio quale è la pratica del Karate. Se poi gli obbiettivi raggiunti sono quelli ai massimi livelli, allora la soddisfazione si amplifica per cento. È di ritorno in queste ore la compagine dell'IKA (Irpinia Karate Associazione), del Maestro Tommaso Falcucci, dalla Romania, ove sono stati disputati i Campionati Europei di Karate e Kich Boxing. Gli eccezionali atleti praticanti nei Dojo aderenti all'IKA, accanto a quelli appartenenti alla FIKK (Federazione Italiana Karate Kich Boxing), hanno costituito la delegazione italiana della WUK (World Union Karate), composta da undici atleti accompagnati dal Presidente FIKK Rosario Marino, dal coach Benedetto Perrina, dal Medico federale dott. Gianluigi Villa e dalla Manager federale Alessandra Caffio. Proscenio esaltante delle gare la città denominata Alba Iulia, in Transilvania, regione rumena particolarmente suggestiva, anche per via delle tante leggende che ne permeano la cultura, a cominciare da quella dei vampiri. La città de quo, nel suo nome, ricorda le sue origini romane: nei fatti era l'antico municipium di Apulum e ciò deve essere stato un fattore estremamente propiziatorio per i nostri conterranei, che hanno fatto letteralmente incetta di vittorie, cosa che non era affatto scontata. Infatti alla competizione erano otto le nazioni partecipanti, per un totale di 450 competitori impegnati in ben 200 pool di gara. Nonostante ciò tutti gli atleti, tanto dell'IKA quanto della FIKK, sono saliti sul podio per la premiazione. Questi i risultati.

Edoardo Villa, categoria maschile ragazzi, è risultato primo nei Kata e secondo nei Kumite;

Maria Pia Stanco, categoria femminile cadetti si è classificata al primo posto nei Kumite;

Ylenia Marino, categoria femminile juniores ha salito il gradino più alto del podio nei Kata;

Alex Longo, categoria maschile juniores, è stato terzo nei Kumite;

Simone Savoia, categoria maschile juniores è stato secondo nei Kumite; Antonello Ianniciello, nella categoria maschile juniores, è stato primo nei Kata;

e primo posto nei Kata anche per Giuseppe Ciani nella categoria maschile seniores;

Luca Montemarano, cat maschile seniores, terzo nei Kumite;

Giampiero Borgia, nella categoria maschile seniores, ancora terzo nei Kumite;

Luca Falcucci, nella stessa categoria, primo posto nei Kumite;

Gianluigi Villa, nella categoria veterani maschile è risultato secondo nei Kata.

LUPUS IN FABULA esprime tutto il suo compiacimento!

romania7

romania8

romania9

 

Condividi su:

PAGN

Correva l'ormai lontano 1957, vigilia di un boom economico che di fatto avrebbe portato benessere soltanto in una parte dell'Italia, il Nord, lasciando ancora per qualche lustro le zone meridionali nel disagio economico, ove non nella vera e propria indigenza. Anche a Lacedonia le famiglie erano ricche soltanto d'innumerabile prole: molti figli, nell'ambito della società patriarcale e della cultura contadina, costituivano una garanzia di sopravvivenza familiare. Ma quel tipo di organizzazione sociale era ormai sul punto di esalare i suoi ultimi respiri, soprattutto perché i giovani erano più che mai intenzionati a rompere i ceppi che li tenevano avvinti ad una terra madre abbastanza avara di opportunità esistenziali. Anche la famiglia Pagnotta, per intenderci quella dell'indimenticabile vigile urbano Filippo, contava ben dodici figli. La maggior parte di loro, proprio sessanta anni or sono, decise di fare i bagagli e partire per cercare fortuna in un ignoto altrove. Se ne andarono di casa Giuseppe, Graziella, Rocco, Michele, Umberto, Maria, Lucia e Angela. Ma non scelsero il nord-ovest dell'Italia, soprattutto Torino, e neppure la Svizzera, che all'epoca costituivano le mete più gettonate dai Lacedoniesi, ma si trasferirono in Francia, nella Borgogna celebre per i suoi vini. E proprio nel comparto della viticoltura cominciarono a lavorare, affrontando gli enormi sacrifici e le difficoltà tipiche di ogni emigrante. Tuttavia oggi proprio il vino offre loro prosperità ed il "Vino Pagnotta" è addirittura sbarcato negli Stati Uniti. Ma il sangue, per determinate famiglie, non è acqua e, per quanto possa trascorrere il tempo, i legami familiari e quelli relativi alla terra d'origine restano intatti. E in tal modo, per iniziativa di Anna Marina Pagnotta, nata e vissuta in Francia e titolare del ristorante La Comedie du Vin, parte del ramo italiano e di quello francese della famiglia si sono riuniti in Francia, a Beaune, presso il ristorante di cui sopra. Quasi ottanta persone appartenenti a tre generazioni si sono strette in un metaforico abbraccio trascorrendo una giornata meravigliosa. Alla fine si sono lasciate con una promessa: quella di tornare ad incontrarsi in Italia, nella loro Lacedonia, nel paese in cui tutti trovano le loro origini.

pagn1

pagn2

pagn3

pagn4

Condividi su:

gallicchio

Nell'ambito della VII Giornata del libro e del diritto d'autore, e nel 200° anniversario della nascita di Francesco De Sanctis, gli alunni dell'IC di Caposele, Calabritto e Senerchia presentano "Viaggio in Irpinia sulle spalle di De Sanctis e con gli occhi di oggi".

La manifestazione si terrà sabato 22 aprile 2017 alle ore 10.00 presso l'Auditorium dell'Istituto Comprensivo di Caposele.

È Pasquale Gallicchio, giornalista professionista e scrittore, che sarà presente con due dei suoi libri perfettamente contestualizzati nell’iniziativa de quo in grazia del loro contenuto, a spiegare in maniera estremamente esauriente il senso dell’iniziativa.

«In un contesto così importante, qual è la Giornata del libro, sono onorato di partecipare e confrontarmi, in particolare con gli alunni, sull'Irpinia raccontata da De Sanctis e quella che oggi viviamo, e che in certo modo ho descritto nel romanzo "Terra" e nella raccolta di racconti "La Curva" (entrambi editi per i tipi della Delta 3 Edizioni). Nonostante le difficoltà che stiamo attraversando sono convinto che far crescere l'amore per questa nostra terra passa anche per momenti come quello organizzato a Caposele, che si distingue anche per la sua preziosa portata non solo educativa. Ancora una volta il ruolo della scuola emerge in tutta la importanza nella formazione di una coscienza civica capace di far lievitare e maturare la responsabilità verso il proprio futuro e quello degli altri. Un sentito ringraziamento al dirigente Gerardo Vespucci e alla referente Rosa Maria Ruglio».

Nell'ambito della manifestazione interverranno il sindaco di Caposele Pasquale Farina, quello di Calabritto Gelsomino Centanni, il primo cittadino di Senerchia Beniamino Grillo, il Dirigente scolastico Gerardo Vespucci e il vice sindaco di Monteverde Antonio Vella.

PASQUALE

Condividi su:

accademia

Una delle certezze di Aristotele era nel fatto che l'essere umano tende per natura alla ricerca della conoscenza, dalla qual cosa prima che da altre, a mio giudizio, è dipesa la nostra evoluzione. Nei fatti il percorso gnoseologico che si avvia alla nascita si interrompe soltanto con il fine vita. Lo sanno da sempre i professori, naturalmente quelli che intendono la loro attività non soltanto come un semplice modo di guadagnare, pur legittimamente, il pane quotidiano, ma alla stregua di una vera e propria missione, consci di un ruolo di primaria importanza nell'ambito delle dinamiche evolutive sociali, sia pur non riconosciuto economicamente in maniera adeguata, almeno a parere di chi scrive.

E dunque, onde agevolare i docenti che intendano dar seguito al percorso di formazione/aggiornamento previsto, anche a Lacedonia, nell'Irpinia orientale, partiranno a breve alcuni corsi.

Il primo, in ordine di tempo, presenta il titolo di 

«Teorie e tecniche della comunicazione efficace al servizio dell'efficacia didattica».

Queste le date in cui si estrofletterà:

Sabato 29 aprile – ore 15.00 – 1900 (ore 4)

Domenica 30 aprile – ore 09.00 – 12.00 / ore 15.00 – 18.00 (ore 6 complessive)

Sabato 6 maggio – ore 15.00 – 1900 (ore 4)

Domenica 7 maggio – ore 09.00 – 12.00 / ore 15.00 – 18.00 (ore 6 complessive)

Totale 20 ore!

Per informazioni contattare direttamente lo scrivente.

Dott. Michele Filippo Miscia

Tel. cell. 338.6831696 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il corso è tenuto dal CCEP UNLA (Unione Nazionale per la Lotta all'Analfabetismo) di Lacedonia, Ente Morale Istituito con D.P.R. n° 181 dell'11.02.1952, accreditato presso il MIUR  quale Soggetto qualificato per la formazione ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003, con rinnovamento dell’accredito come da Direttiva Ministeriale 170/2016.

Il corso de quo è già geolocalizzato sulla piattaforma del MIUR.

 Altri corsi UNLA in ITALIA al seguente link:

http://www.unla.it/dett_news.asp?id=430

 

Di seguito l'elenco degli ENTI ACCREDITATI presso il MIUR per la formazione/aggiornamento dei docenti (l'UNLA è naturalmente in fondo, perchè l'elenco è in ordine alfabetico)

https://archivio.pubblica.istruzione.it/dg_pers_scolastico/enti_accreditati.shtml

 

http://www.istruzione.it/allegati/2016/23_11_16_Elenco_enti_accreditati_e_qualificati.pdf

 

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia