Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

CIAN

Sarebbe alquanto riduttivo definire soltanto con la parola "sport" la pratica di un'arte marziale come il Karate, che oltre a questo è anche un vero e proprio stile di vita fondato su Valori alti e ormai largamente desueti nell'ambito di una società che tende a degradarsi ed appiattirsi su abitudini becere e certamente poco edificanti. Praticare il Karate vuol dire anche e soprattutto diventare "Uomini", nell'accezione più alta del termine. Non per caso i frequentatori di un dojo, ma nel caso dell'IKA i Maestri e i praticanti di tutte le scuole aderenti, si affratellano stringendo un legame innanzitutto affettivo, fatto di sentito rispetto reciproco, di stima concreta e di solidarietà umana. E dunque quello del Maestro Domenico Castronuovo, in tale prospettiva, costituisce il ricordo di un "fratello maggiore" scomparso ed in maniera peraltro tragica e prematura, portato via da un male innominabile. Non mi sorprende affatto, dunque, che colui il quale ha raccolto il suo testimone, ovvero il M° Giuseppe Ciani, ogni anno organizzi un evento al fine di perpetuarne la memoria. Anche nella giornata di ieri, dunque, si è tenuto il Memorial "M° Domenico Castronuovo", Coppa Shotokan, relativo all'anno di grazia 2017. Inutile dire che la partecipazione è stata veramente massiccia: oltre cento atleti si sono cimentati nelle competizioni sui tatami montati nel centro polifunzionale di Bisaccia. Tutti presenti i Maestri delle Scuole aderenti all'IKA (Italia Karate Associazione), come pure il presidente avv. Gerardo Rauseo. Sul palco, per la premiazione, la vedova del compianto Domenico Castronuovo prof.ssa Carmela De Luca, il fondatore dell'IKA M° Tommaso Falcucci, con il Presidente nazionale emerito della US ACLI dott. Alfredo Cucciniello, il sindaco di Bisaccia Marcello Arminio, il consigliere provinciale Vito Farese in rappresentanza del Presidente Gambacorta. Ha fatto pervenire un messaggio anche la Presidente provinciale della US ACLI prof.ssa Tiziana Ciarcia. Sono momenti, questi, che fanno bene allo sport, ma soprattutto alla vita. Parola di un autentico LUPUS IN FABULA.

CIAN1

CIAN2

CIAN3

Condividi su:

certamen

Un momento della premiazione, mentre prende la parola il D.S. Gerardo Vespucci

Tra le cause del conclamato successo formativo espresso dall'IIS "A. M. Maffucci" di Calitri a me sembra ci sia la predisposizione a tenere il passo con le rapidissime innovazioni sociali e tecnologiche che caratterizzano la nostra epoca, nella quale in un attimo si rischia di cadere nell'azione anacronistica e pertanto inefficace, soprattutto quando essa si fondi su una didattica sorpassata perché non più in linea con le richieste e le istanze promananti dal reale. Se moltissime istituzioni scolastiche sono ridotte al ruolo di parcheggi per studenti in attesa di un pezzo di carta privo di contenuti sostanziali, la scuola calitrana, di contro, bada soprattutto a porre i giovani in condizione di confrontarsi e competere, con le armi della conoscenza avanzata, nell'ambito di una giungla sociale estremamente selettiva e nella quale si fa presto a soccombere e a sprofondare tra le melme della mancata autorealizzazione. Il merito va attribuito, a mio giudizio, ad un insieme di fattori concomitanti. Innanzitutto la presenza di una dirigenza di lungo corso e quindi illuminata da un bagaglio empirico pluridecennale, a cui va aggiunta una sensibilità affinatissima ed un sincero interesse per il futuro dei giovani. Di tali qualità è portatore il D. S. prof. Gerardo Vespucci. Quindi la presenza di un corpo docente veramente collaborativo ed altrettanto appassionato tanto nell'azione progettuale quanto in quella didattica. Ed ancora un comparto amministrativo che funziona benissimo sotto la direzione del D.S.G.A. dott. Mario Cipriano.

Non mi sorprende affatto, dunque, che il "Maffucci" raccolga soddisfazioni un po' dappertutto, ultima delle quali, in ordine di tempo, la vittoria al Certamen nazionale denominato «Paesaggio: Cultura e Storia 2017», organizzato dall'IIS "G. Fortunato" di Rionero In Vulture. Il concorso ha visto la partecipazione di moltissime scuole superiori ubicate in tutta l'Italia, tanto è vero che il secondo ed il terzo posto sono stati assegnati a due istituzioni scolastiche della lontana Catania. Grande prova, dunque, quella sostenuta dalla classe V del Liceo Artistico, che ha visto quale capogruppo lo studente Perna Vitale e nella qualità di tutor i prof. Francesco Custode, Lino Iorlano ed Emiliano Stella, mentre un apporto sognificativo è stato fornito dal prof. Antonio Vella ed un ruolo propulsivo è stato giocato dai prof. Pietro Cerreta e Rosa Galgano. Il tema sul quale si concorreva era la progettazione di un Totem Interattivo Indoor e quello concepito dagli alunni del "Maffucci" ha guadagnato il gradino del podio più alto e un consistente premio in denaro, con la seguente motivazione: «L'elaborato risulta ben sviluppato sotto l'aspetto ideativo e tecnico. L'idea estremamente originale prende spunto da elementi naturalistici e si presta bene per essere collocato sia in ambienti museali che naturalistici». E scusate se è poco!

certamen1

La sala dove è avvenuta la premiazione

certamen2

Il progetto del Totem Interattivo Indoor

 

Condividi su:

KAR4

Il M° Giuseppe Ciani con la foto del M° Domenico Castronuovo

Per non dimenticare una persona degna del nome di uomo, perché tale era Domenico Castronuovo, con il quale io ebbi la ventura di stringere amicizia molti anni or sono. Egli era un maestro a tutto tondo, perché esercitava la professione di docente ed il suo tempo libero lo dedicava all'insegnamento del karate. Maestro, dicevo, anche di vita, laddove si consideri la dignità con la quale ha affrontato una malattia terribile, che ha avuto ragione del suo corpo, ma mai del suo spirito, della sua ineffabile forza di volontà, della sua voglia di vivere: alla fine è partito per altra e ben più luminosa dimensione, ma senza clamori, in silenzio, come se ne vanno i veri galantuomini. Ha lasciato, però, una eredità di affetti ed un ricordo imperituro, che si concretizza con la realizzazione, nella sua Bisaccia, di un evento annuale dedicato alla sua memoria. Devo porgere il mio apprezzamento in primis al M° Giuseppe Ciani, che ha raccolto direttamente l'eredità di Castronuovo, perpetuandone l'opera. Quindi al M° Tommaso Falcucci, che negli anni è riuscito a consolidare una realtà in perenne ascesa quale è l'IKA (Italia Karate Associazione), primus inter pares di una compagine che riunisce moltissime scuole, ai cui Maestri vanno i sensi della mia grande stima, perché veicolano, con la loro opera, quei Valori di lealtà, spirito di sacrificio, rispetto dell'alterità che erano così cari a Domenico Castronuovo.

L'appuntamento è fissato a domenica 7 maggio, con inizio alle ore 09.00 (naturalmente antimeridiane), presso il Centro Polifunzionale situato al Piano Regolatore di Bisaccia.

coppa

Condividi su:

montevergine1

Probabilmente non sono in molti a sapere che oggi, 4 maggio, ricorre la Festa della Sindone. Ed è altrettanto possibile che molti nostri conterranei ignorino che la reliquia più sacra per la cristianità fu nascosta, nel corso del secondo conflitto mondiale e per ben sette anni, proprio nell'Abbazia Benedettina di Montevergine, che sovrasta Avellino, occultata per bene ed in assoluto segreto sotto l'altare della cappella nella quale  recitavano i vespri i monaci, la miglior parte dei quali, per giunta, era del tutto inconsapevole che le preghiere erano recitate sul Sudario che si reputa abbia avvolto il corpo esanime di N. S. Gesù Cristo.

E dunque, a distanza di due giorni dalla data odierna, ovverossia sabato mattina, si terrà una manifestazione culturale proprio sulla Sindone nel Salone del Capitolo, che avrà inizio alle 10.30, subito dopo la celebrazione della Santa messa.  Porteranno il loro saluto il Rev.mo Padre Riccardo Luca Guariglia, Abate Ordinario di Montevergine ed il sindaco di Mercogliano, nel cui territorio ricade il monastero, prof. Massimiliano Carullo. Interverranno la notissima sindonologa prof.ssa Emanuela Marinelli, una delle voci più autorevoli in campo sindonico nel panorama mondiale, il dott. Pietro Pescetelli, già primario di cardiologia ed impegnato nello studio approfondito delle cause della morte del Redentore, mentre a moderare sarà il dott. Michele Miscia (mea culpa: ci sono e pertanto giocoforza mi tocca citare anche il mio nome, anche se so perfettamente che ciò non è molto elegante). Presenzieranno tutti i responsabili degli Enti promotori della manifestazione: il Cav. Tommaso Bove, Presidente Nazionale dell'Associazione Nazionale Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana; il MdL ing. Vincenzo Esposito, Presidente Nazionale della Federazone dei Maestri del Lavoro d'Italia; il dott. Luigi Monaco, Presidente del Lions Club Avellino Host; il dott. Giuseppe Battimelli, Vicepresidente Nazionale per il Sud dell'Associazione Medici Cattolici Italiani; la dott.ssa Carmen Esposito, Dirigente del Centro di Cultura UNLA comprensoriale di Atripalda; l'organizzatore e delegato agli eventi dell'ANCRI Cav. Domenico Garofalo.

per art sindone 

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia