Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

leghista

Il Leghista

Wanted! Sono stati rapiti un galletto ruspante ma già pronto per lo spiedo e un "mezzo agnello vivo". A lanciare l'allarme i tre tutor del pennuto e dell'ovino che hanno messo una taglia per favorire il loro ritrovamento. Si tratta di Antonio Pagnotta detto il Leghista, Peppino Libertazzi detto Sabbatuccio e Gerardo Innarella detto Chicchietto!

Sulle tracce dei malviventi si è messo un agente segreto della CIA (Central Intelligence Agency? No! Confederazione Italiana Agricoltori). Con licenza di uccidere? NO! Con licenza di mangiare. Si tratta dello chief inspector Gerardo Caponigro detto Mecalone!

Gli sviluppi alla prossima puntata di questo inquietante giallo di paese!

sabba

sabbatuccio e Chicchietto!

Condividi su:

50 1

Un vento gelido, la sera dell'11 agosto, ha portato la temperatura climatica dai 40 gradi del giorno prima a venti: una escursione termica di quasi 20° che si è fatta sentire. ma non per questo la gente si è fatta scoraggiare ed anzi mi pare abbia partecipato in gran numero alla manifestazione. I coscritti della classe 1967 hanno pensato di rifuggire dalle solite reunion autoreferenziali e di dare luogo al un convivio collettivo, nei quali essi hanno servito le vivande, tutte della tradizione gastronomica lacedoniese, agli avventori. Sul palco musica dal vivo anni 70 e 80 e quindi performance di un Dj resident, mentre immagini di quei decenni ormai trascorsi venivano proiettate sullo schermo. Bella festa a favore dei meninos de rua brasiliani, i bambini di strada, che in Brasile vengono uccisi per l'espianto degli organi o rapiti per essere venduti ai pedofili e che le Comunità "Papa Giovanni XXIII", con il nostro compaesano missionario Peppino Leone, salvano dalla morte, assicurandogli un futuro dignitoso nel loro Paese di nascita (come tutti invocano). A loro vanno per intero i proventi della manifestazione, che è stata finanziata dai "ragazzi del 67" attraverso autotassazione. Bravi! Bravi! Bravi! Io ci sono stato e ho versato il mio contributo e questo servizio fotografico vuole essere un ulteriore mio omaggio agli amici che tanto si sono prodigati a favore del prossimo. Ecco le foto.

50

50 2

50 3

50 4

50 5

50 650 7

50 8

50 9

50 10

50 11

50 12

50 13

50 14

50 15

50 16

50 17

50 18

50 19

50 20

Condividi su:

HOUSE

Raffaele Palladino è una persona simpaticissima che ama scherzare e che, soprattutto, sa stare allo scherzo. In grazia della sua somiglianza con diversi personaggi, negli anni è stato soprannominato Donadoni, Dottor House e così via. Dotato di inossidabile buon umore, che è peculiarità caratteriale estremamente positiva, ha voluto chiamare il Bar Pizzeria, che gestisce insieme alla moglie Pina, il quale prima si chiamava "Icaro", proprio con uno dei suoi nomignoli, Dottor House, appunto. Per quanto mi riguarda l'iniziativa non fa altro che rafforzare la simpatia della quale egli unanimemente gode. A Pina e Raffaele porgo i miei migliori auguri per il nuovo corso del locale, che è stato completamente rinnovato.

HOUSE1

Condividi su:

copertina

In principio fu il mitico ZAC, il patriarca di tutti i ciclisti lacedoniesi, il Corsaro solitario dell’Appennino d’Irpinia orientale. E ZAC disse: «La bicicletta sia!», e la bicicletta fu. E un giorno Tonino Tortorella si fermò, in uno dei suoi tour, ad una fontana che si trova lungo i ripidi tornanti della strada che da Calitri porta alla stazione. Là era seduto un vecchio che gli chiese: «Da dove vieni con le due ruote ragazzo? (Ra n’dù n’ vien’ n’gimm a r’ doje rot’ wuagliò?» E il mitico rispose: «Vengo da Lacedonia, sono passato per Sant’Angelo e Lioni e ora mi ritiro a casa». Ed il vecchio replicò: «Wagliò, r’ coss r’ tien’ bbon, ma la cap t’ facj mal! (Ragazzo, le gambe ce le hai buone, ma la testa ti fa male!)» Era così: nessuno comprendeva i pedalatori. Dopo diversi lustri di corse in solitaria, oltre a Tonino sulle strade provinciali cominciarono ad apparire altri ciclisti dilettanti, agghindati di tutto punto, con tuta, casco e abbigliamento protettivo. Il seme gettato da ZAC e pochi altri era finalmente germogliato. Ed ora il gruppo si è fatto veramente numeroso, al punto che è stato possibile fondare un’Associazione Sportiva Dilettantistica denominata “Lacedonia Ciclismo”. Questo l’elenco dei fondatori, in ordine alfabetico, ai quali si sa che si aggiungeranno presto molti altri nomi. Leonardo Caponigro, Rosario Caponigro, Giulio Cocozzello, Luigi Gerardo Ferrante, Gaetano Gargano, Gaetano Imbriano, Vincenzo La Stella, Antonio Megliola, Nicola Pandiscia, Salvatore Picardo, Antonio Tortorella (ZAC), che riveste il ruolo di Presidente onorario guadagnato in tanti decenni di pratica e Fabio Zarrilli.

Domenica 13 agosto dell’anno corrente, la nuova associazione celebrerà la sua nascita con una reunion. Gli appassionati si daranno convegno intorno alle 09.00 antimeridiane, presso il Largo Tribuni, per procedere al giro inaugurale.

Non diciamo in bocca al lupo, perché il LUPO siamo noi di LUPUS IN FABULA, e quindi porgiamo i nostri auguri ed il nostro più vivo apprezzamento in maniera "classica" per una ennesima iniziativa associativa che certamente gioverà alla qualità di vita complessiva dell’intera Lacedonia.

ciclismo

ciclismo2

ciclismo3

Il mitico ZAC in uno dei suoi numerosi tour in tutta Italia.

Condividi su:

 

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • LaCigogna
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia