Chi Siamo  chi siamo - Annunci annunci

 

Italian English French

In primo piano...

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approvo

Il "Bambinello" adoperato da san Gerardo per compiere il Miracolo del Pozzo - All'epoca dell'evento prodigioso il Gesù Bambino era senza corona e senza piattaforma, elementi che sono stati aggiunti successivamente, quando se ne è diffusa la venerazione.

Un primo piano

L'atto di venerazione da parte di S. E. il vescovo Mons. Sergio Melillo

Un momento della Santa Messa

Il dott. Antonio Pio pronuncia la Prima Lettura

La seconda lettura pronunciata dalla prof.ssa Rosaria Pasciuti

L'omelia di S. E. il vescovo Mons. Sergio Melillo

Il parroco di Lacedonia don Giuseppe Kizhakel

I ringraziamenti del sindaco avv. Antonio Di Conza a nome della comunità di Lacedonia

Il vescovo con don Giuseppe e don Gerardo

L'esposizione del Bambinello ai fedeli

Il collocamento del Gesù Bambino nella sua nicchia

Gesù Bambino nella nicchia che lo ospita

La targa devozionale in suffragio dei genitori del dott Antonio Pio collocata di fianco al passaggio dalla cattedrale al Pozzo del Miracolo, i cui lavori sono stati finanziati dallo stesso dott. Pio

Il passaggio de quo

Una curiosità storica: anche la costruzione dell'altare della Madonna del Carmine, situato a fianco dell'antico passaggio riaperto, fu finanziato da membri dela famiglia Pio, ovverodal prof. Giuseppe, docente universitario di cardiologia, e dal di lui fratello Dionigi, che era Canonico e teologo.

 

N. B.

 

LA CELEBRAZIONE SI È SVOLTA ALLA PRESENZA DI POCHE PERSONE RISPETTO ALLA CAPIENZA DELLA CATTEDRALE IN OTTEMPERANZA ALLE NORME ANTICOVID E NEL RISPETTO DI TUTTE LE REGOLE PREVISTE DALLA NORMATIVA VIGENTE, COME VERIFICATO DALLE AUTORITÀ PREPOSTE

 

 

Condividi su:

 

 

Sarà S. E. il vescovo della diocesi di Ariano – Lacedonia, mons. Sergio Melillo, a riportare la statua di Gesù Bambino alla quale si rivolse il giovanissimo san Gerardo, quand’era al servizio nell’episcopio lacedoniese, per recuperare la chiave dell’appartamento episcopale che gli era caduta nel pozzo.

 

Lo storico rientro di una preziosissima reliquia che si credeva perduta è previsto intorno alle 17,30 di domani, 7 aprile 2021, all’ingresso della Cattedrale, presso il quale il vescovo consegnerà metaforicamente nelle mani della popolazione di Lacedonia il “Bambinello” consegnandolo al parroco don Giuseppe Kizhakel.

 

Devo veramente elogiare la vicinanza e l’attenzione che mons. Melillo non perde occasione di dimostrare, perché il ritorno del Gesù Bambino di san Gerardo è solo l’ultima delle risoluzioni prese a nostro favore. Non  tutti sanno, infatti, che di recente egli ha fatto restaurare il Trittico di Andrea Sabatini da Salerno della fine del Quattrocento, operazione che era estremamente necessaria perché esso si andava deteriorando irrimediabilmente. Naturalmente ciò si rende possibile grazie alla presenza in loco di un sacerdote come don Giuseppe che, oltre ad esercitare con passione e amore cristiano il suo mandato pastorale, si è dimostrato essere anche una inesauribile fonte di iniziative che stanno veramente cambiando il volto dei luoghi di culto e di cultura dei quali Lacedonia è letteralmente costellata. Oltre alla cattedrale e alle migliorie apportate a Santa Maria, egli ha risolto gli atavici problemi di decadenza della chiesa di san Filippo e di quella dei Beati Morti.

 

Vero è che, avendo trovato una sponda validissima e di grandissima competenza nel responsabile dei beni culturali della diocesi don Luigi De Paola, le operazioni finalmente si intraprendono e si portano a termine.

 

La statua del Gesù Bambino di san Gerardo troverà la sua collocazione perpetua, di fronte alla reliquia ossea del Santo, in una nicchia fatta scavare appositamente nel vano dell’antico passaggio dalla cattedrale al “Pozzo del Miracolo”, riaperto nelle scorse settimane con il contributo devozionale del dott. Antonio Pio.

 

 

Condividi su:

Da molti decenni nessuno aveva più avuto la possibilità di vedere la statua di Gesù Bambino alla quale san Gerardo Maiella chiese, con un largo sorriso e sconfinata fede, di recuperare la chiave dell’appartamento vescovile che gli era caduta nel pozzo. Si pensava che fosse andata perduta, perché le generazioni attuali non ne conservano memoria visiva, e taluno avanzava l’ipotesi che magari avesse trovato la sua fine tra le macerie del violentissimo sisma del 1930. Fortunatamente, però, era stata messa in salvo e tenuta in custodia nell’episcopio di Ariano Irpino con il proposito di riportarla “a casa”, ovvero a Lacedonia, non appena si fosse presentata l’occasione propizia.

Domenica scorsa la notizia del rientro è stata ufficializzata dal parroco, don Giuseppe Kizhakel, a margine della Celebrazione Eucaristica. Merito della estrema sensibilità del vescovo, S. E. Sergio Melillo, il quale non perde occasione alcuna per manifestare vicinanza e grandissimo affetto per la comunità di Lacedonia, e merito di don Giuseppe, che persegue gli obiettivi che si prefigge con grande tenacia, essendo diventato promotore instancabile di un recupero complessivo del patrimonio culturale ecclesiastico, a cominciare dai luoghi di culto. Va qui ricordata la lungimiranza del responsabile dei beni culturali diocesani, don Luigi De Paola.

La preziosissima reliquia troverà collocazione in una nicchia appositamente ricavata nel muro dell’antico passaggio tra la cattedrale e il pozzo, riaperto di recente grazie alla generosità del dott. Antonio Pio, a devozione di san Gerardo e in suffragio dei suoi compianti genitori. In altra nicchia, di fronte, troverà sede un altro prodigioso vestigio del Santo, ovvero un suo frammento osseo.

Si va ricomponendo il mosaico dell’epifania esistenziale di san Gerardo Maiella a Lacedonia, con tutti i pezzi al loro posto, così come ricostruito in due libri redatti da Anna Maria Pagliuca: Il Pozzo di Gerardiello e Il ritorno di Gerardiello.

Non mancheremo di comunicare la data dell’evento non appena sarà ufficializzata.

 

Condividi su:

 

Intorno alla fine del Seicento una serie di terremoti funestò Lacedonia con gravi conseguenze per molte strutture pubbliche e private. Tra le altre, due chiese furono particolarmente colpite, ovvero quella di Sant’Antonio (ove fu pronunciato il giuramento dei Baroni contro Ferrante d’Aragona l’11 settembre del 1486) e la cappella del Santissimo Sacramento. Il vescovo coevo, Mons. La Morea, statuì, a quel punto, di abbatterne i ruderi per costruire un nuovo tempio, molto più grande dei precedenti, che sarebbe diventato anche cattedrale in luogo di quella antica, che da secoli era Santa Maria della Cancellata. La nuova costruzione, a tre navate, fu dedicata a Santa Maria Assunta ed ancora oggi è “Chiesa Madre”. Nei suoi immediati pressi sorgeva (e naturalmente c’è ancora, se pure inglobato nell’episcopio) un pozzo che serviva la popolazione, quello al quale attingeva acqua anche il giovanissimo Gerardo Maiella quando era al servizio, dal 1740 al 1744, del vescovo Mons. Claudio Albini. L’episcopio presentava dimensioni differenti rispetto a quelle attuali e il pozzo era a disposizione anche della popolazione, che poteva contare su una falda acquifera molto ricca. Esisteva un ulteriore accesso alla chiesa che dava proprio sul pozzo ed era quello dal quale san Gerardo entrò al fine di prelevare la statua di Gesù Bambino dalle braccia di quella di Sant’Antonio per calarlo nel pozzo affinché gli recuperasse la chiave che gli era caduta, cosa che, come è noto, puntualmente avvenne. Da circa trecento anni, dunque, per i milioni di devoti di san Gerardo sparsi nel mondo e per la Chiesa cattolica quello di Lacedonia è il “Pozzo del Miracolo”, luogo denso di suggestioni e, a mio parere, foriero di grandissime potenzialità in ordine al culto, prima ancora che alla cultura, pur essa importante. Alcuni decenni or sono la porta de qua fu chiusa, ragion per la quale di tale vestigio storico, molto importante, si stava perdendo memoria. In questi giorni, però, un vecchio sogno si è realizzato: grazie all’azione inesauribile di don Giuseppe Kizhakel, con l’appoggio del responsabile dei beni culturali diocesani, don Luigi De Paola, e naturalmente con il preventivo beneplacito di S. E. il vescovo della diocesi di Ariano – Lacedonia, Mons. Sergio Melillo, tale accesso è stato riaperto e sono state collocate due porte con vetri blindati che consentono di vedere il “Pozzo del Miracolo” dalla cattedrale e viceversa. Va detto, per rendere onore al merito, che l'opera è stata realizzata con il contributo del dott. Antonio Pio.

 

E questo è soltanto l’inizio, perché tra non molto ci saranno novità veramente eccezionali concernenti il Museo diocesano e proprio in relazione alla figura di un grandissimo santo quale è il nostro amatissimo e mai abbastanza venerato Gerardiello.

 

Condividi su:

logo miscia

Blog a cura del Dott. Michele Miscia

 

UNIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L’ANALFABETISMO

Ente Morale D.P.R. n° 181 dell’11.02.1952

Accreditato presso il MIUR ex art. 66 del vigente C.C.N.L. ed ex artt. 2 e 3 della Direttiva Ministeriale 90/2003,

aggiornata con la Direttiva Ministeriale 170/2016

DELEGAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA LACEDONIA (AV)


  • erdonea
  • vecevending

 

pubblicita

 

gallery

Clicca per accedere alla

Video Gallery

Seguici su Facebook

Supporta la tua Irpinia