Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

sagata3

Sembrerà strano, ma il fumo promanante dagli incendi boschivi del Vesuvio è giunto anche su Lacedonia. Infatti la coltre non ha toccato Napoli, ma in virtù del vento si è riversata sulla provincia di Avellino, giungendo anche con cenere sul capoluogo, per poi espandersi sul resto del territorio provinciale. Sull'Irpinia orientale all'atto c'è soltanto un sentore di bruciato che promana da una sorta di lieve nebbiolina. Intanto la Regione ha promulgato l'allarme incendi. Di seguito il comunicato redatto dal Cap. Michele Caponigro, nella sua duplice veste di Comandante della Polizia Municipale di Lacedonia e di responsabile della Protezione Civile locale. Contiene la normativa alla quale bisogna attenersi, a mio parere soprattutto in nome di un principio di civiltà, ma per quanti sono refrattari a tali concetti, almeno per evitare le sacrosante sanzioni previste dalla legge.

Si informa la cittadinanza che la Regione Campania con Decreto Dirigenziale n. 33 del 4/7/2017 e pubblicato sul BURC n.55 del 10/7/2017 ha dichiarato “lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi sull’intero territorio della Regione Campania dal 4 luglio al 30 settembre 2017” disponendo, per lo stesso periodo, in ragione della legge n. 116 dell’11 agosto 2014, il divieto assoluto di bruciatura di vegetali, loro residui o altri materiali connessi all’esercizio delle attività nei terreni agricoli, anche se incolti, degli orti, parchi e giardini pubblici e privati, nonché la combustione di residui vegetali forestali.

Sanzioni: La violazione è punita a norma della Legge n. 323/2000 (“Legge-quadro in materia di incendi boschivi”) nel modo seguente: 1. Violazione del divieto di bruciare vegetali e residui, art. 10 comma 6 Legge n. 323/2000: sanzione amministrativa da € 1.032,91 a € 10.329,14. Sanzioni raddoppiate nel caso in cui il responsabile appartenga a una delle categorie descritte all’articolo 7, commi 3 e 6 (pubblici ufficiali o personale stagionale antincendio). 2. In caso di incendio connesso al bruciamento dei residui vegetali: Art. 423 codice penale (Incendio) (“1. Chiunque cagiona un incendio è punito con la reclusione da tre a sette anni. La disposizione precedente si applica anche nel caso d’incendio della cosa propria, se dal fatto deriva pericolo per l’incolumità pubblica).

Lacedonia, 10/07/2017

Il Comandante la PM

Cap. Michele Caponigro

 

Condividi su:

gianni

Gianni Caggiano, al centro nella foto

Gianni è transitato stanotte ad altra dimensione. Una feroce malattia non gli ha lasciato purtroppo alcuno scampo, per quanto egli l'abbia combattuta a testa alta fino alla fine. Un'altra bravissima persona se ne va in maniera troppo prematura, poco più che cinquantenne, lasciando nello sconforto innanzitutto i familiari, ma anche una foltissima schiera di amici ed estimatori. Ad accoglierne il feretro, sotto casa sua, una folla di giovani calciatori e di amici sportivi di lunga data, a testimonianza del grande affetto del quale egli era fatto segno: aveva militato nella U.S. Lacedonia e quindi, per moltissimi anni, ne era stato il Mister. E c'erano anche i suoi compagni di battaglie politiche, altra grande passione di Gianni, che per diverse legislature aveva rivestito il ruolo di consigliere comunale e di assessore.

Una vera tragedia che impone un rispettoso e dolente silenzio: poche parole soltanto per farmi interprete del comune cordoglio e della vicinanza di tutta la popolazione alla famiglia colpita da un dramma di così immane portata.

gianni1

Condividi su:

sagata1

Si presenta in questa maniera il panorama del prospiciente agro di Sant'Agata di Puglia da Lacedonia in questi frangenti. Le fiamme sembrano avvolgere i fitti boschi che circondano il suggestivo paese vicino. Il gran caldo ed un vento sostenuto sono ingredienti veramente micidiali, in grado di alimentare incendi difficilmente controllabili. Si spera che le cause di quello che all'atto di prospetta come un evento ecologico quasi disastroso, almeno stando alle immagini scattate da Antonello Pignatiello, siano naturali e non vedano responsabilità umane.

sagata2

sagata3

Condividi su:

maf1

Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur!

Ed è proprio vero: mentre il governo nazionale chiacchiera sul futuro delle piccole comunità, esse muoiono proprio in virtù di una legislazione che sostanzialmente equipara i paesetti montani ed interni alle grandi città. Crudeltà dei numeri: l’Istituto Superiore di Calitri, tra i vari indirizzi, non ha raggiunto la mole di utenza scolastica prevista per pochissimo e pertanto gli viene sottratta la presidenza. A mio giudizio è profondamente ingiusto penalizzare sempre le aree meno abitate, che, proprio in grazia di tali continue penalizzazioni, si spopolano sempre di più, in un circolo vizioso che avrà fine soltanto con l’annichilimento completo. Così, mentre le metropoli ingigantiscono e diventano invivibili, i nostri paesi si trasformano in meste sale di attesa di metaforiche stazioni: i giovani attendono il primo treno che li porti via, mentre i vecchi attendono l’ultimo convoglio della loro esistenza.

Sono veramente rammaricato, deluso, scontento, frustrato e, mi sia concesso il termine, “incazzato!”: mentre a Roma si chiacchiera, ancora una volta Sagunto viene espugnata!

Michele Miscia

Lettera aperta dei docenti, la cui firma è in calce.

I risultati di una qualsiasi azione lavorativa non nascono mai a caso e spesso non si comprendono le ragioni che hanno portato al raggiungimento degli stessi.

E' assai più semplice conformarsi ad un andazzo complessivo, aspettando che le occasioni ci cambino il corso delle cose. Quindi, siamo di fronte ad un appiattimento collettivo delle potenzialità e ad una profonda difficoltà nel far nascere nuove proposte o argomentazioni sulle quali poter costruire modelli innovativi.

Siamo assai capaci di individuare la diagnosi della malattia, però ci perdiamo nell'applicazione della terapia e nel frattempo il malato muore. La scuola rappresenta l'ultimo presidio culturale del nostro Territorio, infatti, la fortuna di poter parlare ai ragazzi continuamente, ci pone in una condizione di privilegio che ci fa comprendere la distanza sempre più crescente tra il mondo della scuola e la società civile, ove i fenomeni prevalenti mostrano una forte deriva individualista e scarsamente solidale.

La scuola, invece, è il punto d'incontro delle diverse culture, la scuola è l'espressione dei sentimenti, è la cultura del confronto delle tante visioni che arricchiscono il mondo, senza escludere, anzi partendo proprio dai nostri piccoli paesi.

Alla scuola spetta il compito, che presuppone grande capacità maieutica, di valorizzare le singole abilità, di sostenere anche le capacità residue di ogni allievo.

Inoltre, ha il dovere di costruire ponti sui quali far incamminare la speranza, far guardare il futuro con ottimismo perché solo la positività verso i nuovi orizzonti riesce a liberare le energie possedute e far cogliere le tante occasioni che la vita offre ad ognuno di noi.

Una scuola che sa veramente essere buona aiuta a guardare la felicità: questo è stato ed è l'Istituto " Maffucci" di Calitri.

Se a questo aggiungessimo anche i risultati della ricerca condotta dalla Fondazione Agnelli, che classifica le " scuole" nel preparare al lavoro e all'università, e che vedono il Maffucci tra le scuole migliori, allora la speranza che si possa coniugare libertà, responsabilità e successi anche nel nostro Sud si fa certezza.

La nostra mente corre verso tutti i risultati raggiunti, che ormai sono sotto gli occhi di tutti, che sono il prodotto di una grande strategia di coinvolgimento emotivo/relazionale che ha visto connessi ed uniti gli alunni, i docenti, il personale Ata e le figure professionali di tanti esperti esterni che molto spesso hanno collaborato con l'istituzione scolastica.

Ci sono voluti anni ed anni di piacevole lavoro per fare una scuola di qualità, una scuola capace di mettere ogni alunno al centro di una didattica innovativa, che coniuga le singole competenze con le grandi sfide che il sistema globalizzato ci impone.

Una scuola nella quale l'azione didattico/educativa è lo strumento affinché si possa "star bene insieme ".

Ci viene difficile pensare che 371 alunni, in un territorio che rischia lo spopolamento, contino poco, al punto di affidarli ad un nuovo Dirigente Scolastico senza tener conto di ciò che l'Istituto " Maffucci" di Calitri ha rappresentato e rappresenta per i nostri paesi.

La legge 183/2011 ha avviato un devastante processo di dimensionamento della rete scolastica. Devastante perché, con la norma sopra richiamata, si prevede la costituzione di scuole dimensionate, quindi un Dirigente scolastico ed un Direttore amministrativo per comuni montani con almeno 400 alunni.

Il Dimensionamento della rete scolastica, per come vediamo muoversi le istituzioni preposte alle decisioni, sembra essere vissuta come una mera incombenza di riorganizzazione numerica che si riduce ad un atto amministrativo. Non può, non deve essere così!

Le scuole devono essere coinvolte per quelle che sono e che rappresentano, le scelte istituzionali devono farsi carico della complessità dei territori e devono mettere al centro un’idea di scuole al servizio dell’utenza e non di un vacuo numero da raggiungere.

Se la norma in vigore non sarà cambiata, tra qualche anno, viste anche le nuove iscrizioni, avremo per tutta l'Alta Irpinia una sola presidenza e allora sarà la fine anche di quel poco di qualità e di umanità che ancora animano i nostri piccoli e, spesso, isolati paesi.

Un grazie al personale ATA ed amministrativo che ha supportato e sostenuto le nostre iniziative. Un grazie al Segretario amministrativo, dott. Mario Cipriano, che ha capito la dinamicità della nostra scuola, ed ne è diventato il punto di forza.

Un grazie al Dirigente Scolastico, Prof. Gerardo Vespucci, che ci ha continuamente trasmesso l'amore per la vita, checché se ne voglia dire, è ancora il presupposto propedeutico a qualsiasi processo di apprendimento/insegnamento.

Grazie Preside per averci aiutato a scrivere una delle pagine più belle della nostra Irpinia.

Ad maiora.

I docenti

Maurizio Cianci

Francesco Custode

Lino Iorlano

Antonio Vella

drone

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia