Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

figlie di eva

Anche per l'anno in corso si chiude la stagione teatrale del Comunale di Lacedonia con un bilancio estremamente positivo. E dulcis in fundo, mi pare proprio il caso di affermarlo, il proscenio di Lacedonia sarà calcato, mercoledì 17 aprile, da due regine di itala bellezza, Mariagrazia Cucinotta e Vittoria Belvedere, attrici che hanno entrambe iniziato la loro carriera in passerella grazie alla loro avvenenza ma che poi sono approdate con pieno merito al cinema, affiancate dalla bravissima Michela Andreozzi, attrice, regista e sceneggiatrice, già conduttrice radiofonica di grande successo. Un tris di assi al femminile che costituiscono un full accanto agli attori maschili di una commedia che nell'intelligenza delle "Figlie di Eva", le donne, trova il suo fulcro. Una sottigliezza intellettiva che nel plot costituisce il trait d'union delle protagoniste, le quali si coalizzano per punire un politico corrotto che le scarica dopo averle sfruttate, metafora evidente di un maschilismo che ancora permea la nostra società. naturalmente non sveleremo la trama ed il finale, ma ci preme soltanto rimarcare che si tratta comunque di un lavoro brillante, comico, ma fondato su una comicità che comunque induce alla riflessione.

Condividi su:

giordano

Ho appena letto un post su fb in ricordo di Giandonato Giordano: ho immediatamente pensato ad uno scherzo di cattivo gusto, ad una fake news come se ne leggono tante. Poi un altro post e un altro ancora di persone serie e ho compreso. Ho chiesto telefonicamente lumi ad uno dei migliori amici di Giandonato, Michele Vespasiano, con il quale lo scomparso amico aveva scritto a quattro mani un meraviglioso libro, ed egli mi ha dato la sofferta conferma che io proprio non avrei desiderato avere. «È tutto vero, purtroppo - mi ha detto l'amico Michele con la voce evidentemente rotta dall'emozione - È accaduto intorno alle due di oggi. Se n'è andato un vero amico, un uomo retto e leale, portatore di qualità umane elevatissime». Mi ha spiegato che un male innominabile, contro il quale ha lottato con grande magnanimità, da uomo con la "U" maiuscola, ha avuto ragione del suo corpo fisico in meno di due mesi, perché ad otto settimane fa risale la scoperta della malattia. Io senza parole, mentre Michele poneva l'accento su quale perdita sia per l'intera Irpinia. La sua ineffabile umanità s'accompagnava a un intelletto finissimo, che egli più volte aveva impiegato nell'esercizio dell'ars letteraria, per quanto la sua passione più grande fosse la politica. Era stato sindaco della sua Guardia Dei Lombardi, aveva ricoperto prestigiose cariche e oggi sedeva sullo scranno di consigliere provinciale. 

Non era anziano, Giandonato. Era mio coscritto: classe 1961. Avendo frequentato lo stesso Liceo classico, egli nella sezione di S. Angelo dei Lombardi ed io in quella di Lacedonia, lo conoscevo da oltre quattro decenni. Marito ineccepibile e padre amorevolissimo, la sorte lo ha sottratto alla sua famiglia innanzitutto, ai suoi amici e al mondo innanzitempo: troppo, ma davvero troppo presto. Senza retorica alcuna, mi unisco al compianto dei molti, nella certezza che egli troverà immediatamente giusta mercede presso Dio. Del resto all'uomo non resta che immergersi in assorto e rispettoso silenzio, perchè di fronte a certi eventi non si può che pensare: vuolsi colà dove di puote ciò che si vuole, e più non dimandare!

Condividi su:

scarlo

Se equiparassimo, con metafora estremamente calzante, la società umana ad un albero, dovremmo considerare le generazioni che ci hanno preceduto alla stregua delle radici, dalle quali si diparte la linfa vitale che, attraversando il tronco, giunge ai viventi di oggi, la fronda che verdeggia sui rami del presente. Fatto è che la foglia non è consapevole della humus che la alimenta, così come gli esseri umani spesso poco sanno donde derivi il modus cogitandi sociale che caratterizza le eterogenee comunità, la qual cosa noi chiamiamo cultura, che si è prodotta nei secoli attraverso la sedimentazione di usi, costumi, tradizioni, credenze, modi di fare condivisi, ovvero per il tramite del progressivo adeguamento comportamentale e quindi mentale dei nostri antenati agli imperativi promananti da un reale circostanziale cui occorreva adeguarsi al fine di sopravvivere in prima istanza e quindi di pervenire ad una qualità di vita reputata almeno dignitosa, in funzione, naturalmente, delle peculiarità relative alle eterogenee epoche storiche. In buona sostanza, raramente sappiamo da dove siamo venuti e di conseguenza ci muoviamo in maniera incerta lungo i sentieri che dovrebbero condurci al futuro, esitando ogni qual volta incontriamo un qualche bivio esistenziale, tanto a livello individuale quanto collettivo. Peraltro, l’assenza di conoscenza relativa alle proprie origini produce una comprensibile disaffezione rispetto alla terra madre nelle nuovissime generazioni, quelle formate dai cosiddetti millennials, e parlo soprattutto della generazione Z, composta dai nati nel nuovo millennio. Si tratta degli odierni alunni delle scuole dell’obbligo, i quali, per quel che concerne le zone interne, immaginano il luogo nel quale sono nati e fin qui vissuti come un nido dal quale, presto o tardi, spiccheranno il volo per non farvi più ritorno, in direzione dei fuochi fatui che si levano dalle metropoli e che li attraggono come falene che muovano incontro alla caduca luce di un lampione. Conoscere le proprie radici per amare la propria terra ed amarla per restarvi e tentare di costruire la propria vita in questi luoghi: questo l’imperativo che occorre affrontare per evitare il depauperamento antropico delle nostre zone.

E questa è la direzione di marcia che ha intrapreso, in maniera molto lungimirante, l’IOS “Francesco De Sanctis”, che abbraccia i tre plessi di Lacedonia, Monteverde ed Aquilonia e che guarda ai tre paesi con analogo interesse, ripartendo equamente le iniziative extrascolastiche, dai PON ai progetti d’Istituto, perché tutti gli alunni sono uguali e debbono godere di analoga grandissima attenzione. Questa è la filosofia che muove i passi della scuola alla cui guida siede il Dirigente Scolastico prof.ssa Silvana Rita Solimine, che ha fatto dell’apertura al territorio uno dei suoi punti di forza, pur nella estrema puntualità nella largizione all’utenza giovanile delle conoscenze curricolari in funzione dell’acquisizione delle competenze relative agli eterogenei indirizzi.

E in tal modo, accanto all’attività didattica quotidiana, è germogliata una pianificazione di tipo espansivo, che trova uno dei suoi capisaldi nel progetto Costruiamo il futuro conoscendo insieme le nostre radici, la cui responsabile, a livello generale, è l’attentissima prof.ssa Giuseppina D’Agostino. L’ultimo importante atto, che ha visto quale suasivo ed importante proscenio il castello di Monteverde, data al 16 marzo del corrente anno 2019 e ha visto quale tema quello di San Carlo Borromeo nell’arte. Per quanti non ne fossero a conoscenza, il Borromeo è figura che con l’Irpinia ha molto a che vedere, essendo lo zio del principe Carlo Gesualdo da un canto, ma in linea generale in quanto il santo è stato uno dei due pilastri della controriforma, insieme a san Filippo Neri, e in tale veste ha condizionato fortemente la nostra cultura. Referente dell’evento l’ottimo prof. Giovanni Casparriello. Una manifestazione estremamente articolata, quella de qua, perché ha visto interventi di personaggi di grandissimo rilievo. I saluti della scuola sono stati espressi dalla D. S. prof.ssa Silvana Rita Solimine, cui sono seguiti quelli del sindaco Franco Ricciardi e del presidente dell’ordine degli architetti di Avellino, arch. Erminio Petecca.

A relazionare S. E. Mons. Pasquale Cascio, Arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi, il dott. Camillo De Lisio del Touring Club di Napoli, la dott.ssa Paola Apuzza, storica dell’arte della Soprintendenza e il dott. Martino Del Mastro, restauratore di dipinti. Notevoli gli intermezzi musicali curati dall’orchestra del Liceo Musicale “Gesualdo”.

Da sottolineare l’importante apporto alla buona riuscita dell’evento da parte degli alunni della scuola secondaria di primo grado del plesso di Monteverde, i quali, preparati dalle prof.sse Annamaria Tortorella, Arcangela Padula, Rosalba Zichella e Teresa Strazza hanno guidato gli studenti provenienti da Lacedonia, accompagnati dalle prof.sse Lucia Genovese e Antonella Cericola, alla scoperta dello splendido borgo.

scaro1

Condividi su:

martufello ricoverato per incidente stradale 645

Un pilastro del leggendario “Bagaglino” calcherà, sabato 16 marzo, il proscenio del Teatro comunale di lacedonia. Si parla del mitico Martufello, tornato alla commedia brillante.

“L’imbianchino”, lavoro composto dall’autore inglese Donald Churcill, è un testo di grande impatto comico, che nasconde anche un profondo spessore umano e psicologico. Un testo giocato su equivoci e qui pro quo, ricco di comicità e ironia paradossale, sospeso tra il meccanismo della farsa e una cifra grottesca che sconfina nel surreale. Una commedia capace di parlare con ironia delle paranoie e dei problemi dell’uomo di oggi. Sul palcoscenico Martulello è affiancato da Manuela Villa, figlia del celeberrimo Claudio, e da Nadia Rinaldi. La regia dello spettacolo è di Claudio Insegno, per una produzione della compagnia Palcoscenico Italiano.

Da registrare l’appendice comico-musicale con la partecipazione di Gianni Nazzaro.

imbianchino

Condividi su:

logo miscia

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia