Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

Biagio Izzo

Sarà Biagio Izzo ad aprire, venerdì 16 del corrente mese di novembre, la nuova stagione del Teatro Comunale di Lacedonia. Porterà in scena una commedia scritta da Eduardo Tartaglia e diretta da Giuseppe Miale Di Mauro: «I fiori del latte». Tale espressione evoca, nel suono, notevoli suggestioni gastronomiche e allude senza dubbio a quanto di meglio offra la produzione lattierocasearia della nostra Campania. Se non che, il caseificio di prossima apertura nel quale si svolge l’azione si trova proprio nella zona tristemente nota come Terra dei fuochi, nel territorio di un paese chiamato Casal di Sotto Scalo (e quel nome “Casal” è estremamente evocativo, eccome se “evoca”). Uno stabilimento, quello de quo, estremamente moderno, nel quale i protagonisti hanno investito tutti i loro risparmi perché potesse diventare un modello di produzione biologica, del tutto aliena dall’uso di sostanze innaturali, come gli additivi chimici e le mille altre diavolerie che spesso ci vengono servite attraverso gli alimenti. Se non che, poco prima dell’inaugurazione, un cane dissotterra un bidone arrugginito … di più meglio non dire circa la trama, per non deprivare lo spettatore della possibilità di seguire l’azione passo dopo passo.

L’oggetto della narrazione è dunque quanto mai serio, ma nella trasposizione teatrale diventa motivo di eccezionale comicità, come è nella straordinaria tradizione partenopea, che è sempre riuscita ad affrontare grossi guai seppellendoli sotto incontenibili risate. L’ironia, l’umorismo, nelle mani di attori eccelsi quali Biagio Izzo, diventano efficacissimi strumenti di riflessione nel segno del divertimento e di conseguenza aiutano non soltanto a portare a galla le problematiche, ma addirittura a risolverle: questo è uno dei compiti dell’arte, soprattutto quella teatrale, come è stato, ad esempio, per Eduardo De Filippo, il quale sosteneva che «se un’idea non ha significato e utilità sociale non m’interessa lavorarci sopra».

Apertura porte ore 20.00.

Condividi su:

garanzia1

Anni or sono, chiamato a partecipare ad un convegno sulla "legalità", mi avvidi che tale concetto non era ben chiaro ad un uditorio che era composto in prevalenza da persone in età verde. Posi dunque in essere il tentativo di semplificare oltremodo la spiegazione ricorrendo ad una metafora perché i giovani interlocutori si chiarissero le idee una volta per tutte. Affermai che «per un cittadino italiano, degno dell'onore di definirsi tale, la "legalità" è come il cielo per gli uccelli e il mare per i pesci. È il solo spazio nel quale è possibile che egli si muova, perché laddove sconfini dallo stesso, automaticamente diventa indegno della cittadinanza che acquisisce alla nascita. È sostanzialmente un "habitat" etico ed al contempo uno stile di vita». Qualcuno provò a rispondermi che la realtà di contro ci propone un diffuso ricorso alla illegalità ed io ebbi a confermare che, per logica conseguenza, la nostra Penisola è abitata, oltre che da bravi cittadini, anche da molte persone che, purtroppo per loro, non conoscono l'ineffabile leggerezza e la tranquillità di un essere umano che sa per certo di non aver violato alcuna norma. Non ho mai mutato parere, naturalmente, e peraltro ho sempre ritenuto, in sintonia con le indicazioni nazionali, che la scuola debba essere presidio di legalità, ma ancor di più luogo privilegiato di diffusione della "cultura della legalità", che non è, naturalmente, pedanteria fine a se stessa, ma rispetto meditato e convinto delle regole che la società si è data.  Non per caso il primo dei compiti dell'istituzione scolastica è quello di contribuire a formare "l'uomo ed il cittadino", come peraltro dispone la normativa vigente.

Ebbene, l'I.O.S. "Francesco De Sanctis" di Lacedonia, il cui timone è attualmente retto dall'ottima D. S. prof.ssa Silvana Rita Solimine, ha giustamente centralizzato tale questione, al punto da farla entrare a pieno titolo nel Piano dell'Offerta Formativa con un progetto di «educazione alla legalità». Tale intento si sposa benissimo con le attività didattiche che anche l'Arma dei Carabinieri pone in essere sul territorio e, pertanto, venerdì 9 del corrente mese di novembre sarà tenuto, presso l'aula magna del "De Sanctis", un primo "seminario" dal nuovo comandante della Compagnia di S. Angelo Dei Lombardi, Capitano Gianpio Minieri.

Tale incontro sarà finalizzato, a distanza di pochi giorni dalla celebrazione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, anche al rafforzamento dello spirito e dell'amor di patria, definizione desueta ma che andrebbe riscoperta, essendo essa condizione essenziale perché l'esercizio della legalità diventi un "bisogno ineludibile" del cittadino di domani. Infatti la discussione su tematiche importantissime quali la lotta al bullismo, tradizionale ed in versione "cyber", forse ancora più pericoloso del primo, l'uso di sostanze stupefacenti e l'abuso di quelle alcoliche, che provocano centinaia di decessi di giovani sulle strade, e così via, sarà preceduta dalla proiezione di un documentario prodotto dal Comando Generale dell'Arma.

A tale incontro con i Carabinieri ne seguiranno, naturalmente, diversi altri, perché il "De Sanctis" è un Istituto Omnicomprensivo e, pertanto, gli interventi educativi vanno calibrati in funzione della fascia di età alla quale sono rivolti.

LUPUS IN FABULA esprime il proprio apprezzamento a tutte le componenti della scuola de qua e all'Arma territoriale.

preside1

La D. S. dell'IOS "F. De Sanctis" prof.ssa Silvana Rita Solimine

minieri

Il comandante della Compagnia Carabinieri di S. Angelo, Capitano Gianpio Minieri

Condividi su:

eugenio bennato

L’antica pratica dei falò dell’Immacolata viene riproposta a Lioni (AV) con la manifestazione “Riti di Fuoco”. Tre giorni all’insegna delle tradizioni del territorio irpino, in un contesto ancestrale di narrazioni, spettacoli, musica ed enogastronomia. “Riti di Fuoco” è la terza tappa del progetto “Il Treno degli Eventi” (POC Campania 2014/2020 – Linea Strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura) e ancora una volta condurrà i visitatori alla scoperta della cittadina altirpina. Dopo i boschi e la grande piazza sarà la volta dei vicoli, impreziositi da racconti e concerti.

«Verrà riproposta con Riti di Fuoco la festa dei falò, radicata a Lioni come in tutta l'Irpinia - annuncia Antonio Sena, direttore artistico de “Il treno degli eventi” - In questa occasione la rivisiteremo in chiave moderna, con una tre giorni che di certo sorprenderà chi verrà a farci visita».

«Siamo felici di presentare Riti di fuoco, frutto di una continua ricerca volta a rivisitare la storia d’Irpinia attraverso le narrazioni antiche, le leggende, le magie che rendono surreale e mistico questo posto – aggiunge la presidente della Pro Loco Lioni, Maria Antonietta Ruggiero - La superstizione, il malocchio, le credenze popolari sono i pilastri della nostra cultura. Ridiamo vigore alle tradizioni del popolo irpino e lo facciamo in un paese come Lioni che per la sua centralità geografica diventa un luogo dove poter far convergere il folklore».

“Riti di Fuoco”, promosso da Comune di Lioni e Proloco Lioni, vede la direzione scientifica di Roberto D’Agnese. Venerdì 7 dicembre c’è “Festa e Fera - canzoni ammischiate” a cura di Virginio Tenore. L’8 dicembre, dopo all’accensione dei falò, riflettori sul concerto di Eugenio Bennato. Il 9 l’aperitivo culturale con il convegno “Riti, tradizioni e leggende. L’Irpinia”. Durante la tre-giorni si troveranno tra le strade di Lioni lo Scazzamauriello e il Lupo mannaro, un processo alla strega e sabba, le Janare e la Masciara, il tutto a cura della compagnia teatrale Clan H e di Michele Miscia. E ancora li Squacqualacchiun, la misteriosa maschera di Teora. Chi vorrà, potrà ascoltare i Cunti irpini intorno a un fuoco oppure ballare con la Scuola di Tarantella montemaranese e prepararsi al Natale con le zampogne della tradizione.

«Per il format abbiamo lavorato principalmente su un filone che cattura molto l’attenzione dei lionesi e cioè le credenze popolari - spiega il direttore scientifico di “Riti di Fuoco”, Roberto D’Agnese - Abbiamo voluto creare tre aree spettacolo per richiamare le tradizioni, le credenze, i concerti. E il concerto di Eugenio Bennato è la giusta sintesi di questi tre elementi».

«Accanto alla vocazione commerciale, a Lioni c’è una comunità legata alla terra, vivace dal punto di vista culturale e che ama la natura - è la sintesi finale del sindaco Yuri Gioino - Con questa manifestazione puntiamo a recuperare il nostro patrimonio culturale e naturalistico, per arrivare a offrire un’immagine nuova di Lioni».

Condividi su:

CECI

La Pro Loco “G. Chicone” di Lacedonia baluardo a difesa di tradizioni che stanno scomparendo. Domani, 2 novembre, torna la consuetudine della distribuzione di ceci e fave cotte che chiunque potrà ritirare in piazza De Sanctis a Lacedonia dalle 10,00 alle 12,00.

È una tradizione, questa, che affonda le sue radici nella civiltà contadina, anche se nessuno può affermare con certezza quando essa fu introdotta. Ed al contempo un lascito della società suddetta alla nostra civiltà attuale. Nei fatti le pietanze tipiche del 2 di novembre, nell'Irpinia orientale, sono tutte a base di ceci, sia che costituiscano il condimento delle "lagane", una sorta di tagliatelle fatte in casa, e sia che si preparino in zuppe o addirittura arrostiti su una piastra collocata sul fuoco del camino (cosa non più usuale, perché con l'innalzamento delle temperature climatiche, di solito, come oggi, a novembre sembra di stare in estate).

Ma, dunque, perché proprio i ceci? Per il semplice fatto che in epoche segnate dalla povertà, neppure poi troppo lontane, i ceci erano i legumi più facilmente reperibili, soprattutto perché in Alta Irpinia abbondavano le coltivazioni.

E proprio ai ceci è connessa una usanza che oggi è scomparsa.

Ogni 2 di novembre moltissimi ragazzi poveri, riuniti in gruppi, giravano di casa in casa recitando una sorta di formula nel vernacolo nostro (che riporto fedelmente): «Ciccj cuott' p' l'an'm r' li muort', ciccj crur' p' l'an'm r' r' criatùr'».

La traduzione italiana del detto lo depriva della sua assonanza: «Ceci cotti per l'anima dei morti, ceci crudi per l'anima delle creature». Si aspettavano che i padroni di casa regalassero loro dei ceci per sfamarsi e poco importava se cotti o crudi, perché la loro fame era certamente di "bocca buona".

La creatività connaturata alla cultura contadina riusciva a trasformare anche un momento triste, quale è la commemorazione annuale dei defunti, in una occasione per saziare l'appetito perenne generato dalla miseria.

20181101 184321

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia